9
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2017, SECONDA SERATA: LE 11 ESIBIZIONI DEI BIG E LE PRIME IMPRESSIONI

chiara e d'alessio festival di sanremo 2017

D'Alessio e Chiara (Credits Ufficio Stampa Rai-iwan)

Martedì è cominciata la gara del Festival di Sanremo 2017, con i primi 11 big che sono saliti sul palco dell’Ariston, e ieri è andata in scena la seconda parte della competizione con altre 11 esibizioni.

La prima a cantare è stata Bianca Atzei: una ragazza (bella e dotata vocalmente) che non è ancora riuscita ad affermarsi nonostante i ripetuti e ravvicinati tentativi (Sanremo, Coca Cola Summer Festival, duetti con Alex Britti e J-Ax). Se possiamo ammettere che questa sua Ora esisti solo tu non sia male e che la Atzei l’abbia eseguita bene, dobbiamo aggiungere che per imporsi e lasciare il segno serve una canzone più potente e maggiore carisma. O almeno uno dei due, infatti, Marco Masini riesce a valorizzare un brano non troppo forte come Spostato di un secondo con una voce riconoscibile alla prima parola e un modo di fare al mille per mille Masini.

Nesli e Alice Paba insieme sono curiosi: lui è un ex rapper con un presente da cantautore pop, lei ha vinto The Voice anche per il suo brio. L’esecuzione del brano “sanremese 2.0″ Do retta a te risente tuttavia della loro tensione. Il gigante dalla voce immensa, Sergio Sylvestre, ha interpretato un brano scritto da Giorgia, Con te, dal testo stringato e con una tenerezza disarmante e un azzeccato coro gospel sul finale.

Niente pregiudizi? Ok, diciamolo: Gigi d’Alessio ha presentato una bella canzone. La prima stella è un instant classic e d’Alessio, come Masini, sa proprio farci (senza contare che da qualche anno ormai deve lottare contro l’effetto Checco Zalone). Il pubblico del cantautore napoletano apprezzerà molto, e il brano scalerà le classifiche come è accaduto in più occasioni.

Quella di Michele Bravi sembrava essere una traiettoria tristemente segnata ma ha trovato la canzone e il momento giusti per salire sul palco dell’Ariston (dopo aver vinto X Factor nel 2013 ed esser sparito dalle chart per ricomparire su Youtube come aspirante star del web). Il diario degli errori è un brano sincero e spietato, semplice ma scritto molto bene (dall’autore storico di Arisa, Giuseppe Anastasi, e dai parolieri del momento Federica Abbate e Cheope). L’amarezza del brano e la drammaticità dell’esecuzione sembrano cozzare però con la giovane età del cantante.

Paola Turci, efficacissima come sempre, ha cantato Fatti bella per te che è un buon brano, ma nulla di più. Forse ci ha distratto il fatto che in conferenza stampa la cantautrice abbia raccontato d’aver valutato anche un altro pezzo per questo Festival: una cosa fuori dagli schemi sanremesi, che avrebbe faticato ad arrivare al pubblico e che alla fine ha rinunciato a presentare. Sarebbe stato meglio osare?

Francesco Gabbani, dopo aver vinto l’anno scorso fra le Nuove Proposte, doveva ribadire alcuni concetti infatti, un po’ il Funky Gallo di Zucchero e un po’ la sua stessa Amen, questa Occidentali’s Karma che ha proposto (con un gorilla ballerino) è coinvolgente, comunicativa e centra l’obiettivo: il cantautore di Carrara è oramai un “campione” e punta, come si è detto, al podio e, magari, al Premio della Critica (Fiorella Mannoia e Ermal Meta permettendo).

Se Michele Zarrillo non convince con Mani nelle mani, al netto della gradevole melodia e di quanto ci creda l’interprete di Cinque giorni, Chiara e Nessun posto è casa mia sono state la rappresentazione plastica della raffinatezza: l’esecuzione della Galiazzo è stata calibrata e coinvolgente (agli antipodi di Gabbani), e ciò che canta è adatto al macro-tema prescelto (le radici, il viaggio…) e all’età dell’interprete (non accade sempre). Rischio noia scongiurato, solo in parte però.

Per certificare la delusione per i duetti di quest’edizione, e per concludere, un accenno a Raige e Giulia Luzi: il titolo della loro canzone, Togliamoci la voglia, dà il senso di un’esperienza che potrebbe esaurirsi con una singola (e innocua) esibizione.



Articoli che potrebbero interessarti


Sergio Sylvestre
FESTIVAL DI SANREMO 2017: I 22 BIG IN GARA


Eliminati
FESTIVAL DI SANREMO 2017: GLI ELIMINATI DEFINITIVI


A rischio eliminazione (Sanremo 2017)
FESTIVAL DI SANREMO 2017, SECONDA SERATA: ECCO I BIG A RISCHIO ELIMINAZIONE


MTV AWARDS - 6
MTV Awards 2017: le dichiarazioni di Francesco Gabbani, Michele Bravi, Elodie, Nina Zilli, Paola Turci, Gabry Ponte e Danti, Lele – Foto e Video

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.