4
settembre

E’ morto Gastone Moschin

Gastone Moschin

Gastone Moschin

Per i più rimarrà il simpatico architetto Rambaldo Melandri di Amici Miei, ma Gastone Moschin, morto quest’oggi a 88 anni nell’ospedale Santa Maria di Terni, dove era ricoverato da qualche giorno, è stato un poliedrico attore con una lunga carriera divisa fra teatro, cinema e televisione. Moschin, la cui morte è stata resa nota dalla figlia Emanuela su Facebook, era nato l’8 giugno del 1929 a San Giovanni Lupatoto in provincia di Verona.

La carriera dell’attore è iniziata negli anni cinquanta a teatro con la Compagnia del Teatro Stabile di Genova e del Piccolo Teatro di Milano, per poi proseguire con il Teatro Stabile di Torino. Il debutto cinematografico risale invece al 1955 con il film La Rivale, di Anton Giulio Majano. Nel 1959 esordisce nella commedia all’italiana con il film Audace colpo dei soliti ignoti, ma il ruolo che più di altri lo fa notare al pubblico è quello di Carmine Passante nella pellicola Gli anni ruggenti del 1962. Seguono numerosi film come il noir Milano calibro 9, Don Camillo e i giovani d’oggi, Il Delitto Matteotti e Squadra Volante. Tra i ruoli più celebri quelli del malvagio Don Fanucci ne Il Padrino – Parte II di Francis Ford Coppola e del già citato architetto romantico Rambaldo Melandri nella saga di Amici Miei, al fianco di Ugo Tognazzi, Philippe Noiret, Adolfo Celi e Duilio Del Prete.

Gastone Moschin in televisione

Gastone Moschin è stato molto presente anche sul piccolo schermo. Il debutto avviene nel 1955 con Istantanea sotto l’orologio di Gastone Tanzi. La grande popolarità tra i telespettatori arriva però grazie agli sceneggiati di Sandro Bolchi Il Mulino del Po (1963) e soprattutto I Miserabili (1964), dove veste i panni del protagonista Jean Valjean. Nel 1979 prende parte a I racconti fantastici di Edgar Allan Poe, con la regia di Daniele D’Anza, mentre nel 1984 viene nuovamente diretto da Bolchi in Melodramma. Nel 1991 recita in Macaronì, serie tv ispirata al romanzo autobiografico di François Cavanna, figlio di un muratore italiano immigrato in Francia, e nel 1996 prende parte ad un episodio della fiction Rai L’avvocato delle Donne con Mariangela Melato. Le ultime apparizioni in tv risalgono al biennio 2000/2001 con le prime due stagioni di Don Matteo, nel ruolo di Vescovo di Gubbio, e in Sei forte maestro, ricoprendo la parte del padre del protagonista Emilio (Emilio Solfrizzi).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Aldo Biscardi
E’ morto Aldo Biscardi


Gero Caldarelli
E’ morto Gero Caldarelli, il mimo che animava il Gabibbo


Paolo Villaggio
Paolo Villaggio: tutti gli omaggi di Rai, Mediaset, Sky, La7 e Discovery


paolo villaggio
E’ morto Paolo Villaggio

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.