12
settembre

GIORGIO GORI ESCE DAL CDA DI ZODIAK MEDIA E CEDE A DE AGOSTINI LA QUOTA AZIONARIA

Giorgio Gori

Giorgio Gori ha rassegnato oggi le proprie dimissioni da Consigliere di amministrazione di Zodiak Media e contestualmente ha negoziato la cessione a De Agostini dell’intera quota azionaria che egli stesso deteneva all’interno della società. L’imprenditore, dunque, ha cambiato lavoro nella prospettiva di cambiare l’Italia: Gori, infatti, è attualmente impegnato a fianco di del sindaco di Firenze Matteo Renzi nella gara per le elezioni primarie del centrosinistra.

Non a caso, la decisione di uscire anche dal board e dall’azionariato della società – di cui deteneva circa il 3 % – è stata motivata proprio dal desiderio di dedicarsi totalmente ai suoi nuovi progetti in ambiti diversi da quello dei “Media”. In altre parole, ora Gori si occuperà a tempo pieno all’attività di spin doctor del rottamatore Renzi, che in queste settimane ha ufficializzato la sua discesa in campo a livello nazionale.

Nel prendere atto delle decisioni assunte da Gori – che hanno implicato il venir meno di ogni relazione professionale e di partecipazione azionaria con società controllate dal Gruppo De Agostini –  quest’ultimo esprime un particolare ringraziamento a Giorgio Gori per l’impegno e il contributo profusi in questi anni di intensa collaborazione. Così si legge in una nota del gruppo novarese.

Nel novembre scorso, Gori aveva già lasciato tutti gli incarichi operativi all’interno di Zodiak Media. Con le dimissioni di oggi, la seperazione dalla società è definitiva.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Giorgio Gori
GIORGIO GORI LASCIA LE CARICHE OPERATIVE IN ZODIAK MEDIA GROUP (MAGNOLIA INCLUSA)


Massimo Bruno
Alpha: DeAgostini ci riprova con un canale al maschile sul 59 del Digitale Terrestre


marco-bassetti
BANIJAY – ZODIAK: COMPLETATA LA FUSIONE


Vivendi
VIVENDI: TRATTATIVA ESCLUSIVA PER ENTRARE IN BANIJAY-ZODIAK. “ABBIAMO 9 MILIARDI CASH”

3 Commenti dei lettori »

1. Pippo76 ha scritto:

12 settembre 2012 alle 18:53

Tra Renzi, Grillo, Bersani, Casini e Berlusconi non saprei proprio chi scegliere… (in ottica primarie ed elezioni)
Siamo davvero in buone mani



2. Giuseppe ha scritto:

13 settembre 2012 alle 04:14

Pippo, magari ci fosse anche Monti in lizza… Comunque, è evidente che per Gori il gioco vale la candela e, considerato il poco probabile successo di Renzi alle primarie, tuttavia ha forse in vista se non un approdo ministeriale qualche poltronissima in caso di vittoria elettorale del PD. Niente di negativo, in fondo è un tecnico anche lui e i tecnici andranno di moda ancora per un bel pezzo e, se l’avventura poltica dovesse andare male, non credo che Gori rimarrebbe, ad ogni modo, disoccupato.



3. Valerio ha scritto:

14 settembre 2012 alle 08:12

@ Giuseppe: Gori nel Pd? Da cosa accrediteresti come credibile un’ipotesi del genere? Renzi vorrebbe un centrosinistra ancora (!) più a destra di quanto non sia già, ha idee conservatrici: è chiaro che non potrà mai vincere le primarie e menchemeno le elezioni perché tra gli elettori di centrosinistra è molto minoritario nei consensi e a sinistra lo detestano. Per cui è chiaro che Renzi a medio termine entrerà in un nuovo contenitore politico di centro-centrodestra e con lui andrà Gori con molta probabilità. Renzi è ambizioso e scalpita per essere il protagonista, non la comparsa del partito in cui milita. Non credo che il Pd riserverebbe poltrone addirittura da ministro o da sottosegretario a Gori, poiché non rappresenterebbe vista la sua vicinanza a Renzi una sufficiente garanzia di indipendenza rispetto alle influenze berlusconiane. E si sa, dopo quello che non è stato mai fatto in termini di conflitto d’interessi, il Pd non potrebbe permettersi un ulteriore errore di valutazione così grande rispetto al proprio elettorato.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.