4
ottobre

ROSSO SAN VALENTINO: UN PROFUMO, UN AMORE, UN MISTERO. NEL 2013 SU RAI 1

Il cast di Rosso San Valentino

Il cast di Rosso San Valentino

E’ stato presentata ieri sera al Fiction Fest di Roma, la nuova produzione Endemol per Rai 1, Rosso San Valentino. Sei puntate da cento minuti che, basta leggere le prime dieci righe della sinossi, per rassegnarsi all’idea, un po’ romantica, un po’ vintage che è tornato. No, non San Valentino. Perchè se Endemol potrebbe far rinascere un Grande Fratello dalle ceneri de “Lo zio d’America”, per la rinascita di un santo non si è ancora attrezzata con le adeguate strutture. E’ lo sceneggiato a essere tornato.

In televisione però valgono regole severe. E la prima regola dello sceneggiato e’… non dire mai che è uno sceneggiato. È una fiction. Sempre.

Massimo Del Frate, direttore fiction Endemol,  sottolinea come abbiano sempre preferito la media e lunga serialità invece della formula del tv movie e della mini serie, prodotto più immediato e probabilmente anche di più facile appeal sul pubblico e che comunque in passato la casa di produzione ha avuto modo di sperimentare (come con “il Generale Dalla Chiesa”). E ‘Rosso San Valentino’ è una fiction sul profumo, sulla Liguria e sull’amore“, spiega Del Frate.

Un uomo e una donna si amano e decidono di preparare insieme un delizioso e profumato pesto alla genovese. L’odore del basilico inebria l’aria della casa. Una piccola discussione se aggiungere o no l’aglio interrompe l’idillio, ma poi l’amore trionfa e il pesto è lì nella sua ciotolina, pronto a condire 250 grammi di trenette. Quelle che la coppia ha rubato la mattina precedente in una nota gastronomia di San Remo. Ah no, scusate, ma il daltonismo incombe. Questa era la trama di Verde, San Remo.

Torniamo a Rosso San Valentino. Seconda regola dello sceneggiato è quella di trovare una famiglia con una dichiarazione dei redditi dai sei ai nove zeri o che quantomeno abbia un rapporto stabile con la Consob. Nel caso di Rosso San Valentino è la famiglia Danieli, che gestisce un’azienda di cosmetici il cui prodotto di punta è appunto il profumo Rosso San Valentino. Laura, interpretata da Alexandra Dinu, grazie alle sue capacità olfattive, è la donna che aiuterà Guido Danieli (Andrea Giordana) a ricreare la famosa fragranza.

Peccato sia anche la figlia del tecnico che qualche anno prima ha causato un gravissimo incidente mortale in azienda, che sia tornata decisa a riscattare la memoria del padre e che, appena arrivata, faccia innamorare Giovanni (Luca Bastianello), figlio minore di Guido e promesso sposo di Sofia (Lorena Cacciatore). Perché questi giovani uomini di oggi, soprattutto se rampolli delle famiglie bene, hanno le crisi da eccesso di responsabilità quando con una donna devono fare l’upgrade dall’aperitivo alla cena, ma poi incontrano una, la guardano negli occhi e arrivano alla maturità sentimentale con una corsa che nemmeno Bolt alle Olimpiadi di Londra.

Seicento minuti complessivi di messa in onda al netto della pubblicità richiedono però una storia più articolata. E così ecco comparire un fratello maggiore, Giorgio Danieli (Paolo Romano) con una moglie perfida, Daria (Elisabetta Pellini), un antagonista spietato e desideroso di vendetta, Lorenzo Da Varano (Simon Grechi) e una serie di altri personaggi ad arricchire una storia che,  visti i 7 minuti di backstage andati  in onda durante la presentazione, tra pistole, salvataggi e passati oscuri, potrebbe trovare una definizione che non offenda nessun genere e sottolinei il connubio, che tanto appassiona il pubblico italiano in questo periodo, tra il melò e il noir. Il menò.

La programmazione è prevista per l’inizio del 2013. La fiction è stata prodotta per Rai Uno con le conseguenti necessità legate al target di riferimento ed è incentrata su una storia d’amore intensa e contrastata, condita da misteri, intrighi e incomprensioni. Il rischio è che i dialoghi siano poco brillanti per lasciare più spazio al pathos e che troppo thriller e troppo amore nella stessa storia stridano come un gessetto sulla lavagna. La speranza è che Mediaset non risponda alla programmazione con un Benvenuti a Tavola 2.

Tutto il resto, per commentarlo, bisognerà guardarlo. Ci ritroveremo quindi su questo blog, l’anno prossimo, in data che verrà successivamente comunicata, per commentare la prima puntata di Rosso San Valentino.

Questo post si autodistruggerà tra cinque minuti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Rosso San Valentino 8
ROSSO SAN VALENTINO: DA QUESTA SERA RAI1 PROFUMA D’AMORE


Carolina Russi (The Voice 2)
DOMENICA IN 2014/2015 ARRUOLA I TALENT(I)


Domenica Live 5
SPECIALE DM LIVE: COMMENTA IN DIRETTA IL DEBUTTO DI DOMENICA LIVE


Che Dio ci aiuti 3 - 23
CHE DIO CI AIUTI 3: ANTICIPAZIONI SECONDA PUNTATA – 2 OTTOBRE 2014

5 Commenti dei lettori »

1. Peppe93 ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 16:21

La trama sembra molto intirgante. Questa e Sposami sono le fiction rai che voglio seguire.



2. Fafo1970 ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 16:48

per carità l’ennesimo polpettone con incapaci..l’unica fiction decente degli ultimi anni è una grande famiglia con i Rengoni poi attendo con curiosità Anna Valle e Marcorè



3. laura ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 17:13

15% assicurato fara la stessa fine di sposami



4. Brando87 ha scritto:

4 novembre 2012 alle 19:58

No, qesta fiction piacerà, o almeno avrà una media d’ascolti simile a quella de “Le tre rose di Eva”, perchè ha un pò la sua atmosfera. Non so se guarderò lo sceneggiato, anzi la fiction!! Se c’è qualcosa di meglio no, perchè la trama non è bellissima, ma forse originale, quindi se ci sarà solo qeusto di decente in TV per quel giorno, allora lo guarderò!!



5. manuela ha scritto:

1 maggio 2013 alle 23:27

mi piace teantissimo questo film ,e soprattutto laura con giovanni sono una bellissima coppia,mi piacerebbe trovare i dvd del film aiutatemi.grazie



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.