6
maggio

E’ morto Paolo Ferrari

Paolo Ferrari

Paolo Ferrari

Addio a Paolo Ferrari. Il celebre attore è morto questa mattina a Roma all’età di 89 anni. Nella sua lunga carriera, iniziata da bambino nel 1938, tanto cinema, teatro, doppiaggio, radio e televisione. Per il grande schermo recita in oltre 35 pellicole lavorando con registi come Franco Zeffirelli, Carmine Gallone, Steno, Camillo Mastrocinque, Sergio Corbucci e Pasquale Festa Campanile. Molto attivo nel doppiaggio, doppia la voce di David Niven in Scala al paradiso (1948), di Franco Citti in Accattone di Pier Paolo Pasolini, e quella di Jean-Louis Trintignant nel Il sorpasso di Dino Risi.

Paolo Ferrari – La lunga carriera in tv

Sin dagli anni ’50 diventa popolarissimo tra il pubblico televisivo grazie ai tanti sceneggiati Rai ai quali prende parte. Tra i più celebri si ricordano Nero Wolfe, nel ruolo di Archie Goodwin al fianco di Tino Buazzelli, e Accadde a Lisbona, al fianco di Paolo Stoppa. Nel 1964 è diretto da Lina Wertmüller nello sceneggiato Il giornalino di Gian Burrasca, dove recita nel ruolo del dottor Collalto al fianco di Rita Pavone. Appare in tv anche nei decenni successivi recitando in varie fiction e sitcom come Quei trentasei gradini (Rai1, 1984), Disokkupati (Rai2, 1997), Don Luca (Canale5, 2000), Non lasciamoci più con Fabrizio Frizzi (Rai1, 1999-2001), le fortunatissime tre stagioni di Orgoglio (Rai1, 2004-2006) nel ruolo dello scorbutico marchese Giuseppe Obrofari, Incantesimo 9-10 (Rai2, 2007-2008), ed in tempi più recenti Ho sposato uno sbirro 2 (Rai1, 2010), Fratelli Benvenuti (Canale5, 2010) e Notte prima degli esami ‘82 (Rai1,2011). Sempre per il piccolo schermo, negli anni sessanta, recita e fa da testimonial – accrescendo la popolarità tra il pubblico più giovane – nei “caroselli” di un noto detersivo per il bucato. Ruolo che riveste anche quarant’anni dopo, nel 2008, al fianco di Fabio De Luigi.

Tra le tante esperienze lavorative di Ferrari anche la conduzione tv. Nel 1959, dopo aver preso parte con Vittorio Gassman al programma Il Mattatore, conduce il seguitissimo Giallo Club – Invito al poliziesco, una trasmissione a metà tra il quiz e lo sceneggiato, dove tre ospiti di un ipotetico club di giallisti venivano invitati a seguire insieme al pubblico un telefilm che veniva interrotto poco prima dell’identificazione del colpevole. A quel punto, gli ospiti erano chiamati a dare la loro opinione sulla soluzione del giallo che, quindi, riprendeva fino alla conclusione. Nel 1960 conduce con Enza Sampò il 10° Festival di Sanremo, mentre nella stagione 1974-1975 è il padrone di casa di Ieri e Oggi, storica rubrica Rai recentemente riportata in tv da Carlo Conti.

Ferrari è stato sposato due volte. Un primo matrimonio con Marina Bonfigli e in seguito con Laura Tavanti, entrambe sue compagne anche sulla scena. Lascia tre figli maschi, Fabio (noto al pubblico per il ruolo di Chicco in I ragazzi della III C) e Daniele avuti dalla prima moglie, e Stefano, figlio della Tavanti.

Paolo Ferrari – Il ricordo sui social

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Pippo Caruso e Pippo Baudo
E’ morto Pippo Caruso. Addio al direttore d’orchestra, autore di Isotta, Johnny bassotto, e Perchè Sanremo è Sanremo


Marco Garofalo
E’ morto Marco Garofalo


Fabrizio Frizzi
Fabrizio Frizzi, «verso l’infinito e oltre». Il ricordo dei colleghi


Fabrizio Frizzi
Addio, Fabrizio

3 Commenti dei lettori »

1. Giovanni ha scritto:

6 maggio 2018 alle 14:44

Un gran signore del teatro e della televisione.



2. soralella ha scritto:

6 maggio 2018 alle 15:22

Ho avuto la fortuna di vederlo a teatro. Una voce indimenticabile.



3. Michele87 ha scritto:

6 maggio 2018 alle 21:18

Un grande protagonista del nostro cinema (quando ancora esisteva davvero ed era secondo solo a quello statunitense) e della nostra TV, RIP



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.