15
luglio

I SIMPSON, LA GAFFE DI ITALIA1: NEL GIORNO DELLA TRAGEDIA DI NIZZA, IL SIGNOR BURNS INVITA A SPERONARE I PASSANTI CON L’AUTO

I Simpson

La tv qualche volta supera la realtà. O la anticipa, chi può dirlo. Fatto sta che oggi – venerdì 15 luglio 2016 – mentre i palinsesti delle reti televisive italiane venivano cambiati in corsa per dare spazio al drammatico attentato avvenuto questa notte a Nizza, qualcosa è sfuggito all’occhio attento del Biscione, che ha mandato in onda su Italia 1 una puntata de I Simpson decisamente da evitare.

I Simpson: nella seconda puntata di oggi rivive l’attentato di Nizza

La seconda puntata odierna, in onda dalle 14.10 ed intitolata “Monty non può comprare amore”, è la numero ventuno della decima stagione dell’amata serie americana e contiene una scena che, vista a poche ore dell’attentato, risulta agghiacciante: proprio nel giorno in cui il mondo piange le ottantaquattro persone falciate dal camion di un killer franco-tunisino, il signor Burns invita Smithers a speronare i passanti trasformando l’auto in una sorta di ariete.

Un caso, nulla più, che però fa risultare stonata l’ironia normalmente brillante e i dialoghi politicamente scorretti de I Simpson, in questo caso, non fanno sorridere ma lasciano alquanto turbati. Ecco la trama e le foto dell’episodio in questione.

I Simpson: la trama e le foto dell’episodio “incriminato”

A Springfield viene inaugurato un centro commerciale dal nome “Meganegozio Fortuna” di proprietà di Arthur Fortuna, un multimiliardario che ha catturato la simpatia degli abitanti della città. Burns, divorato dall’invidia, sente minacciato il suo prestigio e decide di farsi amare a tutti i costi. Chiede aiuto ad Homer, che gli dà alcuni buoni, ma infruttuosi, consigli. Per sbalordire i cittadini di Springfield, Burns ripiega su un’impresa eclatante: la cattura del Mostro di Lock Ness. Dopo sofferti tentativi, il mostro viene catturato e trasferito a Springfield, ma nonostante ciò Burns non riesce a farsi amare e riconoscerà, a malincuore, di essere un inguaribile egoista.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


attentati nizza
ATTENTATO DI NIZZA: LE VARIAZIONI DI PALINSESTO RAI E MEDIASET


GFVip 2017 - Ilary Blasi
Grande Fratello Vip 2017, gaffe di Ilary Blasi: «Ignazio, puoi andare in Cecilia?» – Video


tg5, Luigi Bignami e Cristina Bianchino
Tg5, Luigi Bignami licenziato per aver corretto la gaffe della conduttrice. «Ha reagito in modo eccessivo»


Il Collegio 2
Il Collegio 2: le gaffe degli allievi

7 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

15 luglio 2016 alle 15:57

Che ci vuoi fare, i “super-manager” pagati fior di milioni di euro di Italia 1 sono tutti in vacanza chissà dove, e via col cassettato…



2. livai ha scritto:

15 luglio 2016 alle 16:20

tutto questo moralismo mi provoca coniati di vomito esagerati



3. DON IVANO ha scritto:

15 luglio 2016 alle 18:15

Non hanno di certo commesso di proposito questa gaffe, anche perché durante la giornata il palinsesto è stato modificato



4. Travis ha scritto:

15 luglio 2016 alle 19:09

Certo che a creare polemiche inutili non vi batte nessuno!



5. Michele ha scritto:

15 luglio 2016 alle 23:33

Avrebbero dovuto assumere la “sarta” pudica che confeziona le serie di Rai 2.



6. BohBeh ha scritto:

16 luglio 2016 alle 14:54

Ah, e quello sarebbe un “ariete”? A me sembra uno di quegli affari che usavano le locomotive del Far West per liberarsi degli ostacoli sulle rotaie.



7. G.capece ha scritto:

16 luglio 2016 alle 16:35

Polemiche inutili, moralismo. Provate un po a spiegare a un bambino la differenza fra il “gioco” di Nizza e quello dei Simpson e fatemi sapere……



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.