15
dicembre

Cristina D’Avena alla festa di Fratelli d’Italia, è polemica. La replica: «Canto in tutti i posti, non devo militare sotto una bandiera. La mia è libertà»

Cristina D'Avena (da Facebook)

Cristina D'Avena (da Facebook)

Cristina D’Avena festeggia 40 anni di carriera, ma è una festa in parte rovinata. Nelle ultime ore la cantante è finita nell’occhio del ciclone, in particolare di alcuni esponenti della comunità LGBT+, per la sua partecipazione ad un’altra festa, quella dei 10 anni di Fratelli d’Italia, in programma questa sera a Piazza del Popolo a Roma.

L’attacco – che sui social si tramuta purtroppo spesso in insulti – alla cantante dei Puffi, Mila e Shiro e tante altre celebri sue “colonne sonore” è diretto e duro: cantare tra e per i sostenitori di Giorgia Meloni è considerato un tradimento nei confronti di un mondo che per anni l’ha eletta icona e simbolo. Questo è il polverone che si è alzato contro la D’Avena nella comunità LGBT+.

“Cari amici, ho letto nel pomeriggio di ieri, sul web, commenti e considerazioni feroci sulla mia partecipazione alla festa di questa sera, in Piazza del Popolo a Roma. Non credo serva spiegare come mi sia sentita; preferisco ricordare a chi mi ha giudicato, forse con un po’ troppa fretta, chi sono. Da quarant’anni canto in tutti i posti dove sono ben voluta e accolta. Nelle piazze dei paesi, nei palazzetti delle città, nei teatri, in televisione, nelle feste LGBTQ+ e anche alle Feste dell’Unità. Nei Pride e al Vaticano”

è la replica via social della cantante, che ci tiene a ribadire di cantare liberamente ovunque e per chiunque “perché le mie canzoni non desiderano altro che portare allegria e spensieratezza a chi è cresciuto con loro e a chi le canta assieme a me. Tutti, nessuno escluso. E questo non è qualunquismo, ma libertà. Il suo, aggiungiamo noi, è anche lavoro.

“Stasera, come tutte le altre, non porto ideologie, ma musica. Non mi schiero e non cambio pelle all’improvviso. Ho accolto un invito per cantare, non per militare sotto una bandiera. E se posso trasformare una polemica in qualcosa di più utile, vorrei fosse – questa – un’ottima occasione per dimostrare (se mai ce ne fosse ancora bisogno) che la musica unisce, include, conforta. Ho sostenuto, e sempre sosterrò, i diritti civili e l’amore universale che dovrebbe essere alla base della crescita di ogni essere umano. Canto Pollon, i Puffi, Memole, Occhi di Gatto, Mila e Shiro… Sono inni di leggerezza e di fantasia… e di nessuna altra natura o pretesa”

conclude Cristina D’Avena.

Giorgia Meloni è dolcissima come Memole

Due settimane fa, interpellata a proposito di Giorgia Meloni a Un Giorno da Pecora, la D’Avena ha dichiarato:

Sono contenta che ci sia un premier donna, viva le donne, noi abbiamo una marcia in più” – poi rispondendo alla domanda ‘Quale delle sue celebri sigle di cartoons le fa venire in mente la premier?’ – “Mi fa pensare al cartone ‘Memole’, personaggio dolcissimo e carinissimo come lei.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Bruno Vespa (Foto US Rai)
L’intervista di Bruno Vespa su Rai 1 al premier Giorgia Meloni slitta a domani


Cristina D'Avena - Instagram
Classifica FIMI: Shiva guida i singoli e gli album. Tananai debutta quarto, Cristina D’Avena sesta. Ferro precipita al decimo posto


d'avena lamborghini
Tutti i nuovi duetti di Cristina D’Avena per i 40 anni di Carriera. Malgioglio canta Calimero


TG2 POST presidente Polonia
Il Presidente della Polonia stasera a TG2 Post: «Tutto quello che dice Giorgia Meloni è vicino alla mia visione»

6 Commenti dei lettori »

1. Francesco ha scritto:

15 dicembre 2022 alle 17:11

I soliti comunisti che attaccano chiunque non si comporti come loro vorrebbero.
Cristina ha ragione in tutto e per tutto.



2. Alessandro Manzato ha scritto:

15 dicembre 2022 alle 17:28

Ma vi stupite di questa qui?! Mah… io veramente mi stupisco di più degli organizzatori dei vari Pride e compagnia bella che ospitano ’sta gente , della quale se ne può fare tranquillamente a meno! Che vi serva da lezione! -madrine +gin tonic. Dai su, per favore.



3. sergio ha scritto:

15 dicembre 2022 alle 18:41

Ormai se partecipi a una qualsiasi cosa organizzata dalla destra sei automaticamente un cattivone.



4. Paolo ha scritto:

15 dicembre 2022 alle 22:38

Occhi di gatto, un altro fegato sinistroide è stato spappolat(t)o.



5. Elly Scelly ha scritto:

15 dicembre 2022 alle 23:12

Twitter è una cloaca infognata di sinistronz! bestemmiatori, tutto qui.



6. Stefano ha scritto:

16 dicembre 2022 alle 14:18

Il solo errore di Cristina D’avena è stato quello di aver dato spiegazioni. Eccoli qui i vostri arcobaleni, fatti di finto buonismo e solidarietà solo con chi vi sta a genio. Sinistroidi e omosessuali repressi sono delle brutte bestie! Una massa di arrabbiati e arroganti che fanno leva sulla loro sofferenza per dettar legge in casa d’altri.

Fate un po’ schifo, soprattutto dopo aver letto insulti indecenti verso una donna. Ripeto, verso una donna.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.