3
maggio

COLORS: UN MECCANISMO (QUASI) “TURLUPINANTE” PER GIOCHI ALLA PORTATA DI TUTTI

Colors

Sintonizzarsi alle 14:00 su Rai 1 e trovare Amadeus alle prese con un quiz già di per sé può destabilizzare lo spettatore, abituato a sedersi a quell’ora nei salotti o nelle aule di tribunale televisivi. Se poi la scenografia del programma richiama alla mente quella di Affari Tuoi e alcuni meccanismi sembrano teletrasportarlo a L’Eredità, allora il gioco si fa duro… Ma Amedeo Sebastiani dev’essere un duro, perchè ha iniziato ieri  – lunedì 2 maggio 2016 – a giocare con il pubblico a Colors, con risultati finali nel complesso interessanti.

Colors: Amadeus è un ottimo padrone di casa

Il quiz incentrato (alquanto forzatamente) sull’amore, con tre coppie di innamorati che si sfidano a suon di giochi di parole, è piacevole e formato da manche nelle quali può mettersi alla prova anche il telespettatore. Il conduttore crea come sempre un clima familiare e divertente, coinvolge il pubblico in studio e gioca con i concorrenti, rendendoli protagonisti di vari siparietti che abbattono le barriere tra lui e loro.

Colors: troppi giochi, ma di temi nazionalpopolari

A livello di contenuti c’è un po’ di tutto, e nulla che richieda conoscenze specifiche, il che è ottimo per arrivare ad un pubblico frettoloso ed eterogeneo come può essere quello della fascia post prandiale: ci sono domande di logica, altre di puro gossip – con tanto di coinvolgimento ideale delle varie Milly Carlucci, Maria De Filippi e Barbara D’Urso – e altre ancora di musica, cosicché si arriva spesso e volentieri ad intonare festosi ritornelli tutti insieme.

Ci sarebbe tuttavia ancora da lavorare sul meccanismo, che non è stato semplificato granché rispetto alla puntata pilota andata in onda nel luglio di due anni fa sicuramente. I giochi sono tanti, l’assegnazione dei punteggi non è chiara – sembra che basti vincere l’ultima manche di ogni gioco per vincere il colore in palio, indipendente dalle precedenti, che appaiono dunque inutili – e da principio ci si sente un po’ turlupinati (come Chandler e Ross quando prepararono con Joey il provino per un game show in Friends).

Ma forse bisogna solo farci l’abitudine (qui gli ascolti della prima puntata).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Colors
COLORS: AL VIA NEL PRIMO POMERIGGIO DI RAI 1 CON AMADEUS. ECCO IL MECCANISMO


Amadeus 2
COLORS: A MAGGIO AMADEUS PORTA IL QUIZ NEL PRIMO POMERIGGIO DI RAI 1


Pick Up - Umberto Broccoli
Pick Up: le Storie a 45 Giri di Rai 1 riportano al passato con semplicità e modernità


Veronica Maya - Quelle Brave Ragazze
Quelle Brave Ragazze: brio e rischio confusione nel mattino di Rai 1

3 Commenti dei lettori »

1. IvY ha scritto:

3 maggio 2016 alle 13:31

Non capisco sto fatto di far partecipare solo coppie.. fosse un date show ok, ma dato che si tratta di un quiz non c’é un nesso.



2. Marico' ha scritto:

3 maggio 2016 alle 16:39

Brutto e banale; e poi il conduttore ha stancato…vuole fare il piacione ma non gli riesce naturale. Gia dovremo sopportarcelo nei prossimi mesi fino a settembre cpn Reazione a catena (era ben piu gradito Insegno).Perché la Rai si adegua al basso della concorrenza? Non tutti gli italiani amano il trash neppure dopo il pranzo.



3. lorenzo ha scritto:

3 maggio 2016 alle 21:22

Il programma è molto carino e Amadeus è molto bravo .. unica pecca dura troppo! … alle 15:00 deve terminare … tevono tagliare qualcosa tipo la fase “rubo i colori” i campioni diventano chi ha più colori in caso di parità faranno uno spareggio .. anche perchè può darsi che la squadra in vantaggio e cha vinto piu giochi arriva a “ruba i colori” e perda tutto … non è un meccanismo giusto.
Con aggiustamenti comunque, Colors è ottimo per il pomeriggio di rai1 che da un pò di bio al pomeriggio noioso e triste con i tribunali e la cronaca nera



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.