12
maggio

YOUTUBE NEGLI USA HA SUPERATO LA TV PER SPETTATORI. ORA IL COLOSSO PENSA AD UNO STREAMING PAY

Ceo Youtube, Susan Wojcicki

Negli Stati Uniti il futuro è appena iniziato: il sorpasso è inesorabilmente avvenuto. Proprio in America, infatti, Youtube ha superato la tv per numero di spettatori, raggiungendo “solo su smartphone e tablet più 18-49enni che qualsiasi emittente televisiva“. Lo ha affermato il Ceo di Youtube, Susan Wojcicki, durante l’annuale incontro con i principali inserzionisti pubblicitari. La popolare piattaforma web, forte dei suoi numeri da capogiro, sta mettendo a punto nuovi servizi che potrebbero presto riguardare la tv, rivoluzionandone la fruizione.

Secondo la Wojcicki, negli Usa la tv avrebbe già perso il primato tra i telespettatori under 50, anche nel prime time. “In prima serata raggiungiamo più pubblico tra i 18 e i 49 anni che i primi 10 programmi televisivi messi insieme”  ha evidenziato la top manager di Youtube, citando una ricerca commissionata da Google (che di Youtube è proprietario) a Nielsen rispetto al territorio statunitense.

L’interesse suscitato da YouTube nella fascia 18-49 anni è un segnale molto positivo per il colosso del web, che – in termini economici – si traduce in una maggiore appetibilità per gli investitori pubblicitari (che, per la verità, sarebbero attratti dai video marchiati Google Preferred più che dai contenuti amatoriali, ritenuti ancora poco redditizi). “In un periodo in cui le reti televisive perdono audience, YouTube sta crescendo in ogni regione e su ogni tipo di schermo” ha commentato la Wojcicki.

E non è tutto: la vera novità, infatti, starebbe ancora per arrivare. Secondo indiscrezioni lanciate da Bloomberg, YouTube starebbe pensando a un servizio televisivo online nel 2017 e starebbe valutando l’introduzione di ‘Unplugged’, un servizio a pagamento con il quale offrirà lo streaming di alcuni canali televisivi.

Pare che la società abbia già avviato contatti con i maggiori network americani, ma al momento non si sarebbe ancora assicurata alcun diritto. Al di là dei toni enfatici, qualora il progetto vedesse la luce, quella lanciata da Youtube sarebbe una novità destinata ad influire sulla fruizione alla piattaforma. Il caso del colosso americano Netflix – ormai ben avviato – dimostra che, in realtà, la rivoluzione è già iniziata.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Francesco Gabbani, Fiorella Mannoia, Ermal Meta
FESTIVAL DI SANREMO 2017: FIORELLA MANNOIA FA IL PIENO DI VISUALIZZAZIONI


Mediaset
MEDIASET-GOOGLE: PACE FATTA E ACCORDO SUI CONTENUTI VIA YOUTUBE


Luigi Gubitosi rai youtube
RAI: I VIDEO DELLA TV PUBBLICA VERSO L’ADDIO A YOUTUBE


One month Miki Cadeddu
ONE MONTH: AL VIA LA PRIMA SERIE WEB GIALLO/MUSICAL CON MICHAEL CADEDDU, ALIAS CICCIO MARTINI

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.