30
maggio

NON DIRLO AL MIO CAPO 2 CI SARA’?

Non dirlo al mio capo

E’ durata troppo poco l’avventura di Non dirlo al mio capo: visti gli ascolti soddisfacenti, le vicende legali intrise d’amore di Lisa (Vanessa Incontrada) ed Enrico (Lino Guanciale) avrebbero tranquillamente potuto intrattenere i telespettatori di Rai 1 ancora per un po’. Invece questa sera, con la messa in onda della sesta ed ultima puntata, i loro personaggi si sono congedati dal pubblico…. ma torneranno in video prima o poi?

Non dirlo al mio capo: nessuna conferma per la seconda stagione

Manca poco alla presentazione ufficiale dei palinsesti della prossima stagione televisiva e solo allora si avranno, forse, notizie in merito. Per il momento, infatti, una seconda stagione non è stata confermata e non la si può dare per scontata, visti i trascorsi dell’azienda pubblica, che ha cassato alcuni titoli di successo per ragioni di stallo narrativo o per voglia di sperimentare altro. Cosa che sa bene la Incontrada, reduce dalla clamorosa sparizione di Un’altra vita.

Non dirlo al mio capo 2: perchè proseguire

Nel caso della fiction Lux Vide, però, il problema del blocco narrativo non si pone proprio, dal momento che il finale è stato lasciato più che aperto e ora che Enrico ha scoperto che Lisa gli ha mentito e che in realtà è madre di due figli, ci sono tanti scenari da esplorare e tante situazioni da mettere in scena, che potrebbero riempire ancora pagine e pagine di sceneggiatura. E i due interpreti principali difficilmente si tirerebbero indietro.

Non bisogna dimenticare poi il resto del cast, che ha dato vita ad un parterre di comprimari ricco di personalità e storie da raccontare e che, con un po’ di attenzione in più sui dialoghi e messa in scena, potrebbe dare ancora qualche soddisfazione. Basterebbe per esempio ripartire da Perla, il riuscitissimo personaggio di Chiara Francini; si potrebbe creare una storia d’amore per Marta – il personaggio che Giorgia Surina, che è stata appena operata per un tumore benigno al seno, ha saputo rendere molto bene – e c’è ancora tutta la linea adolescenziale con protagonisti Mia (Ludovica Coscione) e Romeo (Saul Nanni) da far crescere.

Basteranno questi motivi per convincere la Rai? A questo punto non resta che aspettare.



Articoli che potrebbero interessarti


Non dirlo al mio capo 2
CARI SCENEGGIATORI, DATECI UN TAGLIO. O MEGLIO, UNA FINE


Non dirlo al mio capo
NON DIRLO AL MIO CAPO: ANTICIPAZIONI SESTA ED ULTIMA PUNTATA DI LUNEDI 30 MAGGIO 2016


Non dirlo al mio capo - Chiara Francini
NON DIRLO AL MIO CAPO: CHIARA FRANCINI E’ (UNA) PERLA


Non dirlo al mio capo 2
NON DIRLO AL MIO CAPO: OTTIMI GLI INGREDIENTI, MA CUCINATI CON POCA CURA

2 Commenti dei lettori »

1. emanuele ha scritto:

31 maggio 2016 alle 08:30

Sicuramente ci sarà una seconda serie!…la fiction è andata benissimo ( media del 24/25%)…sarebbero dei pazzi a non fare una seconda stagione!



2. LadyAileen ha scritto:

31 maggio 2016 alle 11:51

Secondo me, è scontato che ci sarà per ovvi motivi:
1. Le fiction che raggiungono i 6 milioni sono pochissimo e sarebbe assurdo mollarla.
2. Un’altra vita aveva una tematica più controversa per questo è stata lasciata ma qui è commedia allo stato puro.
3. Se non fanno un’altra stagione rischiano che i telespettatori non guardino più le fiction rai dato che sta diventato di moda lasciarle con finale aperto. Grand Hotel, Il Paradiso delle Signore, Don Matteo 9.

L’unica cosa è che forse trasformare anche le fiction italiane in telenovele farà stufare i telespettatori prima o poi. Una volta i protagonisti delle fiction coronavano il loro sogno d’amore e si spostava l’attenzione su una nuova coppia. Invece oggi i protagonisti si innamorano della stessa persona per un paio di stagioni, nella terza s’innamorano di un’altra e nella quarta è lei che si innamora di un altro. Deprimente.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.