12
marzo

SLOW TOUR: BLADY E ROVERSI TORNANO IN TV. L’ITALIA IN CHIAVE GREEN SU RETE 4

Patrizio Roversi e Syusy Blady

L’Italia in modalità slow. Un viaggio green nei meandri meno conosciuti del Belpaese in compagnia di due grandi conoscitori di natura, tradizioni e arte come Patrizio Roversi e Syusy Blady. Titolo emblematico per il nuovo programma che con il riferimento semantico alla lentezza si riallaccia a tutta un’aria culturale del Paese che propone modelli alternativi di sviluppo.

Le tappe di Slow Tour seguiranno una messa in onda essenzialmente da striscia quotidiana. Mediaset ospita in 20 speciali quest’avventura su Rete 4 dedicandole lo slot feriale che va dal lunedì al venerdì alle ore 10,50. Previsti già anche quattro ulteriori appuntamenti, di domenica, dalle ore 14,00, ma solo dal 25 marzo.

La nuova missione dei nomadi documentaristi? Come scrivono sul loro blog: ”Contribuire a drenare il turismo mordi-e-fuggi che invade le nostre città senza lasciare nulla, inducendolo a rallentare, a fruire delle pieghe dell’offerta turistica diffusa.”

In filigrana c’è il filone dello SlowFood che da anni anima alcune realtà italiane e che due bolognesi come i conduttori hanno potuto osservare da vicino nella città delle due torri, molto attiva nella creazione di percorsi enogastronomici che sappiano legarsi al mondo della cultura.

L’orizzonte del viaggio si sposterà sulle coordinate di Sicilia, Campania, Calabria, Sardegna, Toscana, Liguria, Veneto e Friuli. Più centrosud che nord ma con un larghissimo sguardo su estremi italiani tanto belli, quanto diversi. Percorsi da fare in auto, se uno vuole, ma anche a piedi, in bicicletta, a cavallo, con mezzi elettrici o a metano, in barca o in treno, con qualsiasi mezzo ecologico.

Dare luce a tipicità locali e a nuovi fenomeni di consumo che potrebbero rivelarsi decisive per salvare alcune economie a rischio di estinzione nella dinamica globalizzante ed accentratrice che lascia prevedere ondate di sovraffollamento, contrapposte a fenomeni intensi di necrosi di molte piccole realtà.

Documentari che promettono di innovare il linguaggio tipico del genere mirando a completare la panoramica sul nostro paese affiancando virtualmente le altre trasmissioni, come Lineaverde, Lineablu, Mediaverde, che già fanno della natura il loro soggetto e il loro oggetto. Un’Italia che guarda più a Il paesaggio e il silenzio di Eugenio Turri che ai corridoi europei di collegamento, alias TAV.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Turisti per caso (Patrizio Roversi e Susy Bladi)
RAITRE TIENE IN STAND BY I “TURISTI PER CASO” ROVERSI E BLADY


Conduttori Linea Verde 2016-2017
LINEA VERDE: IL VIAGGIO DI FEROLLA E ROVERSI RIPARTE ALLA SCOPERTA DELLA MELA DEL FUTURO


In viaggio con la zia
IN VIAGGIO CON LA ZIA: SYUSY BLADY E LIVIO BESHIR IN GIRO PER L’ITALIA TRA ARTE, CURIOSITÀ E MISTERI


David Copperfield - Giorgio Pasotti
DAVID COPPERFIELD: DALLA PENNA DI DICKENS AGLI SCHERMI DI RAIUNO

10 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

12 marzo 2012 alle 11:05

Da sottolineare quella “dinamica globalizzante ed accentratrice che lascia prevedere ondate di sovraffollamento, contrapposte a fenomeni intensi di necrosi di molte piccole realtà”. Piccole realtà che rischiamo di rivedere malinconicamente solo nei documentari. Sempre gradevoli e graditi quelli di Patrizio Roversi e Susy Blady.



2. pig ha scritto:

12 marzo 2012 alle 11:27

Bene, son contento che Rete 4 faccia qualche investimento per nuovi programmi.30 minuti però sono troppo pochi(da contare pure la pubblicità che sta in mezzo).La domenica in prima serata per me avevano funzionato, chissà se per l’estate ci penseranno



3. marcko ha scritto:

12 marzo 2012 alle 11:43

ke bello ! li seguo da tantissimo, mi son sempre piaciuti.
spero ke riescano a ricavarsi un loro pubblico su rete4,
xkè in tv c’è bisogno di programmi leggeri ma intelligenti,
ke loro hanno dimostrato di sape fare.

ki mi sa dire se privatamente stanno di nuovo insieme o se sono ancora separati?



4. tinina ha scritto:

12 marzo 2012 alle 12:21

marcko

dovrebbero essere ancora separati anche se hanno un ottimo rapporto. Tempo fa’, in TV, Susy ha dichiarato che abitano nella stessa palazzina, ad uno o due piani di distanza e che lui cucina anche per lei perché lei sembra sia una frana!



5. giuseppe ha scritto:

12 marzo 2012 alle 12:46

questa rete che cambia identita sempre dal rosa asfissiante degli anni 90 poi di colpo con il direttore scheri giallo nero e il numero infinito dei telefilm polizieschi che saranno serviti un sacco a criminologi ispettori e tenenti e adesso il verde
ma non si potrebbe accontentare un po tutti donne uomini anziani invece di fissarsi su un unico stile di genere?????



6. marcko ha scritto:

12 marzo 2012 alle 14:53

grazie tinina.



7. Markos ha scritto:

12 marzo 2012 alle 17:32

Melaverde semmai! Va bene che va in onda sulle reti Mediaset, ma Mediaverde ahah



8. claudia ha scritto:

12 marzo 2012 alle 19:52

Sono felicissima che siano tornati Susy Blady e Patrizio Roversi in tv con questo programma……e’ molto carino, del resto come tutti i loro programmi!!Preferirei che lo trasmettessero di pomeriggio o addirittura di sera!!



9. matteo ha scritto:

12 marzo 2012 alle 19:58

Evviva uno dei pochi programmi che riesco a guardare con interesse!!!!!! Susy e Patrizio sono bravissimi……peccato che dura poco tempo e che viene trasmesso di mattina e non di pomeriggio o addirittura in prima serata;Speriamo che cambino orario,sarebbe un peccato perdere qualche puntata!!!!!!



10. Amerigo ha scritto:

12 marzo 2012 alle 20:04

Finalmente sono tornati……….Patrizio e Blady oltre che bravi sono anche simpaticissimi!!!! Unico neo,preferirei vederli in prima serata!!!!!!!!!!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.