18
settembre

Rosy Abate 2: la Regina di Palermo torna per salvare il figlio – Video anteprima

Rosy Abate 2 - Giulia Michelini

Rosy Abate 2 - Giulia Michelini

Dopo quasi due anni di attesa, dopo le repliche della prima stagione e dopo settimane di spot misteriosi, Rosy Abate è pronta a tornare su Canale 5 con la seconda stagione: le nuove cinque puntate andranno in onda a partire da questa sera, mercoledì 18 settembre 2019; il secondo appuntamento sarà trasmesso già il 20 e la fiction proseguirà poi nel prime time del venerdì.

Rosy Abate 2: il cast della nuova stagione

La serie Taodue, per la regia di Giacomo Martelli, avrà ancora e sempre come protagonista assoluta Giulia Michelini nei panni della criminale più amata della tv, ma intorno a lei ci saranno molti attori ed altrettanti personaggi, che incroceranno il loro cammino con quello di Rosy, pronti a finire quanto prima nel calderone dei nemici o in quello, ben poco affollato, degli amici.

Dalla prima stagione dello spin off di Squadra Antimafia tornano Leonardo, il figlio di Rosy, che però non sarà più un bambino ed avrà il volto di Vittorio Magazzù, già visto in Questo Nostro Grande Amore ‘80; la sua madre adottiva, Regina, interpretata da Paola Michelini, sorella di Giulia; Bruno Torrisi nei panni del Questore Licata e Mario Squeglia, ovvero il poliziotto Luca.

Oltre alle varie new entry - Davide Devenuto, Federico Tocci, Maria Vera Ratti, Daniela Virgilio, Gianluca di Gennaro, Vincenzo De Michele, Giovanni Amura (da L’Amica Geniale) – ci saranno poi anche dei ritorni importanti, ovvero quello di Giordano De Plano nei panni di Sandro Pietrangeli, membro della Duomo ormai fuori dalla Polizia, e soprattutto quello di Claudio Gioè e del suo Ivan De Meo, il padre di Leonardo.

Rosy Abate 2: dove eravamo rimasti

Nella prima stagione Rosy, ormai lontana dalla Sicilia e di fatto una persona nuova rispetto al passato, aveva scoperto che suo figlio, creduto morto per anni, era vivo. Riavvicinatasi con uno stratagemma al bambino, diventandone la baby sitter, aveva scoperto che la sua nuova famiglia era in combutta con la Mafia ed era riuscita a convincere Leonardo del suo amore. Tanto che il bambino, per salvarla, aveva sparato contro la madre adottiva, poco prima che Rosy venisse finalmente arrestata.

Rosy Abate 2: la trama

La storia riprenderà sei anni dopo quel momento. Rosy, dopo aver scontato in carcere la sua pena, potrà finalmente uscire, con l’unico obiettivo di riabbracciare suo figlio. Ma suo figlio non è più quel bambino coraggioso che ricorda, bensì un ragazzo inquieto e tormentato, che sta per finire a sua volta nelle braccia della malavita, per commettere gli stessi errori della madre e imitarne il triste destino.

Il pericolo che incombe su di lui si trova a Napoli e risponde al nome di Antonio Costello (Davide Devenuto), boss di una camorra invisibile e aristocratica; Leonardo, innamorato di sua figlia Nina (Maria Vera Ratti), è entrato nelle grazie dell’uomo, che vuole farne il suo delfino, e per lui si sporca le mani in modo irrimediabile.

Rosy si vedrà così costretta per l’ennesima volta a fare lo stesso, guardandosi le spalle dalla minaccia di Regina, tornata per vendicarsi e riprendersi suo figlio, e rinunciando per sempre a quella speranza di vita “normale” che per lei, evidentemente, non potrà mai esserci.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


I Medici 3 - Synnøve Karlsen
I Medici 3: la serie internazionale di Rai 1 torna «nel nome della Famiglia»


Il Processo - Francesco Scianna
Il Processo: Vittoria Puccini è il nuovo PM di Canale 5


Enrico Piaggio - Un Sogno Italiano - Enrica Pintore e Alessio Boni sulla Vespa
Enrico Piaggio – Un sogno italiano: Alessio Boni porta in scena un altro pezzo della storia italiana


Volevo fare la Rockstar
Volevo fare la Rockstar: su Rai 2 arriva Olivia con la sua stramba famiglia disfunzionale

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.