11
settembre

Quarto Grado, la nuova stagione riparte dall’omicidio di Willy

Gianluigi Nuzzi

L’omicidio di Willy Monteiro, il ragazzo ucciso nel corso di una rissa a Colleferro, sarà al centro della ripartenza di . La trasmissione di Rete4 condotta da Gianluigi Nuzzi ricostruirà i fatti ed approfondirà la posizione dei quattro accusati, per i quali è stato convalidato l’arresto, nel corso del primo appuntamento della dodicesima stagione, in onda stasera alle 21.25.

Il dramma del 21enne ucciso di botte nella notte tra il 4 e il 5 settembre verrà analizzato nelle sue agghiaccianti modalità, sulle quale grava l’ombra del movente razziale. Nella puntata, anche l’inchiesta sulla morte di Viviana Parisi e del piccolo Gioele. I contorni della vicenda della donna e di suo figlio, di soli quattro anni, restano ancora poco chiari: si è trattato di omicidio-suicidio, incidente o «incontro sfortunato»?

La formula popolare del racconto sarà quella di sempre, caratterizzata da un linguaggio accessibile e da una traduzione anche scenografica degli aspetti affrontati. Ad affiancare Gianluigi Nuzzi ci saranno ancora Alessandra Viero e l’intera squadra della trasmissione, che si avvarrà di esperti ed ospiti. Tra questi, Luciano Garofano, Alessandro Meluzzi, Massimo Picozzi, Carmelo Abbate, Grazia Longo e Sabrina Scampini.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Alessandra Viero e Gianluigi Nuzzi in Quarto Grado
Quarto Grado: la nuova stagione riparte dal delitto di Elisa Pomarelli e dal caso «Bibbiano»


Gianluigi Nuzzi
Quarto Grado, Gianluigi Nuzzi riparte dal caso Ragusa. «Seguiamo solo la cronaca, non i sussulti emotivi»


Quarto Grado, Gianluigi Nuzzi
Quarto Grado: sentenza Bossetti in diretta, puntata speciale in prime time


Gianluigi Nuzzi
Quarto Grado raddoppia: debutta lo spin off domenicale in access prime time

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.