30
novembre

Rai apre un’indagine interna per gli audio di Michele Guardì

michele guardì

Michele Guardì

Cane Magalli, cane, cane, levatelo, levatelo“. Questi e altri insulti sono al centro di alcuni audio “shock”, fuori onda, che hanno per protagonista Michele Guardì. Il regista e autore de I Fatti Vostri inveisce in regia cedendo al turpiloquio e ad espressioni sessiste e omofobe. Li hanno rispolverati Le Iene, nella puntata di martedì scorso. E ora la Rai è decisa a fare chiarezza. In un comunicato fanno sapere che:

“Già nella giornata di ieri, mercoledì 29 novembre, ha dato mandato per l’apertura di un audit interno e di tutte procedure aziendali previste sui fatti che riguardano il regista Michele Guardì. La decisione è giunta dopo la messa in onda, martedì 28 novembre, su Italia 1, di un servizio contenente alcuni fuori onda del regista e sue dichiarazioni”.

Queste alcune delle frasi pronunciate da Guardì:

“Signorina sorrida, finga di esistere ma che cazzo mastica la putt*na”

“Mi è passata la tr*ia dietro per caso?”

“Ma levalo sto fr*cio di merda, leva il frocio”…

Nel 2012 tali audio vennero fatti ascoltare anche da Ahi Piroso, in una puntata in cui era ospite – ironia della sorte – Tiberio Timperi, senza però che fosse rivelata l’identità del regista (ma si trattava del segreto di Pulcinella, visto che tra gli addetti ai lavori tali audio già circolavano). Michele Guardì nel frattempo si è giustificato respingendo le accuse di sessismo. A Libero ha dichiarato:

“Chi ha mandato in onda questi audio ha scorrettamente preso delle battutacce, delle quali mi sono scusato a suo tempo e di cui mi scuso ancora oggi, che risalgono a quattordici anni fa”.

All’Ansa, il regista ha aggiunto:

Si tratta di una cosa di 14 anni fa e nessuno allora si lamentò di quello successe. Hanno riso tutti, nessuno si è ribellato (…) In ogni modo nessuno ha denunciato e il reato di insulto comunque si prescrive in cinque anni. È chiaramente una cosa pretestuosa, fatta per darmi fastidio”

La Rai starebbe comunque capendo se ci sono stati altri fatti avvenuti negli ultimi anni che lo riguardano. Le Iene hanno mostrato anche l’autista di Guardì, sostenendo che si tratterebbe di un collaboratore del programma pagato dalla Rai, circostanza negata dal regista:

“Quanto ha fatto emergere il programma Le Iene, nella trasmissione di martedì scorso, a proposito di un mio collaboratore impropriamente definito autista devo precisare che si tratta di un assistente che lavora con me con regolare contratto dal 2010 anno in cui ho messo in scena il musical sui Promessi Sposi. Successivamente, dato il rapporto di fiducia, gli ho chiesto di collaborare con me anche alla realizzazione di rubriche tv, che seguivo io personalmente per il programma I Fatti Vostri. Si è reso perciò necessario anche un altro contratto di consulente e non di dipendente proprio per I Fatti Vostri, contratto che gli ha consentito e gli consente di lavorare dentro una redazione Rai. Si tratta dunque di due contratti distinti, uno dei quali a mio totale carico. Le attività che svolge come mio collaboratore privato sono dunque da me e solo da me personalmente retribuite con regolare contratto” – ha precisato a Dagospia.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Flavio Insinna, spot Brio Blu Rocchetta
Flavio Insinna risponde a Rocchetta: «La richiesta danni è infondata. Io sono stato danneggiato»


Rai Eri
LA RAI LANCIA I GIOVANI SCRITTORI. E RILANCIA SE STESSA?


Ore 14
Roberto Sergio sotto scorta


Mara Venier - Domenica In
Caso Ghali, anche Di Pietro (CdA Rai) si dissocia: «Comunicato di Sergio improvvido e parziale. Auspico che la signora Venier sia più accorta»

3 Commenti dei lettori »

1. Francesco ha scritto:

30 novembre 2023 alle 22:31

Lasciate in pace Guardì.



2. Ada ha scritto:

1 dicembre 2023 alle 13:05

Ha detto cose che pensano e pochi lo dicono.



3. Pat ha scritto:

2 dicembre 2023 alle 11:22

Ada, e quindi lo premiamo per le cose stupende che si è permesso di dire?

Ma poi lasciate in pace Guardì?

Ma siete seri? Anche se sono cose di 10 anni fa sono forse meno rilevanti o meno gravi solo perché “scherzava”? A me sembra non scherzasse affatto. In ambienti lavorativi queste frasi sono gravissime e pesantissime, non è che perché ha settemila anni non deve pagarne le conseguenze.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.