1
luglio

IL VIAGGIO, UN NONLUOGO FUORI DAL MONDO RACCONTATO DA PIPPO BAUDO

Il Viaggio - Rai 3

Il Viaggio - Rai 3

Difficilmente si troverà qualcuno a cui Pippo Baudo sia indifferente. E se lo trovassimo, sarà qualcuno che non conosce o non guarda la tv. Perché quelli che la seguono si dividono grossomodo in due categorie: quelli che lo amano perché rappresenta il passato, perché ricorda i bei tempi, e quelli che non lo amano affatto, in quanto fautori di una modernità da cui Baudo sembra lontano anni luce.

Ed in effetti, nella tv moderna, alla affannosa ricerca del cambiamento, il conduttore siciliano ci sta come i cavoli a merenda. Il nuovo programma di Baudo, Il Viaggio, in un contesto del genere conserva uno spazio in cui questa ricerca del nuovo si fa da parte, permettendo al telespettatore di respirare con più calma, donandogli rassicurazione. La trasmissione di Rai 3 (stasera la terza puntata della seconda serie) porta sulla testa quasi una spada di Damocle: il suo futuro (nonché il compenso del conduttore) dipendono dallo share, che per ora ruota attorno al 6%.

Un lungo giro a bordo di un camper, un nonluogo quasi fuori dal mondo che però porta il pubblico a visitare scorci d’Italia che si danno per scontati da sempre e di cui a volte si ignora la storia. Tappe importanti come Milano e Roma, immagini di repertorio e molti racconti, aneddoti di cui Pippo si sforza di rendere partecipe il pubblico continuando a diffondere quel sapore nazionalpopolare di cui è stato protagonista per oltre cinquant’anni, entrando in punta di piedoni nelle case dei telespettatori che in lui quasi vedono una sorta di memoria storica della cultura nostrana.

Certo, Baudo è rassicurante ma incute anche soggezione, essendo per indole ed esperienza un grande accentratore: gli ospiti che gli fanno compagnia nel suo viaggio devono mostrarsi più acuti e affamati di racconto di lui, per prendersi un proprio spazio; lo hanno fatto Biagio Antonacci con i suoi racconti di famiglia nella prima puntata ed Enrico Brignano nella seconda, stuzzicando il conduttore che si è divertito ad ascoltarli e a fargli da spalla. Perché se non partecipi attivamente, ti ritrovi come Barbara De Rossi che ha fatto quasi scena muta, passeggiando in carrozza dalle parti di piazza di Spagna con Baudo che la bombardava di chiacchiere e chicche. In questo senso, per la terza puntata si punta tutto su Neri Marcorè, ospite insieme a Giovanni Allevi dell’appuntamento dedicato alle Marche.

Quello di Rai 3 è un viaggio nel continuum spazio-temporale conosciuto non tanto per le parole spese dai filosofi ma per quelle del caro Doc in Ritorno al futuro. Per dirla in parole povere, Baudo osserva e racconta oggi un Paese che lui stesso ha contribuito a cambiare, che piaccia o meno. E lo fa usando un mezzo, quello televisivo, di cui lui stesso è stato protagonista per tanto tempo, un tempo che è lontano ma che non può essere dimenticato.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Si può fare 2 - Yuri Chechi
SI PUO’ FARE!: MADDALENA CORVAGLIA VINCE ANCORA, MENTRE SUONA L’ALLARME TRISTEZZA


Il Viaggio Pippo Baudo polemiche
IL VIAGGIO: E’ POLEMICA TRA PIPPO BAUDO E L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D’ITALIA


Pippo Baudo, Il Viaggio
IL VIAGGIO: PIPPO BAUDO TORNA A GIRARE L’ITALIA SU RAI3. SI PARTE DA MILANO


pippo baudo
PIPPO BAUDO TUONA CONTRO MUSICA E TV: QUANDO VEDO CHIARA NEGLI SPOT PROVO UNA GRAN PENA

5 Commenti dei lettori »

1. Mickey ha scritto:

1 luglio 2013 alle 13:19

Baudo è sempre “il conduttore siciliano”. Adesso potremmo finalmente conoscere le regioni di appartenenza di tutti gli altri personaggi della televisione di cui si parla giornalmente? Perché (esempio) Marcuzzi non è mai “la conduttrice laziale” o Carlucci “la showgirl abruzzese”? Lo chiedo senza polemica, eh. Da anni nei media viene sempre, puntualmente evidenziata la nascita siciliana dei “famosi” ma non le altre ;-)



2. Luca ha scritto:

1 luglio 2013 alle 13:26

A ME BAUDO PIACEVA SEGUIRLO QUANDO FINO A TRE ANNI FA CONDUCEVA DOMENICA IN ERA BELLO CON TUTTI I CANTANTI DEL MOMENTO ORA I PROGRAMMI CHE FA NON MI PIACCIONO TANTO SONO MOLTO NOIOSI
PERCHE’ LA RAI NON GLI RITAGLIA UN PICCOLO SPAZIO A DOMENICA IN OLTRE ALLA VENIER E GILETTI ?



3. Stefania Stefanelli ha scritto:

1 luglio 2013 alle 13:27

Forse perché lui è orgoglioso della sua terra e ne parla spesso, così resta ben impresso in memoria. Come Carlo Conti, che lo sappiamo tutti che è toscano. Molti altri non fanno quasi mai riferimento alle proprie origini e non viene a noi di farlo…



4. Serena ha scritto:

1 luglio 2013 alle 13:32

Sono d’accordo con Luca!

CHIEDO: IL SITO DI DAVIDE MAGGIO PUO’ FARE UN INTERVISTA CON BAUDO SU PRESENTE E FUTURO E NON DEL PASSATO!
SAREBBE INTERESSANTE!

SCRIVETE NEI COMMENTI QUELLO CHE PENSATE SU QUESTA PROPOSTA CHE RIVOLGO GENTILMENTE A DAVIDE MAGGIO!
GRAZIE!



5. Marco da genova ha scritto:

1 luglio 2013 alle 13:36

SPERIAMO CHE FACCIANO UN’INTERVISTA CON PIPPO BAUDO SONO CURIOSO DI SAPERE COSA FARA’



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.