10
giugno

Buon Compleanno, Pippo… e ci dispiace per gli altri

Pippo Baudo

Pippo Baudo

Pippo Baudo o lo si ama o lo si odia, come tutto ciò che fa davvero la differenza. Per milioni di telespettatori che lo considerano la personificazione della tv, ce ne sono tanti altri che lo trovano superato, antico, onnipresente, e vorrebbero che lasciasse spazio ad altri. Una risposta per questi ultimi è stata la serata Buon Compleanno… Pippo, che Rai 1 gli ha dedicato in occasione dei suoi primi sessant’anni di carriera e del suo ottantatreesimo compleanno.

Solo Baudo poteva spingere Fiorello ad inaugurare un prime time Rai, quando questi normalmente fugge via in tutti i modi da certi frangenti. Solo lui poteva convincerlo ad esibirsi insieme, farsi abbracciare, e cantare; far commuovere Laura Pausini. E, sempre nella stessa sera, intervistare Giorgia, Jovanotti, ospitare Al Bano e Romina ed autocelebrarsi con un po’ di incenso, questo sì, ma mostrando ancora una volta quanto ha sempre saputo stare al gioco, facendosi strattonare i gioielli di famiglia e incassando torte in faccia col sorriso.

Per chi di Baudo è stanco, questo prime time sarà stato un’agonia. Perchè mai come ieri, il suo ridondante “l’ho inventato io!” ha preso vita, con una carrellata di volti e voci che sono venuti a rendere grazie, ricordando i momenti trascorsi con il conduttore di Militello ed ammettendo che a lui devono tanto. Personaggi che con la loro presenza e le loro testimonianze hanno risposto idealmente ad Heather Parisi, che ha cinguettato: “Siamo sicuri che ci sia merito nello scoprire un talento? Il talento non si svela se non quando e a chi decide di svelarsi. Il talento ti regala la libertà e la forza di ribellarti. Il talento è anarchico“. Ebbene si, a quanto pare il merito c’è.

Baudo, invece, in tv c’è sempre meno. E se a qualcuno sembra che sia ancora ed eternamente presenza fissa del piccolo schermo, è perchè la sua impronta è di fatto indelebile: di lui si parla, con lui ci si confronta, e la sua immagine rimbalza in ogni programma amarcord, in ogni ricordo, perchè lui è stato un po’ ovunque ed ha avuto a che fare con la stragrande maggioranza degli artisti italiani.

La storia di Pippo Baudo è ricca, c’è poco da fare, come e più di quella della stessa Rai. Lui è un Techetechetè naturale. Per lui ha preso vita venerdì una serata di tv, che nessun altro poteva permettersi e che forse nessun altro avrebbe meritato. Perchè di Baudo ce n’è uno solo… e ci dispiace per gli altri.

Buon compleanno, “zio” Pippo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Buon Compleanno... Pippo
Buon Compleanno… Pippo: stasera lo show-evento su Rai 1 per festeggiare Baudo. Tutti gli ospiti


Si può fare 2 - Yuri Chechi
SI PUO’ FARE!: MADDALENA CORVAGLIA VINCE ANCORA, MENTRE SUONA L’ALLARME TRISTEZZA


Il Viaggio - Rai 3
IL VIAGGIO, UN NONLUOGO FUORI DAL MONDO RACCONTATO DA PIPPO BAUDO


Matrimonio a Prima Vista - Fulvio
Matrimonio a Prima Vista 4: Fulvio è esasperato, Marco «poco virile»

4 Commenti dei lettori »

1. R101 ha scritto:

10 giugno 2019 alle 13:40

Un ciclo di 4 puntate di Serata d’Onore tra metà ottobre e metà novembre!
SuperPippo 👑!



2. controcorrente ha scritto:

10 giugno 2019 alle 20:37

si’.. anche io d’accordissimo con quanto scritto.. e in disaccordo con la Parisi.. avercene persone che scoprono-sostengono e spingono il talento altrui.. saremmo mesi diversamente in questo paese.. bisogna pero’ ammettere che nonostante l’assenza della Parisi e della Goggi.. meritavano maggiore considerazione nel corso della serata. li’ devo ammettere Baudo ha fatto una caduta di stile..



3. tim ha scritto:

10 giugno 2019 alle 20:38

un grandissimo. ha fatto una tv popolare difficilmente superabile anche oggi.



4. Parrrmigiano ha scritto:

11 giugno 2019 alle 10:37

Il miglior conduttore di Sanremo, e in assoluto un Maestro.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.