3
marzo

Uomini e Donne: Rosa Perrotta nuova tronista

rosa perrotta

Rosa Perrotta

Il parterre di tronisti di Uomini e Donne si arricchisce di un nuovo volto femminile. A salire sulla famosa poltrona rossa, accanto a Luca Onestini, Marco Cartasegna e Desirée Popper, anche l’avvenente Rosa Perrotta.

Uomini e Donne: ecco chi è Rosa Perrotta

Ventotto anni, salernitana, Rosa fa la modella di professione. Sguardo magnetico, fare deciso e una laurea in management strategico alle spalle. Pur consapevole della propria avvenenza (So di essere una bella donna e non lo nascondo”), la ragazza dichiara di aver sempre messo al primo posto la bellezza interiore:

Una bella donna deve essere doppiamente intelligente, per mettere a tacere i pregiudizi che ci sono sulla bellezza“.

Indipendente sin da quando aveva 18 anni, non ha mai sopportato le scorciatoie: “Sono più orgogliosa dei miei no, che dei miei sì“.

Nel suo video di presentazione, la tronista si definisce una persona molto ambiziosa, orientata verso la carriera, ma al tempo stesso desiderosa di formarsi una solida famiglia. La rigida educazione ricevuta, tuttavia, l’ha portata a sviluppare un robusto sentimento di intransigenza, divenendo la peggior giudice di sé stessa. Appassionata di moda (“Amo le scarpe e le borse, sono una vera fanatica”) e di lettura, non disdegna neppure il cinema e il teatro. Di sé dice: Posso apparire una ragazza un po’ fredda, un po’ dura, però io so di avere un mondo dentro”. L’amore della sua vita è suo padre, un uomo a cui è legata visceralmente, sebbene il loro rapporto sia attraversato da vuoti e da cose non dette: “Vorrei potergli dire più spesso che lo amo follemente“.

Sul fronte “relazioni amorose”, Rosa sottolinea l’importanza della prima impressione:

Sono una persona che va molto a pelle. La chimica per me è fondamentale, per cui se non mi scatta qualcosa di empatico con l’altra persona non mi ostino nella conoscenza“.

Nel descrivere il suo uomo ideale, appare piuttosto decisa: “Mi piacciono i ragazzi eleganti, raffinati“. Le prime cose che nota sono gli occhi, ma anche il sorriso (“Ho una fissa per i denti“). “Per me amarsi è avere la possibilità di scegliersi tutti i giorni“, afferma con sicurezza nella parte finale della clip.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Paolo Crivellin 11
Uomini e Donne 2017/2018: Paolo Crivellin tronista


sabrina-ghio
Uomini e Donne 2017/2018: Sabrina Ghio tronista


Uomini e Donne - Scelta di Rosa
Uomini e Donne: la scelta di Rosa è…


Marco Cartasegna
Uomini e Donne: Marco Cartasegna è il nuovo tronista. Manuel si ritira

6 Commenti dei lettori »

1. LaTizi ha scritto:

3 marzo 2017 alle 20:11

“Indipendente sin da quando ha 18 anni”… Ma un po’ di grammatica no? Semmai dovrebbe essere “Indipendente sin da quando AVEVA 18 anni”. Non rendetevi complici della morte della lingua italiana, per favore!



2. David Monachesi ha scritto:

4 marzo 2017 alle 02:36

Non si tratta di errore grammaticale, ma di un uso colloquiale della lingua italiana. La crusca ci aiuta in tal senso -)



3. Luca ha scritto:

4 marzo 2017 alle 02:41

è stata semifinalista di Veline 2012 come bionda e si dice in giro sia fidanzata con il figlio di un noto proprietario di pompe di benzina



4. David Monachesi ha scritto:

4 marzo 2017 alle 02:45

L’ Accademia della Crusca.



5. LaTizi ha scritto:

4 marzo 2017 alle 13:57

Appunto, l’Accademia della Crusca:
http://www.accademiadellacrusca.it/en/italian-language/language-consulting/questions-answers/avevo-dieci-anni
E’ proprio sbagliato grammaticalmente, 18 anni la signorina in questione ce li ha avuti una volta sola ed in passato, quindi è necessario usare il passato.
Che il presente si usi nel linguaggio parlato e colloquiale, per altro, è molto relativo, in Toscana non lo usa praticamente nessuno, se si escludono giovanissimi e persone poco istruite.
Di fatto si tratta di un errore, e l’Accademia della Crusca, si legge nel link superiore, spiega perché avviene ma non lo promuove affatto. Inoltre, visto che qui stiamo scrivendo e non parlando, cercare di utilizzare l’italiano corretto mi sembrerebbe il minimo, anche solo per una questione di credibilità.



6. David Monachesi ha scritto:

5 marzo 2017 alle 22:31

Intendevo solo dire che l’espressione può essere usata in contesti colloquiali, l’articolo citato lo conferma nella parte finale (con il riferimento all’uso linguistico della Mazzantini).

In ogni caso sono d’accordo con te, ci sono contesti e contesti. Una questione di adeguatezza più che altro. Ciò detto, starò più attento in futuro -)



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.