8
giugno

MotherFatherSon: Richard Gere debutta come protagonista di una serie tv

Richard Gere

Richard Gere

La prima volta di Richard Gere. E’ fissato per questa sera – alle 21.15 su Sky Atlantic – il debutto di MotherFatherSon, drama familiare targato BBC Studios e scritto da Tom Rob Smith che vedrà protagonista il celebre attore statunitense, pronto a ricoprire il suo primo ruolo da protagonista in una serie tv. Un racconto in otto episodi che coniugherà temi come gli affari, il potere, i legami tra politica e corruzione, ma scaverà anche nei sentimenti dei protagonisti, membri di una famiglia problematica che non riesce ad essere unita.

Richard Gere è Max Finch, un ex imprenditore americano passato dall’acciaio alla carta stampata, potente, influente e temuto, capace di criticare l’accoglienza del Primo Ministro britannico ma non di dire a suo figlio che gli vuole bene. Un perfetto esempio di scaltro self-made man, che usa le informazioni come armi, sa come reperirle e non ha remora nel manipolarle a piacimento per raggiungere i suoi obiettivi. La storia si colorerà presto di tinte noir a seguito della sparizione improvvisa di una ragazza, la morte di un investigatore privato catalogata come incidente e un’inchiesta di due giornalisti intenzionati a far tremare il sistema. Un”indagine’ su un presunto insabbiamento politico di omicidio che potrebbe diventare un terremoto e far crollare l’impero dei Finch.

MotherFatherSon: il cast

Accanto all’attore e attivista statunitense, nel cast di MotherFatherSon ci saranno Billy Howle nei panni di Caden Finch, figlio del ricco magnate Max ed erede del suo impero, Helen McCrory, nel ruolo di Kathryn Villiers, ex-moglie di Max e madre di Caden, mentre Sinéad Cusack e Paul Ready saranno rispettivamente Maggie Barnse Nick Caplan, giornalisti di The Nationale Reporter, che porteranno avanti la scottante inchiesta. E ancora Pippa Bennett-Warner è Lauren Elgood, il braccio destro di Max nonché sua consigliera più fidata. Chiudono il cast Danny Sapani, Sarah Lancashire e Joseph Mawle.

MotherFatherSon: anticipazioni prima puntata dell’8 giugno 2020

01×01: Max Finch torna a Londra per questioni professionali e familiari. Tra le prime risultano le imminenti elezioni politiche: entrambi in candidati, il Primo Ministro uscente Jahan Zakari e la sua sfidante “populista” Angela Howard, sono infatti alla ricerca del suo sostegno. Tra le seconde c’è l’immancabile incontro col figlio Caden, alla guida del The National Reporter, l’erede designato, cresciuto a immagine e somiglianza del padre ma diversissimo da lui. Non è migliore il rapporto con la madre Kathryn, colpevole di averlo lasciato da solo da piccolo nelle mani di quell’uomo così spietato. Quando però Caden avrà un incidente, Max e Kathryn, che hanno alle spalle un divorzio bruttissimo, saranno costretti a riavvicinarsi.

01×02: Caden è sopravvissuto all’intervento, ma è ancora troppo presto per poter dire con certezza quali danni ha riportato. Kathryn ha finalmente la possibilità di fare ammenda standogli vicina e facendogli di nuovo da madre. Max, intanto, comincia a raccogliere informazioni su Zakari e Howard. Nick e Maggie si mettono a indagare sulla morte sospetta di un investigatore privato, morte catalogata in fretta e furia come uno sfortunato incidente. Con un salto nel passato scopriamo come Max Finch è riuscito a prendere possesso del The National Reporter, una volta di proprietà della famiglia della sua ex moglie. Intanto Kathryn si avvicina pericolosamente a Scott, un uomo senza fissa dimora conosciuto presso una mensa per persone meno abbienti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Sanremo Young,
Sanremo Young: Antonella Clerici annuncia Bonolis e Richard Gere alla prima – Video


Pretty-Woman
PRETTY WOMAN: TUTTI GLI ASCOLTI

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.