12
aprile

La Prova del Cuoco lascia Cinecittà e torna alla Dear per la stagione 2017/2018

La Prova del Cuoco

La Prova del Cuoco

La Prova del Cuoco si appresta a chiudere una delle stagioni più deludenti, almeno a giudicare dagli ascolti. E sarà per questo che Antonella Clerici guarda con entusiasmo già alla prossima edizione, la numero diciotto, al via l’11 settembre 2017.

Durante la puntata in onda ieri, la padrona di casa del mezzogiorno di Rai 1 ha annunciato che per la stagione 2017/2018 La Prova del Cuoco si ripresenterà del tutto rinnovata, a cominciare dallo studio. Non più a Cinecittà, dove è tornata da due anni, ma in diretta dagli studi della Dear, che è stata la casa del programma per ben tredici edizioni (dal 2002 al 2015).

Le novità, ancora top secret, riguarderanno anche la struttura dello show culinario, con nuove rubriche e nuovi volti ai fornelli, che accompagneranno i telespettatori, sempre dal lunedì al venerdì, all’appuntamento con il Tg1 delle 13.30.

E proprio i telespettatori hanno rappresentato un po’ la nota dolente nella stagione in corso per La Prova del Cuoco, che si è attestata ad un poco entusiasmante 15% di share, perdendo spesso la leadership della fascia a favore della concorrenza di Canale 5 con Forum.

Un’edizione completamente nuova, dunque, arriva forse al momento giusto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Benedetta Parodi e Antonella Clerici
LA PROVA DEL CUOCO: BENEDETTA PARODI NUOVO GIUDICE. AIUTERA’ A RISALIRE LA CHINA?


La Prova del Cuoco 2016/2017 - Prima puntata
LA PROVA DEL CUOCO: LA RICETTA RESTA BUONA, MA ALCUNI INGREDIENTI SONO SCADUTI (COME ANNA MORONI)


La prova del cuoco
LA PROVA DEL CUOCO: RIPARTE SU RAI 1 IL MEZZOGIORNO DI ANTONELLA CLERICI. ECCO LE NOVITA’


clerici la prova del cuoco
ANTONELLA CLERICI: “NON ANDREI PIU’ CON PROGRAMMI SPERIMENTALI CONTRO MARIA DE FILIPPI”. RICETTE HOT A LA PROVA DEL CUOCO

4 Commenti dei lettori »

1. sboy ha scritto:

12 aprile 2017 alle 17:02

La PDC è un programma che difficilmente puoi rivoluzionare. Se lo fai cambi direttamente nome al programma. La Clerici in primis o cambia il suo modo di condurre (guardatevi una puntata di 4-5 anni fa per rendervi conto) o lascia posto ad un altra (Isoardi non aveva sfigurato)
Infine Chapeau a Barbara Palombelli per aver fatto rinascere un programma che con la sua precedente conduttrice aveva toccato fondi disastrosi, riprendendosi la leadersip del mezzogiorno e lasciando alle altre le briciole sui loro fornelli.



2. rds ha scritto:

12 aprile 2017 alle 17:22

A me spiace per la Clerici, che è una brava conduttrice, ma temo che PDC sia definitivamente usurato come format. Per quanto uno possa apportare cambiamenti e novità, il programma resto quello…E’ vero che è stato uno dei primi programmi di cucina a funzionare in TV, ma è anche vero che ormai cucinano tutti e a tutte le ore. Per la Clerici non sarà ora di fermarsi un attimo e ragionare su un – vero – nuovo prodotto da proporre in RAI? (o altrove…)



3. Michele ha scritto:

12 aprile 2017 alle 19:17

La Clerici sa bene che programmi quotidiani come questo è bene tenerseli stretti, ma sono convinto che non sia più nelle sue corde già da tempo ormai.

Oltre ad un (necessario) restyling penso che potrebbe beneficiare anche dal cambio al timone (com’è appunto accaduto per Forum).
La Capua sarebbe perfetta in questo momento (che a prescindere mi piacerebbe rivedere in un daytime Rai).



4. paolon ha scritto:

12 aprile 2017 alle 19:23

La prova del cuoco era bella quando cera bigazzi e ciro vestita.Adesso non mi piace piu e basta sta anna moroni vada in pensione lasci posto ai giovani! che poi non cucina neanche tanto bene!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.