2
novembre

Flavio Insinna risponde a Rocchetta: «La richiesta danni è infondata. Io sono stato danneggiato»

Flavio Insinna, spot Brio Blu Rocchetta

La replica non si è fatta attendere. Con un post su Facebook, Flavio Insinna reagisce dinnanzi alla richiesta danni da parte di Rocchetta nei suoi confronti. Questo il messaggio:

“La richiesta di danni della Co.Ge.Di é infondata. Sono io, piuttosto, ad essere stato danneggiato dal loro comportamento in piena violazione del contratto. Invece che difendermi da quanto stava avvenendo per una campagna sistematica di denigrazione, mi hanno lasciato solo, “scaricandomi” e facendolo apprendere a me e a tutti da un social network. Di questa vicenda, per me già molto dolorosa, si occuperà l’Autorità competente, nonostante questa sia l’ultima cosa che avrei voluto fare. Sarebbe opportuno che gli sviluppi di questa faccenda restassero privati, come ho sempre fatto per le questioni che mi riguardano”.

Rocchetta chiede i danni d’immagine a Flavio Insinna per oltre 2 milioni di euro

Articolo del 1° novembre alle 15.07 – Gli imbarazzanti fuori onda di Flavio Insinna diffusi nei mesi scorsi da Striscia la Notizia non sono acqua passata. Anzi, semmai sono acqua salata: salatissima. Cogedi international, la società che distribuisce il marchio Rocchetta, di cui l’attore era testimonial, ha infatti deciso di chiedere allo showman un maxi risarcimento per danni di immagine. La cifra richiesta all’ex conduttore di Affari Tuoi sarebbe da capogiro: oltre 2 milioni di euro.

Secondo quanto riporta Il Messaggero, la società distributrice di acqua minerale avrebbe agito contro Insinna dopo le proteste dei consumatori su Facebook. A seguito della messa in onda dei fuori onda di Affari Tuoi da parte di Striscia la Notizia, l’azienda aveva immediatamente sospeso la trasmissione degli spot pubblicitari in cui l’attore romano compariva in qualità di testimonial. I suoi rivelati sfoghi a telecamere spente avevano infatti creato più di qualche imbarazzo.

Ed ora è arrivata pure la richiesta di danni. Nello specifico, Cogedi avrebbe chiesto ad Insinna un risarcimento da 2 milioni e 189 mila euro, oltre alla restituzione dei 275 mila già incassati nel 2017 dal presentatore per pubblicizzare l’acqua minerale. A spingere la società a battere cassa attraverso la via dell’arbitrato (quindi con tempi più veloci rispetto a quelli previsti dalla causa civile), sono state proprio le conseguenze di quei fuori onda, che avrebbero procurato all’azienda pesanti danni economici e di immagine.

La Compagnia Generale di Distribuzione, che ora annovera tra i suoi testimonial Elena Santarelli, Alessandro Del Piero e Miss Italia, ha contestato a Insinna la violazione del contratto per comportamenti “contrari alla pubblica morale”. Il che suona quasi come una beffa in un momento in cui – dopo le accese polemiche con Striscia – la Rai sta riabilitando la figura del popolare attore, che attualmente lavora nella squadra del talk show Cartabianca e che prossimamente debutterà in seconda serata su Rai3 con l’esperimento sociale La strada senza tasse.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Striscia la Notizia, Fuori onda di Flavio Insinna
Striscia La Notizia sbertuccia Flavio Insinna. Nei fuorionda urla e parolacce, rivolto ad una concorrente: «Abbiamo preso una nana de merda» – Video


Sospeso spot tv Brio Blu con Flavio Insinna
A Brio Blu non piace più: stop allo spot tv con Flavio Insinna


Insinna nuova sfuriata
Striscia non demorde: nuovo fuorionda sull’Insinna furioso


Striscia la Notizia, Flavio Insinna fuori onda
Striscia la Notizia, nuovo fuori onda di Insinna: «Mi avete rotto er ca**o. Mandate pure i messaggi alla Rai per dire che sono cattivo!»

14 Commenti dei lettori »

1. Gianni ha scritto:

1 novembre 2017 alle 18:22

La Rai lo sta riabilitando solo perchè a distruggerlo mediaticamente è stata una rete avversaria. Questo non è tollerabile per la dirigenza Rai. Anche se tale rete avesse pienamente ragione è una strana forma di concorrenza sleale denigrare i personaggi della Rai.

Io spero solo che dopo averlo “riabilitato” la Rai, soddisfatta del compito svolto, lo molli subito che non l’ho mai sopportato. Lo considero la versione maschile della D’Urso! Ovvero un attore che recita la parte di presentatore. Uno senza empatia col pubblico, con un testo scritto da autori, esecutori di ordini altrui. E per questo finto!



2. Silvano ha scritto:

1 novembre 2017 alle 19:45

Nonostante creda che Insinna sia un miracolato come pochi chiedere i danni mi sembra una cosa fuori dal mondo non vedo come le due cose siano collegate.
Se compri una acqua minerale la compri a prescindere da chi la sponsorizza
Al più sono i concorrenti di Affari Tuoi che dovrebbero denunciarlo



3. Srich ha scritto:

2 novembre 2017 alle 00:12

Secondo me non è sbagliato chiedere i danni in linea teorica.
In linea pratica credo che i consumatori siano grati a Insinna per la violazione del contratto che ha portato a sospendere quegli orribili spot.

Class action per rifarsi su Rocchetta di quel martellamento irritante.



4. Beppe ha scritto:

2 novembre 2017 alle 09:09

“comportamenti contro la pubblica morale” dare della nana a una signora bassa?!?
Io sono molto basso e ci rido sopra e forse la signora anche lei in cuor suo…
Trovo esagerato tutto e poi Striscia sarà anche riuscita a farlo fuori, ma non mi risulta che vincano le serate.
Morale: povero Amadeus….



5. Luca ha scritto:

2 novembre 2017 alle 11:05

@ beppe
E chi lo dice che lo scopo di Striscia fosse quello di eliminare il programma di Insinna per avere maggiore ascolti loro ?
Secondo me lo scopo è stato quello di sbugiardare un cattocomunista ipocrita che,una volta svestiti i panni di San Giovanni Bosco,nella vita reale è una vera merXa
Brava Striscia



6. Nina ha scritto:

2 novembre 2017 alle 12:02

Esatto Luca, brava Striscia a svelare questo personaggio non vero.



7. Daniela ha scritto:

2 novembre 2017 alle 14:05

Insinna mica ha dato solo della “nana” alla signora. Ha anche bestemmiato, urlava in continuazione in studio, insultava il pubblico e faceva altro. Tutto questo va contro la “pubblica morale” caro Beppe



8. Beppe ha scritto:

2 novembre 2017 alle 14:46

@Daniela @Luca
Chiedo venia, ho peccato di superficialità



9. Luca ha scritto:

2 novembre 2017 alle 17:27

@ Beppe
Nessuno deve chiedere scusa a nessuno
Diciamo solo la nostra opinione
Poi saranno i giudici a decidere nel merito
Se poi la tua era ironia ,ridiamo pure insieme,va benissimo



10. Felicity ha scritto:

2 novembre 2017 alle 18:31

Uhm e perché Striscia si è accanita solo su Insinna? Gli altri e le altre tutti santi? Quanto mi piacerebbe sapere come sono i vari Bonolis,Fazio,Perego,D’urso,De Filippi ecc, nei fuori onda.



11. pappy ha scritto:

2 novembre 2017 alle 19:50

assurdo chiedere i danni, ciò non toglie che il comportamente di Insinna sia stato inqualificabile, senza se e senza ma.



12. Ada ha scritto:

2 novembre 2017 alle 23:13

Meno male speriamo paghi o vada in bancarotta fa schifo…



13. Luca ha scritto:

3 novembre 2017 alle 12:24

@ Felicity
il fatto è che, se la D’urso ,Bonolis e altri presentatori ,si comportassero in un modo così inqualificabile durante i fuori onda,sicuramente sarebbero già uscite le registrazioni che li inchioderebbero alle loro responsabilità
Con Insinna è accaduto perchè le persone che lavoravano attorno a lui non ne potevano più delle sue vessazioni e delle sue follie
Così lo hanno registrato e le registrazioni passate a Striscia
Non c’era altro modo
La Rai mica le avrebbe trasmesse!
Ciao



14. gianni ha scritto:

3 novembre 2017 alle 14:01

persona ultra antipatica,mette ansia, non mi è mai piaciuto…..non gli perdono d’aver massacrato “la corrida” !! mi auguro che sparisca dalla TV.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.