12
agosto

IL FANTASTICO MONDO DEL DR. OZ

Il Dr. Mehmet Oz e Oprah Winfrey

Eccone un altro. Siccome se ne sentiva la mancanza, dall’11 luglio corrente anno La7d trasmette il fortunato show dell’ennesimo dottore catodico, con la particolarità che stavolta non si parla di un medico qualunque, ci mancherebbe: qui si parla niente meno che del Dr. OZ.

No, non è una serie a cartoni nè tantomeno una nuova invenzione fantasy della Disney. Mehmet Oz è il più famoso cardiochirurgo degli States, almeno così dicono. Ogni venerdì, sabato, domenica e lunedì dispensa perle di saggezza alla popolazione italica tutta, tradotto, doppiato e ben servito con tanto di logo e promo a rullo. A vederlo, il Dr. OZ, non si ha il minimo dubbio che sia, prima ancora che un medico bravo e preparato, un affilato animale catodico in grado di reggere la scena come solo Oprah Winfrey o Tyra Banks. E difatti non è un caso che The Dr. Oz Show sia un riuscitissimo spin off del celeberrimo The Oprah Winfrey Show. Ma diversamente della regina degli ascolti statunitensi, lui indossa il camice e si muove con estrema dimestichezza tra cistefellee, calcoli renali, liposuzioni e incredibili problemi di obesità.

Ci si affeziona subito al Dr. OZ. Ha un’aria familiare, lo stesso sorriso pieno e rassicurante del nostro Paolo Fox e tutta la simpatia distaccata e professionale del mitico dottor Gargiulo (che la tv lo abbia sempre in gloria). E poi è ironico e a tratti non sense, e protetto da un massiccio e robusto messaggio finale che pressapoco recita così: E’ tv bellezza! Se hai un problema serio, contatta il tuo medico. Su! Non scherziamo.

Ma è piacevole. Seguirlo è una gran goduria. Sarà la dimensione tutta americana in cui ci si accomoda senza fatica, uno studio pronto ad accoglierci quasi fossimo nella più ovattata delle sale d’aspetto. Sarà anche che il Dr. OZ non è un Bonolis qualunque che non vede l’ora di metterti in difficoltà (ci mancherebbe pure). Sarà per tutto questo che, tutto sommato, bisogna riconoscere che questo dottorino americano ha tutta la verve e l’eloquio necessari per iniziare a rastrellare un piccolo seguito anche in Italia, nonostante il canale non sia nella top ten del telecomando (la7d è in triplice copia sui canali 35, 110 e 135). Ma forse è solo questione di abitudine e di tempo. E se si ha la fortuna di sintonizzarsi al momento giusto, si rimane lì come ipnotizzati ad ascoltare i suoi consigli semplici ed efficaci in religioso silenzio. Si, perché di uno così ti fidi per forza. Ti viene proprio voglia di stringergli la mano, ad uno così. Anche quando, sollevando un candido lenzuolino, scopre quelle squallide milze di mucca e per farci vedere, con i dovuti paragoni, come funziona la milza umana, tra gente che applaude ferocemente. Lo stile è tranquillo e posato, e lo studio si adegua a ruota: non vola una mosca, non c’è cagnara da domenica pomeriggio, non c’è battibecco da Danielona, non c’è balletto, stacchetto, coscia, o anca in bella mostra. Tutto preciso, senza sbavature.

Un medico, consigli pratici e gente che ascolta. Ci voleva tanto? Ci voleva il Dr. OZ.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


dicioccio
LA7d COMPIE UN ANNO, SIGLA LO 0.24% E FESTEGGIA CON “LA MALA EDUCAXXXION”


Miss Italia 2014 - Ventura - Arena - Mirigliani
MISS ITALIA 2014 IN SIMULCAST SU LA7 E LA7D. FACCHINETTI E PIPPO PELO PREMIANO LA VOCE PIU’ BELLA. CHIARA E SARCINA OSPITI MUSICALI


io-loro-lara
DMLIVE24: 29 DICEMBRE 2013. VERDONE SPOPOLA, C’E’ NESSUNO A LA7D?


La7d
LA7d, PALINSESTI AUTUNNO 2013: CAIRO INVESTE… SOLO SULLE REPLICHE

1 Commento dei lettori »

1. Nick84 ha scritto:

12 agosto 2010 alle 18:14

Io lo registro sempre .
MAgari importassero più show così al post odei soliti reality da 4 soldi , tra l’altro è un occasione per imparare un sacco di cose .
Assomiglia molto ad elisir ma in una formula più giovane .



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.