18
febbraio

Ascolti TV | Domenica 17 febbraio 2019. Vince Non Mentire (15.5%), Fazio 14.9%-13.3%. Bene Domenica In (20.4%-18.8%)

Non mentire ascolti tv

Non Mentire

Nella serata di ieri, domenica 17 febbraio 2019, su Rai1 Che Tempo Che Fa – con ospiti come Matteo Renzi e Loredana Bertè – ha conquistato 3.830.000 spettatori pari al 14.9% di share mentre Che Tempo Che Fa – Il Tavolo ha interessato 2.294.000 spettatori pari al 13.3% di share. Su Canale 5 l’esordio della fiction Non Mentire ha raccolto davanti al video 3.560.000 spettatori pari al 15.5% di share. Su Rai2 The Good Doctor 2 ha catturato l’attenzione di 2.365.000 spettatori (9.4%). Su Italia1 Le Iene ha intrattenuto 1.888.000 spettatori con il 10.3% di share (presentazione 9 minuti: 1.035.000 – 3.9%). Su Rai3 Le Ragazze ha raccolto davanti al video 1.171.000 spettatori pari ad uno share del 5.2% (presentazione di 21 minuti: 1.157.000 – 4.4%). Su Rete4 il film Delitti Inquietanti è stato visto da 786.000 spettatori con il 3.3% di share. Su La7 Non è l’Arena ha interessato 1.293.000 spettatori con il 6.6%. Su Tv8 4 Hotel è stato seguito da 360.000 spettatori con l’1.6% di share. Sul Nove Camionisti in Trattoria segna 386.000 spettatori (1.6%). Sul 20 Hercules – La Leggenda ha Inizio segna 439.000 spettatori con l’1.7%. Su Rai Premium Che Dio Ci Aiuti 5 segna 349.000 spettatori e l’1.4%. Su Giallo L’Ispettore Barnaby ha raccolto 266.000 spettatori e l’1.1%.Su Sky Napoli-Torino ha raccolto complessivamente 1.360.000 spettatori e il 5.2%.

Ascolti TV Access Prime Time

Paperissima supera Fazio.

Su Canale 5 Paperissima Sprint ha ottenuto 4.478.000 spettatori con il 17.2%. Su Rai2 Quelli Che Dopo il Tg ha raccolto 1.232.000 spettatori con il 4.7%. Su Italia1 CSI ha totalizzato 1.155.000 spettatori (4.6%). Su Rete 4 Stasera Italia Weekend ha raccolto 1.140.000 spettatori con il 4.5%, nella prima parte, e 902.000 spettatori con il 3.4%, nella seconda parte. Su Rai3 Grazie dei Fiori ha interessato 1.364.000 spettatori pari al 5.3% di share. Su Tv8 4 Ristoranti segna 535.000 spettatori con il 2.1%.

Preserale

Blob al 4.7%.

Su Rai1 L’Eredità – la Sfida dei Sette ha ottenuto un ascolto medio di 3.315.000 spettatori (17.4%) mentre L’Eredità ha ottenuto di 4.481.000 spettatori (21%). Su Canale 5 Avanti il Primo segna 2.799.000 spettatori (14.7%) mentre Avanti un Altro raccoglie 3.755.000 spettatori (17.6%). Su Rai2 Novantesimo Minuto ha appassionato 1.004.000 spettatori (5.9%), nella prima parte, e 1.021.000 spettatori (4.8%), nella seconda parte. Apri e Vinci segna 901.000 telespettatori (3.8%). Su Italia1 Sport Mediaset segna 405.000 spettatori e il 2%. CSI NY ha totalizzato 565.000 spettatori (2.6%). Su Rete 4 Tempesta d’Amore ha appassionato 820.000 spettatori con il 3.6%. Su Rai3 Blob segna 1.101.000 spettatori con il 4.7%. Su La7 Il Commissario Cordier ha appassionato 443.000 spettatori (share del 2.3%). Su Sky Sport Serie A Inter- Sampdoria ha ottenuto 806.000 spettatori con il 4.3%.

Daytime Mattina

Uno Mattina in Famiglia arriva al 25.8% nella seconda parte.

Su Rai1 Uno Mattina in Famiglia ha interessato 297.000 spettatori (16.1%), nella presentazione, 791.000 spettatori (21.9%) nella prima parte, 2.036.000 spettatori (25.8%), nella seconda parte, e 1.958.000 spettatori (22.9%), nella terza parte. Paesi che Vai segna 1.572.000 spettatori con il 18.5%. A Sua Immagine ha portato a casa un a.m. di 1.605.000 spettatori pari ad uno share del 16.7%. La Santa Messa segna 1.671.000 spettatori con il 18%. Su Canale5 il TG5 delle 8 segna 1.104.000 spettatori con il 17.1% e I Menù di Giallo Zafferano raccoglie un ascolto di 573.000 telespettatori con il 6.4% di share. Su Rai2 Generazione Giovani ha tenuto compagnia a 343.000 spettatori (4%). Su Italia1 Una Mamma per Amica segna 144.000 spettatori con l’1.6%. Su Rai 3 Provincia Capitale convince 397.000 spettatori con il 4.5% di share. Su Rete 4 la Santa Messa ha coinvolto 699.000 spettatori (8.1%). Su La7 Omnibus realizza un a.m. di 254.000 spettatori con il 4.2% di share.

Daytime Mezzogiorno

Dalla Parte degli Animali al 4.2%.

Su Rai1 l’Angelus ha raccolto 2.209.000 spettatori (19.6%). Linea Verde ha intrattenuto 2.993.000 spettatori (20.3%). Su Canale 5 Le Storie di Melaverde ha interessato 971.000 spettatori con il 9.9% e Melaverde 1.745.000 con il 13.5%. Su Rai2 i Campionati del Mondo di Sci hanno raccolto 546.000 spettatori con il 5.8%. Sulla stessa rete dalle 11.59 alle 12.54, Mezzogiorno in Famiglia conquista 1.204.000 spettatori con uno share del 9.3%. Su Italia1 Una Mamma per Amica segna il 2.1% con 222.000 spettatori. Sport Mediaset XXL ha registrato un a.m. di 1.120.000 spettatori con il 6.7%. Su Rai3 Il Posto Giusto registra 372.000 spettatori con uno share del 2.2%. Su Rete4 Dalla Parte degli Animali ha fatto compagnia a 384.000 spettatori con il 4.2%. Un Ciclone in Famiglia segna 155.000 spettatori e l’1%. Su La7 L’Ora della Salute segna 135.000 spettatori e l’1.5%. Nemici per la Pelle ha raccolto 106.000 spettatori con lo 0.8% di share.

Daytime Pomeriggio

In timida crescita le soap di Canale 5.

Su Rai1 Domenica In ha intrattenuto 3.238.000 spettatori pari ad uno share del 20.4%, nella prima parte, e 2.681.000 spettatori pari ad uno share del 18.8%, nella seconda parte dalle 15.59 alle 17.28. Il TG1 ha ottenuto 2.082.000 spettatori pari ad uno share del 14.6%. A seguire La Prima Volta, con Cristina Parodi, ha raccolto un ascolto medio di 2.016.000 spettatori pari al 12.7%. Su Canale 5 L’Arca di Noè ha raccolto 2.405.000 spettatori con il 14%. Beautiful ha raccolto 2.190.000 spettatori (13.1%). La doppia puntata di Una Vita ha appassionato 1.962.000 spettatori pari al 12.6%. Il Segreto ha conquistato 1.968.000 spettatori pari al 13.9%. A seguire Domenica Live ha interessato 2.277.000 spettatori con il 14.5% (nel dettaglio prima parte: 2.415.000 – 16.3%, seconda parte Domenica Live Politica con Silvio Berlusconi: 2.070.000 – 12.2%). Su Rai2 Quelli che Aspettano ha convinto 1.025.000 spettatori (6.4%). Quelli che il Calcio segna il 7.6% con 1.095.000 spettatori. Dribbling ha ottenuto 731.000 spettatori con il 5.1%. Su Italia1 The Lego Movie raccoglie 429.000 spettatori con il 2.7%. A seguire Legends of Tomorrow ha convinto 231.000 spettatori con l’1.6%. Su Rai3 Mezz’Ora in Più ha interessato 1.249.000 spettatori con il 7.9%. Kilimangiaro – Il Grande Viaggio ha ottenuto 996.000 spettatori con il 6.9% mentre Kilimangiaro – Storie ha ottenuto 1.503.000 spettatori con il 9.6%. Su Rete 4 Donnavventura ha registrato 448.000 spettatori con il 2.7%. Su La7 Il Commissario Cordier ha appassionato 275.000 spettatori (share dell’1.9%). Su Rai4 Doctor Who segna 199.000 spettatori (1.4%), nel primo episodio, e 174.000 spettatori (1.2%), nel secondo episodio.

Seconda Serata

Tiki Taka cresce con l’intervista a Wanda Nara.

Su Rai 1 Speciale Tg1 ha conquistato un ascolto di 583.000 spettatori pari ad uno share del 7.8%. Su Canale 5 Tiki Taka ha intrattenuto 638.000 spettatori con il 10.3% di share (presentazione di 23 minuti: 1.071.000 – 8.8%). Su Rai2 La Domenica Sportiva segna 978.000 spettatori (7.6%) mentre L’Altra DS ha interessato 242.000 tifosi (4.6%). Su Italia1 The Girlfriend Experience segna un netto di 465.000 ascoltatori con il 9.7% di share, nella prima parte, e 315.000 spettatori con l’8.9%, nella seconda parte. Su Rai 3 TG3-Nel Mondo visto da 374.000 spettatori (3.2%). Su Rete 4 Alexander è la scelta di 182.000 spettatori (2.2%).

Telegiornali

TG1
Ore 13.30 4.390.000 (25.7%)
Ore 20.00 5.536.000 (23.4%)

TG2
Ore 13.00 2.121.000 (13.1%)
Ore 20.30 1.643.000 (6.5%)

TG3
Ore 14.25 1.822.000 (11.1%)
Ore 19.00 2.100.000 (10.4%)

TG5
Ore 13.00 2.794.000 (17.1%)
Ore 20.00 4.336.000 (18.1%)

STUDIO APERTO
Ore 12.25 1.249.000 (9%)
Ore 18.30 740.000 (4.2%)

TG4
Ore 12.00 402.000 (3.4%)
Ore 18.55 605.000 (3%)

TGLA7
Ore 13.30 571.000 (3.4%)
Ore 20.00 1.128.000 (4.7%)

Dati auditel per fasce (share %)

RAI 1 17.26 24.05 19.51 20.66 18.76 18.62 15.15 11.72
RAI 2 6.53 1.91 4.28 8.91 6.68 4.92 7.57 7.87
RAI 3 6.11 4.5 4.88 6.03 7.78 8.88 4.81 4.59
RAI SPEC 7.37 11.32 11.09 7.73 8.18 6.08 5.86 5.99
RAI 37.28 41.78 39.77 43.34 41.39 38.5 33.39 30.18
CANALE 5 13.78 14.28 6.76 14.05 13.83 16.02 15.83 13.57
ITALIA 1 4.94 1.2 1.9 5.08 1.96 2.71 6.53 12.14
RETE 4 2.69 0.95 4.63 1.97 1.53 2.99 3.35 2.88
MED SPEC 7.32 8.13 9.42 7.17 6.66 6.06 6.33 7.38
MEDIASET 28.74 24.55 22.72 28.28 23.98 27.77 32.05 35.97
LA7+LA7D 4.04 4.42 3.34 1.96 2.1 3.16 6.96 6.63
SATELLITE 18.15 16.41 21.68 15.69 20.18 19.43 16.07 16.17
TERRESTRI 11.79 12.84 12.5 10.74 12.36 11.14 11.53 11.05
ALTRE RETI 29.94 29.25 34.18 26.43 32.54 30.57 27.6 27.22

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Sister Act 2 - Lauryn Hill e Whoopi Goldberg
Ascolti TV | Lunedì 19 agosto 2019. Sister Act 2 14.5%, Le Iene sull’omicidio Vannini 10%, The Fix chiude al 7%


Una Ferrari per Due - Aurora Ruffino
Ascolti TV | Domenica 18 agosto 2019. Una Ferrari per due 12%, L’Inganno 8.2%


Triestina-Juventus
Ascolti TV | Sabato 17 agosto 2019. Casa e Bottega arriva al 14.1%, Io & Marylin 9.8%. Tv8 al 5.6% con l’amichevole della Juve


Lorella Cuccarini - Grand Tour
Ascolti TV | Venerdì 16 agosto 2019. Rosamunde Pilcher vince con il 12%, Grand Tour 9.8%. Il Palio di Siena sfiora il 10%

72 Commenti dei lettori »

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

1. john2207 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:12

Quasi pareggio fra Fazio e la fiction di canale 5, sempre più tele Defilippi, oltre la la factory della conduttrice il vuoto.
Bene The Good Doctor, granitico 10% per le Iene.
Solito 6% per la trasmissione più faziosa della tv italiana L’ARENA di Giletti, che con le sue ruffianata in diretta ormai non vede l’ora di tornare in Rai.



2. luca05 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:15

rai1 3.830
canale5 3.560
vince Fazio
ottimo anche il risultato di Domenica In



3. MARCELLO79 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:26

BUONGIORNO,
come volevasi dimostrare. Per la serie, a volte ritornano: basta piazzare contro l’orrido FAZIO qualcosa di appena più competitivo che il golden man di RAI 1 perde nella sfida AUDITEL. A parte il crollo rispetto alla scorsa settimana (prova è che l’effetto SANREMO e MONTALBANO avevano “drogato” gli ascolti abituali del talk DOMENICA 9 FEBBRAIO), CHE TEMPO CHE FA ritorna sui suoi ascolti scadenti, praticamente da flop. Figurarsi se RAI 1, abituata a ben altre cifre in prime time, possa accontentarsi della mediocrità di FAZIO! E aggiungiamo anche che PAPERISSIMA SPRINT ha nettamente prevalso sul talk. Quindi K.O. su tutti fronti!
Non è che NON MENTIRE abbia realizzato chissà quale ascolto, intendiamoci ed è un peccato perchè la fiction è bellissima, con una GRETA SCARANO veramente brava.
In attesa che partisse la fiction ho guardato il frammento che vedeva ospite il cialtrone RENZI. Madonna, quanta prosopopea trasuda quell’uomo. Un vero impostore, neanche avesse scritto IL VANGELO.
TINA, a te è piaciuta la fiction?



4. il-Cla83 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:28

In una serata iperaffollata e in cui le abitudini dei telespettatori sono già consolidatissime, l’esordio della fiction Non mentire riesce a vincere la serata, seppur senza intaccare minimamente gli ascolti degli altri competitors che si mantengono tutti sui soliti livelli.
Se questi ascolti li avesse fatti una fiction Rai non mi sarei fatto scrupoli a parlare di flop, ma qui siamo a Mediaset, e la disaffezione del pubblico alle fiction di C5 dovute ad anni di fiction brutte e di scarsissima qualità è certamente un elemento da tenere in considerazione; alla luce di questo il 15,5% non è affatto male e potrebbe crescere. Ho seguito la fiction, ero curioso di vedere come era stato realizzato il remake di una serie inglese, devo dire che non essendo il mio genere non so se proseguirò la visione, ma gli elementi per piacere ci sono tutti, una trama accattivante e bravi attori, anche nei ruoli di contorno (certo che il bravissimo Paolo Briguglia ha proprio un ruolo insignificante)…



5. Francesco93 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:28

Buon dì. Una bella fiction in onda su C5 batte CTCF, che ieri ha concesso un comizio sulla tv pubblica con immancabili salamelecchi (presidente di cosa?) al personaggio politicamente più nefasto del quale si abbia memoria. Sull’ennesima ospitata di Saviano preferisco soprassedere, consolandomi col fatto che ormai è partito il countdown per il duo Fazio-Littizzetto: gli restano solo altri tre mesi, poi gli toccherà smontare il tendone e finalmente Rai 1 sarà libera dal piddume



6. Jackinobello ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:29

Saluti a tutti tranne che alla Cipollari,
Ascolto discreto per la fiction di Canale 5 ma temo che sia destinata a scendere… stabile Fazio che in valori assoluti vince la serata con una puntata ricca di ospiti.
Domenica In ormai una certezza del pomeriggio domenicale di RaiUno,
con una mattina sempre fortissima.
Saluti e baci!



7. tina ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:30

Bella e avvincente la fiction,altro che Dottoressa Gio.’Ascolto discreto.E non mi venissero a dire che trattava mafia e sparatorie come spesso facevano le fiction del 5.Dopo Morandi e’una fiction che mi piace oltre quasi tutte quelle di rai uno e la Porta Rossa del 2.Per il resto ovvia vittoria della Venier contro telenovelas che la domenica non vanno bene.Per forza che non fa altro che ridere.Ciao a tutti tranne a uno.



8. Ale ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:37

Prima di decantare il gloria per la fiction di canale 5 io aspetterei di vedere i dati in sovrapposizione perché dai valori assoluti che si leggono non credo abbia vinto la serata



9. Francesco93 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:42

@ john: Giletti tornerà in Rai perché lo merita, e sul piano degli ascolti e per il suo modo di fare giornalismo. Viceversa, Fazio è stato messo lì da un famigerato partito politico con un contratto principesco (3 milioni netti l’anno) e una media ascolti inferiore a qualsiasi altro giorno della settimana su Rai 1. Un ipotetico ’scambio’ Fazio-Giletti porterebbe alla Rai gli stessi benefici di quello Higuain-Piatek al Milan.

@ Marcello: Renzi non ha scritto il Vangelo ma ha riempito l’Italia di africani senza arte né parte per farsi finanziare dalla UE le sue mancette elettoriali. Solo per questo dovrebbe essere rimosso dalla scena politca e bandito dalla televisione pubblica.



10. Mariano ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:42

@luca05 in sovrapposizione ha vinto la fiction di Canale 5. Non puoi paragonare il primo segmento di Che tempo che fa che inizia alle 20.40 con la fiction che è iniziata alle 21.30.
Tra l’altro Fazio ancora battuto dalle strareplicate e noiosissime papere.



11. ChePalle ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:44

Per niente faziosi i commentatori oggi!



12. Andrea ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:50

Bellissima la fiction Non Mentire che vince la serata ( L avesse fatta Raiuno avrebbe avuto il 26 per cento) secondo me salirà nella prox settimana. Ieri su Rai uno e andata in onda l intellighenzia ovvero due cretini senza arte né parte che seduti intorno ad un Acquario hanno parlato del nulla. Ottima come sempre la signora della Domenica, la grande Mara Venier che ormai sfonda i tre milioni di spettatori e bravissimo come sempre Massimiliano Ossini nella mattina di Raidue.



13. PAOLO76 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 10:58

Ciao a tutti….
Ieri sera ho fatto un eccezione e ho deciso di guardare la fiction di canale 5 anche perché si tratta solo di 3 puntate, quindi non è lunghissima da seguire. io non sono esperto di fiction, ma quella che ho visto ieri sera mi è sembrata molto ben fatta. In più ci sono tanti aspetti da approfondire come la relazione segreta tra la sorella e l’ex fidanzato della protagonista. In più il tutto si è chiuso con la telefonata di questo personaggio “segreto” che ha promesso di aiutare Preziosi contro le accuse che ha ricevuto… Insomma molto interessante…. Chiedo cmq a chi è più appassionato di me e quindi più esperto, un giudizio su questa fiction…
Il pubblico sembra aver accolto questa fiction con il piede giusto garantendo la supremazia su Fazio che, come dice Marcello79 dopo l’exploit di Sanremo, torna sui livelli mediocri a cui ci ha abituato. Sempre bene le Iene che crescono rispetto 7 gg fa. Stabile the Good Doctor, sotto il 10%.
Marcello79: buon viaggio per il prossimo sabato.
Un saluto particolare a chi mi nomina sempre….



14. Andres ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 11:01

Finalmente una fiction decente per Canale 5….ma dico io tanto ci vuole per fare un prodotto di qualità e con buoni attori? Continua la mossa di Mediaset poco astuta di lasciare campo libero a Mara Venier riproponendo le soap che di domenica non fanno ascolto. Non era meglio lasciare tutto il pomeriggio a Domenica Live che sicuramente se la giocava con il suo competitor? Mediaset non ne sta azzeccando una ed è un peccato perché vedo sempre di più una rete allo sbando. Per il resto soliti ascolti per Fazio e Giletti.



15. max ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 11:07

GRANDE ZIA MARA



16. Sabato ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 11:08

In sovrapposizione, il debutto della fiction Non Mentire supera leggermente Che Tempo Che Fa. Canale5, dopo tanto tempo, riesce quindi a portare a casa una vittoria, seppur di misura, grazie alla fiction della Indigo Film, la stessa casa di produzione del successo di Rai1 La Compagnia Del Cigno. La fiction di qualità richiama più pubblico di fiction “trash” come La Dottoressa Giò: che sia di insegnamento a Mediaset!
Ottimo risultato per The Good Doctor; bene anche Le Iene, Le Ragazze e Giletti.
Nel pomeriggio, sempre molto bene la Domenica In della Venier. Bene anche la Parodi, seguita da 2 milioni di spettatori (12,7% di share) e superata di poco dalla D’Urso.

Ieri sera, come ogni domenica, ho seguito Che Tempo Che Fa. Mi sono davvero stupito del fatto che, dopo un solo quarto d’ora di programma, erano stati, nell’ordine:
- applauditi Claudio Giovannesi e Roberto Saviano, freschi di premiazione a Berlino (Orso d’Argento!) per La Paranza Dei Bambini;
- ascoltata la presidente di un’Associazione contro il razzismo nei confronti dei bambini di altre etnie adottati da italiani;
- accolti i genitori di Giulio Regeni a tre anni dalla morte del ragazzo in Egitto.
Un concentrato di qualità di cui il servizio pubblico dovrebbe essere orgoglioso!
La puntata è poi continuata con Renzi, Loredana Bertè, spazio cinema con Gassman e Bentivoglio, spazio musica con Irama, spazio comicità con la Littizzetto e un Tavolo come sempre piacevolissimo.

Non so che programma abbia visto Francesco93 che parla di “comizio” di Renzi: l’ex Presidente del Consiglio è stato intervistato su alcuni punti fondamentali. Fazio non ha fatto mancare critiche e provocazioni al senatore del PD, a differenza, per esempio, della Palombelli con Berlusconi (avete visto la vergognosa intervista a Stasera Italia?).
Francesco vuole “soprassedere sull’ennesima ospitata di Saviano”, ma probabilmente non sa che La Paranza Dei Bambini di Saviano e Giovannesi è stata premiata al Festival di Berlino, dando onore e riconoscimento internazionale al nostro Paese.
Ricordo infine a Francesco, secondo il quale Fazio sarebbe stato protetto da “un famigerato partito politico” che il conduttore ligure lavora in TV dal lontano 1982, quando quel partito non era ancora neanche immaginabile. Per quanto riguarda la “media ascolti inferiore a qualsiasi altro giorno della settimana su Rai 1″, faccio presente che mi stupirei del contrario (per esempio, se il talk di Fazio avesse più successo di Montalbano o Tale E Quale); il confronto utile e sensato è quello con le fiction domenicali che il programma di Fazio è andato a sostituire e che avevano ascolti leggermente più bassi e costi molto più alti.



17. Andres ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 11:16

Finalmente una fiction decente per Canale 5 (se l’avesse fatta Rai 1 faceva sicuro il 25% di share)… ma dico io tanto ci vuole per fare un prodotto di qualità? Continua l’agonia delle soap che di domenica non fanno ascolto (ma questo Mediaset non l’ha capito) a tutto vantaggio di Domenica in… non era meglio lasciare Domenica Live che almeno se la giocava con il suo diretto competitor? E’ evidente che Mediaset non ne sta azzeccando una. Per il resto soliti ascolti per Giletti e Fazio.



18. Sergio ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 11:17

Ottimo esordio per Non Mentire e speriamo che non vada calando nelle prossime due puntate.

Soliti ascolti per quanto riguarda Fazio.

Bene The Good Doctor che si mantiene sempre sopra i 2 milioni.

Per quanto riguarda il pomeriggio, beh.. Che dire! La Venier oramai è inarrestabile, e vola sempre più in alto.
Ma settimana scorsa (con oltre 5 milioni), è stata solo settimana scorsa.
Lieve rialzo per le soap di Canale 5, ma secondo me, dovrebbero ridurre la durata de Una Vita! E’ troppo pesante per un due ore di fila.
Dovrebbero farle durare tutte in maniera uguale:
14-15 Beautiful
15-16 Una Vita
16-17 Il Segreto

Perchè comunque, ieri Il Segreto è finito alle 17:25 circa, e Domenica Live è partita anche in ritardo di qualche minuto.

Domenica Live oramai è allo sbando, un programma che non ha più senso d’esistere, ridotta ai minimi come contenuti, e gli ascolti ne risentono.
Dovrebbero farla durare almeno un’ora in più!

I menu di giallo zafferano invece, continua a mantenere un buon ascolto anche con le repliche.
Chissà se faranno una nuova stagione! Mah…



19. Zio Enzo ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 11:19

Le vecchie Papere di Canale 5 come ogni domenica demoliscono ancora una volta il carrozzone inutile di Fabio STRAZIO con ospite l ex presidente non eletto da nessuno Renzi. La fiction di Canale 5 pur non facendo grandissimi ascolti asfalta lo stesso STRAZIO che come detto giustamente anche da altri e quello che fà meno ascolti di tutti in Rai durante la settimana



20. Francesco93 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 11:40

@ Sabato: Al di là delle nostre divergenti opinioni su Fazio, ci sono i dati oggettivi.
1) La domenica, Che tempo che fa ha lo share più basso dell’intera settimana (prime time) di Rai 1
2) Il lunedì in seconda serata ottiene uno share uguale o persino più basso di una qualsiasi puntata di Porta a Porta
3) La stragrande maggioranza degli ospiti politici sono affini a una sola area politica? (Renzi, Letta, Strada gli ultimi che ricordo)
4) Le fiction domenicali pre-Fazio ottenevano ascolti pari o superiori (Braccialetti Rossi aveva una media del 17%)
5) Il suo compenso risulta spropositato in relazione ad ascolti così bassi
A mio parere ce n’è abbastanza per come minimo riportare CTCF su Rai3, ma sarebbe auspicabile rescindere il contratto. Se è davvero così bravo, non avrà difficoltà a trovare un’altra sistemazione senza gravare sulle tasche del contribuente.



21. PAOLO76 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 12:16

In sovrapposizione la fiction di canale 5 fa mezzo milione in più e 2,2% in più di fazio…. direi non male e si profila una vittoria più netta di quello che faceva intendere il dato puramente numerico….



22. Claudio ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 12:22

A me Non Mentire è piaciuta, ed erano anni che non seguivo una fiction Mediaset. Dovrebbero insistere su questa strada, prima o poi i risultati arriveranno. Già il 15% è un discreto inizio, considerati gli ascolti super flop ai quali C5 è abituata! Chissà che con il passaparola Non Mentire possa crescere, perché chi l’ha vista senz’altro la consiglierà!



23. il-Cla83 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 12:30

Proprio ieri ho visto il promo di un altra fiction che partirà prossimamente su C5, non ricordo il titolo, ma i protagonisti sono Giorgio Pasotti e la bravissima Ambra Angiolini, che arriva alla fiction dopo tanti anni di cinema di spessore in cui ha lavorato con i registi italiani più importanti, da Placido a Ozpetek alla Comencini, quindi mi sembra chiaro il tentativo di invertire la rotta delle fiction Mediaset, certo potevano risparmiarci La dottoressa Giò…. forse il pubblico avrebbe capito maggiormente questo fatidico e tardivo “nuovo corso”.



24. ChePalle ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 12:59

Non Mentire è un bruttissimo remake.
Se solo gli spettatori abituali di Mediaset non avessero il telecomando bloccato su 3 canali, si sarebbero accorti che, giusto giusto 3 canali sotto, un anno esatto fa Nove trasmetteva l’originale serie Liar.
Non Mentire è una pallidissima copia dell’originale privato di tensione, ansia, dolore, recitato male da entrambi gli attori protagonisti che non riescono a trasmettere nulla di quello che realmente provano e non accendono un dibattito convincente su chi mente.
Questa serie nei primi due episodi deve assolutamente farti provare cosa sente lei e cosa sente lui parallelamente, deve farti parteggiare per uno e per l’altro contemporaneamente, e detestare l’uno o l’altra facendoti cambiare idea sulla verità ogni 5 minuti.
Fotografato malissimo così privando la storia delle sue atmosfere cupe, disperate, togliendo ai protagonisti ogni traccia dello sconvolgimento interiore.
Il remake procede di pari passo all’originale, non ne cambia una virgola ma sembra di assistere a tutta un’altra storia.
E il fatto che la gente sui social pensi che si debba scoprire un colpevole e cominci a fare l’investigatore alla Quarto Grado incolpando sorelle, ex fidanzati, amanti, la dice lunga sul fatto che questo remake non riesca a far concentrare lo spettatore sull’unica domanda che importa: chi mente dei due? Che cosa è successo?
Per fortuna nei prossimi due episodi la verità viene a galla subito ed i piccoli detectives si concentreranno su altri temi della storia.
Una serie che scritta e mandata in onda in tempi precedenti al MeToo, pone delle domande interessanti su come vittime e carnefici siano visti da innocentisti e da colpevolisti.
Ad un solo anno dalla messa in onda su Nove purtroppo tutti i difetti di questo remake saltano all’occhio.



25. Claudio75 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 12:59

Se l’intervista di Renzi dall’intellighenzia mediasettara viene definita COMIZIO, quella di SILVIO BERLUSCONI dalla LAVANDARA di C5 come dovrebbe essere definita……



26. Cugino ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:02

Francesco93 scusa ma se dici che Fazio è di parte e poi magnifichi Giletti il tuo commento perde di credibilità. Giletti è talmente fazioso e unticcio che non riesco a reggerlo più di due minuti. Non so se qualcuno ha letto quello che ho scritto ieri su TvTalk, ma se vogliamo fare un ragionamento sulla faziosità di certe trasmissioni va fatto a tutto tondo, altrimenti si consolida la mia ipotesi che in realtà Fazio dia fastidio a qualcuno solo perchè fa ottimi ascolti.
A me invece la faziosità dà noia da qualsiasi parte provenga, infatti la socrsa settimana intervenendo su alcuni blog sono stato insultato in maniera perfettamente bipartisan, per qualcuno ero un comunista di m., per altri ero un fascista di m., ottimo risultato direi.
Giletti è insostenibile e spero con tutte le mie forze che non ritorni in Rai, ma nella stessa Rai ci sono trasmissioni ben più schierate di CTCF, possibile che nessuno se ne accorga?



27. Claudio75 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:09

ECCEZIONALE MARA VENIER!

Splendida Domenica in.
Ieri pm ha regalato una giornata indimenticabile alla grande SERENA ROSSI.

Un’inattesa proposta di matrimonio ed un regalo unico fatto dalla sorella di Mimi, OLIVIA BERTE’.

Commossa, in lacrime, la ROSSI ha raccontato il grande lavoro ed impegno per realizzare la fiction, a cui ha lavorato più di un anno!!

EVVIVA MARA!!

Ha riportato DOMENICA IN nella sua collocazione e dimostrato ancora una volta di essere l’unica e vera

SIGNORA DELLA DOMENICA!

il resto è il nulla cosmico, roba da negozi di CINESERIE..



28. Cugino ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:12

Rispondo anche a Sabato sull’intervista a Berlusconi della Palombelli, non l’ho fatto prima perchè non l’avevo vista (la Palombelli mi fa venire il latte alle ginocchia). Ho visto però altre interviste a Berlusconi negli stessi giorni, da Vespa, da Myrta Merlino, e da altri. Conduttori di stile e orientamento diversissimi, ma tutti hanno avuto in comune un atteggiamento molto “morbido”, in cui onestamente io non vedo nulla di male. Berlusconi è un vecchio signore della politica, ha nel bene e nel male un suo vissuto ben più consistente dei tizi che ci governano oggi, è stato per tanti anni Presidente del Consiglio, mettiamoci pure che ha un inevitabile declino psico fisico che comincia ad essere abbastanza visibile. Io trovo normale che venga intervistato con quei modi e con quella forma, in fondo che danno può fare?
Ben altra cosa è la deferenza assoluta che una quantità di giornalisti e conduttori stanno mostrando verso l’attuale governo, quella si che mi preoccupa. Ormai il 90% delle trasmissioni è polarizzato, abbiamo da una parte gli adoratori di Salvini, dall’altra i distruttori, e non vanno bene nessuna delle due cose. Mi spaventa la faziosità di Giletti, e mi spaventa ugualmente quella di trasmissioni apparentemente “innocue” come TvTalk ed altre che veicolano in realtà di continuo messaggi politici. Ormai restano solo poche trasmissioni nel day time di La7 (e non tutte) che si possono guardare senza farsi venire il mal di fegato, per il resto è una tragedia.



29. tina ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:14

Signor CHE PALLE guarda che chi la ha seguita la fiction,sicuramente come me si sarà fatto l’unica domanda:chi dei due mente.Altre domande non vedo proprio quali potessero essere.IL CLA 83 anche io ho visto il promo dalla prossima fiction:Il silenzio dell’acqua” mi sembra.Evidentemente Mediaset sta cambiando genere e meno male.Meglio tardi che mai.Claudio 75 il comizio di Fazio va bene e quello della D’urso no?Io non ho seguito nessuno dei due ma non dubito delle critiche fatte a Fazio.



30. Cugino ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:21

ChePalle concordo totalmente con te riguardo a Non mentire vs. Liar. Ormai da qualche tempo “mi sono fatto persuaso” che il blocco del telecomando affligge il tasto 5, più che il tasto 1.

Sabato avrai capito che in generale a me Fazio piace e lo guardo, e che non sono esattamente un adoratore del duo Gianni e Pinotto. Ieri però Fazio è entrato in uno di quei suoi momenti tipicamente “mode propaganda politica on” che non mi fanno impazzire. Un pò perchè reputo Saviano enormemente sopravvalutato, e questa sua continua beatificazione da parte di CTCF mi dà un pò fastidio. E un pò perchè quando fingeva di contraddire Renzi che parlava del reddito di cittadinanza era meno convincente di quando finge di scandalizzarsi per i monologhi della Littizzetto. Recitava talmente da cane che gli scappava persino da ridere. Ora, o fai realmente un contraddittorio, o se devi prendere in giro lo spettatore è meglio che taci e fai fare a Renzi il suo monologo. Non stai facendo la spalla al comico del programma. O forse si?



31. ChePalle ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:26

Gente faziosa che critica la faziosità altrui: non vi viene il dubbio che la Par Condicio e il giornalismo obiettivo e una televisione oggettiva non siano mai esistiti e non abbiano senso di esistere?
La faziosità per fortuna è ben distribuita su tutti i canali a tutti gli orari, i giornali sono faziosi perchè di parte rispondendo ai propri editori, e “giornalisti sopra le parti” è un concetto che non si capisce per quale motivo debba esistere nel momento in cui scrivono e parlano da una testata schierata.
I soldi dei contribuenti sono stati equamente distribuiti decenni fa creando 3 canali Rai con 3 diversi orientamenti politici, per accontentare tutti.
Che ognuno si guardi il canale che vuole e la smetta di pretendere che tutti gli altri debbano rispecchiare le proprie idee faziose.



32. wisdom ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:35

Buongiorno a tutti. Sabato scusa ma non so dove tu abbia visto Fazio “non far mancare critiche e provocazioni” a Renzi. Ha letto due frasette scritte sul copione con tale mancanza di convinzione che ha rasentato l’effetto comico, tipo quando ha esclamato con aria finto stuporosa “Ma Presidente! Dobbiamo pensare ai cinque milioni di poveri che ci sono in Italia!” e sembrava il bimbo dell’asilo che recita la Vispa Teresa. Dai, quando fa così Fazio se le cerca proprio.
Sono d’accordo sul fatto che ormai trasmissioni equilibrate non ce ne siano più, a me sta venendo il rigetto, tra tutti. Certo l’ultimo che porterei ad esempio di bravo giornalista è Giletti, per carità del cielo.

Ho guardato un pò della fiction sul 5, la qualità è certo superiore alla media di rete, ma non regge il confronto con le serie (e anche i film) a cui si è ispirata.

Grandissima invece Mara Venier, la sua Domenica In migliora ogni settimana che passa. E davvero ben fatto, come sempre, il mattino Rai, con Provincia Capitale in testa.



33. Claudio75 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:40

@Cugino

Al di la degli orientamenti politici, quell’ intervista di Berlusconi dalla Palombelli era un qualcosa di totalmente inguardabile.

Non è solo reverenza verso il polìtico-padrone di Mediaset.

Quella c’è sempre stata e sempre ci sarà. Non meraviglia e non fa notizia.

Era tutto il contesto.

Dalle voci “in campo”, alla conduttrice che non sapeva che pesci prendere aspettando il là degli autori per intervenire, allo stesso Berlusconi che sembrava raccontare la trama di “guerre stellari” con l’impero cinese e le forze della resistenza..

In questa settimana è stato ospite dalla Merlino (lei sta zitta quando parlo io..), a Povera Patria (vi erano due giornalisti che l’incalzavano) da Vespa, la situazione era ben diversa…

Dalla ORIANA FALLACI DE’ NOANTRI si è abbandonato il talk per fare uno spettacolo comico.
Perché quello che è andato in onda lo puoi collocare solo come spettacolo comico.

Magari Berlusconi avrà anche detto cose giuste o plausibilmente condivisibili ma venivano messe tutte in secondo piano da un contesto
alla BERTOLDO BERTOLDINO E CACASENNO!!



34. ChePalle ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:44

@wisdom Io so che Non Mentire è il Remake di Liar. So che Liar è una serie originale. Di che film parli?



35. wisdom ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:46

ChePalle un tempo era come dici te, e le cose alla fine funzionavano. Oggi non più, perchè le carte si sono troppo mescolate per garantire un’equa distribuzione degli schieramenti. E anche perchè, se è vero che l’oggettività assoluta non esiste, non si era mai arrivati prima al livello di oggi, tutti i conduttori si sentono in servizio effettivo permanente come se fossimo in guerra. A me non piace guardare solo chi la pensa come me, l’informazione la guardo su tutti e sette i canali e cerco poi di farmi una mia idea, ma comincia a diventare impresa superiore alle mie forze.
Ti dico anche che i pochi conduttori che ancora apprezzo hanno un orientamento politico che non è il mio, e quelli che in teoria sarebbero più vicini alle mie idee mi fanno orrore (me ne fanno anche parecchi degli altri schieramenti, beninteso). Ieri non mi sono piaciuti nè Giletti nè Fazio, che ci posso fare? Non è che se uno sposa le mie teorie automaticamente mi piace, non siamo all’asilo infantile.
io credo che per un giornalista palesare le proprie idee e non fingersi super partes sia anche doveroso, ma poi devi comunque garantire un’informazione seria e non le barzellette. Così almeno la penso io.



36. wisdom ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:55

ChePalle non sapevo che fosse il remake dichiarato di Liar, credevo si fossero solo ispirati. A me ha ricordato anche le atmosfere di Gone Girl, a quello pensavo quando ho parlato di film, e di altri thriller psicologici tipicamente USA, anche non recentissimi. D’altra parte non è una novità che gli sceneggiatori italiani peschino a man bassa (e non sempre in modo esplicito ed esplicitato) da film e telefilm made in USA.



37. ChePalle ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 13:58

@wisdom infatti il problema è la par condicio.
l’informazione seria è garantita a seconda delle idee di chi guarda?
il problema non è l’informazione, il problema è la politica e il dibattito politico che non era mai sceso a livelli così bassi.



38. Claudio ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 14:11

Cara Lady Barbara…
Premesso che se fossi uno dei tuoi figli, mi nasconderei al mondo e mai vorrei che si sapesse che proprio TU sei mia madre (esercizio di vita che – mi sembra – la tua maschia ed intelligente prole sta già ampiamente praticando anche nella realtà vera),

ti sparo lì una domandina secca secca (e retorica quanto vuoi, ma pur sempre un bel… domandone), alla luce di share (più che) deludenti dell’ultimo mese e delle ultimissime ore che TI riguardano in prima persona, TUE trasmissioni dimezzate, partenze di TUE nuove trasmissioni annunciate e poi procrastinate per CHISSAQUALEMOTIVO… :

dimmi, dimmi… come ci si sente (davvero eh?!) nel percepire una lenta ma a quanto pare inesorabile e ineluttabile caduta dalle stelle alle STALLE?? (e tu di stalle, stalloni, starlette, mostri vari e avariati, inutili, volgari all’inverosimile e nella cosiddetta “fascia pro-TETTA”, ne sai tanto, tantissimo; sei (eri?) la prima della classe in materia, anzi la MAESTRA, la vera MAESTRA…).

Ciao “cara”, BUONA VITA.



39. Claudio75 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 14:14

@chepalle, scusami ma non sono d’accordo con te

Il problema è anche l’informazione!

Quando un talk show si occupa del regolamento di Sanremo traslando il discorso sul principio che uno vale uno, che l’ ELITE’ si contrappone al POPOLO….di che parliamo?

Il livello del dibatto è soprattutto deciso dall’informazione!

Se un giornalista si fa intervistare con il rotolo di carta igienica ben visibile alle spalle il livello da chi è deciso?



40. Sabato ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 14:17

Francesco93, ti rispondo punto per punto:
1) a parte il fatto che questa affermazione non è sempre vera, ripeto: io mi stupirei del contrario, in quanto domenica va in onda un talk show inevitabilmente di nicchia, mentre sulla settimana vengono trasmesse fiction amatissime e programmi per tutta la famiglia capaci di coinvolgere un pubblico molto ampio;
2) falso: Porta A Porta ha uno share medio poco più basso e valori assoluti molto più bassi di Che Fuori Tempo Che Fa;
3) dimentichi la presenza di Fico, Toti e Di Battista. Ti ricordo anche che Salvini non va da Fazio per propria scelta (poi non si lamenti!) e che Di Maio ha ottenuto immediatamente spazio con una telefonata quando ha voluto intervenire in trasmissione;
4) quando Fazio è arrivato a Rai1, la rete era reduce da mesi di ascolti medi, la domenica sera, di circa 2,5 milioni di spettatori e del 12% di share, ottenuti con fiction in replica. Tali fiction avevano un costo di circa 1 milione di euro a serata, al quale andava aggiunto il costo del preserale Affari Tuoi (ricordo che Fazio è andato a coprire lo spazio che fino a metà 2017 era occupato da Affari Tuoi e da una fiction di due ore). Una puntata di Che Tempo Che Fa costa circa 450mila euro, quindi Rai1 risparmia ogni domenica più della metà rispetto a prima;
5) penso che sul compenso sia stato detto abbastanza: il contratto di Fazio ed i suoi programmi sono stati analizzati nei minimi particolari da tutti gli organi competenti (e non solo) e non è stato trovato nulla di anomalo. Il compenso di Fazio include la conduzione dei due programmi, l’impegno nella scrittura e, se non sbaglio, anche la partecipazione ad altri progetti. Sono cifre esorbitanti? Forse, ma sono quelle stabilite dal Mercato: Fazio vale tanto, quindi viene pagato tanto.

Ti chiedo ora di non ignorare le mie osservazioni (leggi il mio precedente commento) a proposito:
- del presunto “comizio” di Renzi, che ti invito a confrontare, per esempio, con quello di Berlusconi davanti alla Palombelli: parli di “comizio” per pregiudizio?
- della presenza di Saviano, giustificata dal riconoscimento appena ottenuto a Berlino: io non “sorvolerei”, in quanto è un successo italiano di cui andare fieri!
- del PD che secondo te avrebbe protetto Fazio, il quale lavora (il suo curriculum è lungo e ricco) da quando il PD non era ancora immaginabile: un po’ di lucidità, quando si parla di Fazio, mai?
- del fatto che un talk che si occupa, fra l’altro, di politica, economia, attualità e cultura, sia inevitabilmente più di nicchia di altri programmi più popolari: un plauso a Fazio che, per amore di servizio pubblico, ha aperto per mesi la puntata con una lezione di Economia di 20 minuti, no?
Ti invito infine a riflettere sull’arricchimento contenutistico che lo spostamento di Che Tempo Che Fa ha apportato all’ammiraglia della nostra TV di Stato (argomenti e personaggi importanti al posto di fiction!).



41. MARCELLO79 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 14:30

@ WISDOM
MARA VENIER è un’ottima professionista, merita il successo che sta raccogliendo con la sua DOMENICA IN, anche se io la amavo di più nel ruolo di giudice a TU SI’ QUE VALES. Era più frizzante.
Va però detto, non so se converrai con me, che la conduttrice veneziana deve ringraziare la scelleratezza dei dirigenti MEDIASET che hanno deciso, per far spazio ad un prime time che nasce sotto pessimi auspici, di sopprimere la parte di DOMENICA LIVE, dalle ore 14,00 alle ore 17,15.
Se ben ricordi nelle ultime due sfide MARA VENIER vinceva su BARBARA D’URSO dello 0,14% e dello 0,10%. E’ palese che il pubblico fosse equamente diviso tra i due contenitori e la differenza minima, irrisoria di share era dovuta solo, nella media complessiva, al maggior numero di pause pubblicitarie di cui è infarcita DOMENICA LIVE rispetto a DOMENICA IN.
Sui gusti nulla quaestio, ognuno ha il suo, ma se BARBARA D’URSO avesse continuato la sua maratona domenicale, la VENIER questi ascolti non li avrebbe mai visti, salvo alcune eccezioni.
Basti pensare ai risultati di POMERIGGIO 5 di quest’ultima settimana, molto alti, grazie ai quali BARBARA continua a mantenere ben salda la sua leadership.



42. Tina ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 14:50

MARCELLO la penso esattamente come te.Sbagliatissimo ridurre Dom live che si divideva quasi equamente con la Venier.Mi auguro che si ritorni come prima dal settembre prossimo.Chi critica la D’urso inoltre se ne guarda bene dal rilevare gli ascolti ottimi settimanali ,che vincono sul competitor anche occupandosi di Sanremo che non e’certo un programma del 5.



43. ChePalle ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 15:00

@wisdom No, Non Mentire è il remake o brutta copia di Liar.
Gone Girl era tutto un altro film. Altra trama molto diversa e adattamento dell’omonimo libro.

@Claudio75 io parto dal presupposto o constato che sia la politica a dettare le linee dell’informazione in questo paese e non viceversa.
Quindi non mi stupisco del basso livello delle argomentazioni nei vari talk. La politica spende una settimana a discutere di Sanremo e l’informazione si adegua.
La par condicio da quando è stata introdotta ha fatto solo danni.
Quando dico che i telespettatori faziosi dovrebbero smetterla di pretendere che tutti i programmi e i giornalisti e i conduttori dicano solo le cose che aggradano loro, e che si rivolgano ad altri canali, intendo proprio questo: la tendenza è assecondare la politica, il governo in auge, e censurare l’opposizione. E questa è l’antitesi del significato di democrazia.
Fazio non dovrebbe esistere, la Murgia non dovrebbe parlare, Saviano non dovrebbe comparire, Renzi dovrebbe morire. Gruber, Merlino, Floris poi non dovrebbero nemmeno respirare. La7 in genere dovrebbe scomparire
Quindi tutti gli spettatori che magari amano Fazio, Saviano, Murgia o Renzi (esisteranno pure da qualche parte) non hanno il diritto di essere rappresentati in Tv perchè il palinsesto dovrebbe essere coperto a reti unificate da Porro, Sallusti, Giordano (il quale è la cosa più antitelevisiva mai vista e sentita sul piccolo schermo) e da tutte quelle voci che rispecchiano un certo elettorato e sono faziose esattamente come gli altri.
La faziosità regna per prima negli occhi di chi guarda. Tanti buoi che chiamano cornuti gli asini.



44. Sabato ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 15:17

Cugino, condivido il tuo commento 26. Per quanto riguarda il numero 28, ti dico che ho visto l’intervista della Merlino a Berlusconi ed anch’io ho notato un atteggiamento “morbido”, quello che normalmente si riserva ai vecchietti, ma non ho nulla da ridire su quell’intervista in quanto sono state comunque fatte alcune riflessioni interessanti (oddio, si poteva fare di meglio, ma va benissimo in confronto all’intervista imbarazzante della Palombelli).

Tina, commento 30: “il comizio di Fazio va bene e quello della D’urso no? Io non ho seguito nessuno dei due”
Sulla base di cosa parli di “comizio”? Te lo dico io: stupido pregiudizio! Fazio ha messo a punto un’intervista di tutto rispetto – e con questo rispondo anche a Wisdom -, rinfacciando a Renzi la fragilità dei valori che l’ex sindaco di Firenze credeva di aver trasmesso agli italiani (riflessione molto interessante!); girando il dito nella piaga dell’instabilità all’interno del PD; un’analisi politica del consenso acquistato da Salvini confrontato con quello perso da Renzi stesso, con invito all’autocritica; ricordato il mancato successo dello Ius Soli; pretendendo dall’ex premier validi argomenti a favore dell’inutilità del reddito di cittadinanza sostenuta da Renzi.
Ricordo inoltre che Renzi è al momento fuori dai giochi (non è candidato alle primarie PD, non si candiderà alle Europee e non ha in programma di lanciare un nuovo partito nel breve periodo), quindi non vedo la necessità di pretendere da Fazio (guarda caso, sempre e solo da lui) interviste più “dure”.



45. Enzo ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 15:21

Ma cosa deve fare la povera Canale5 con la fiction? Cioe’ un prodotyo cosi moderno e originale non supera i 4 milioni? Mah io non comcepisco auesto rifiuto alla serialita’mediaset. In Rai1 qualsiasi fiction (molte ai tempi della pietra stanno per regie e sceneggiature) e’ un successo.
E’ una vergogna sinceramente



46. ChePalle ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 15:24

Signora TINA, no non se la sono posta, si fanno altre domande e sono convinti di guardare un giallo e cercano un colpevole altrove tra gli altri protagonisti in modalità Chi ha ucciso Laura Palmer.
Non hanno afferrato il senso della fiction, ma non è nemmeno troppo colpa loro, visto che questo remake ha fatto di tutto per annientare il senso della serie originale.
Non Mentire è stata trend topic tutta la sera di ieri fino a stamattina su twitter e le reazioni del pubblico che guardava Canale5 sono state esilaranti.



47. Michele ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 15:33

MA SERIAMENTE CI CREDONO QUELLI CHE DICONO CHE HA VINTO RAI 1? MA CHI VA PAGA?

SE LO SHARE DI CANALE 5 E’ SUPERIORE HA VINTO CANALE 5 QUINDI ZITTI E A CUCCIA



48. claudio ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 15:37

Fonte DAGOSPIA: “COSE MAI VISTE: MEDIASET FA UN COMUNICATO PER ”SCORPORARE” L’INTERVISTA DI BERLUSCONI DAL RESTO DI ”DOMENICA LIVE”, VISTO CHE GLI ASCOLTI DI SILVIO (12,2%) AFFOSSAVANO QUELLI DI BARBARIE (16,3%) …” :
della serie… “SENZA VERGOGNA” : ammettere una “sconfitta” mai eh??!!”.
Arrampicatevi, arrampicatevi sempre più sugli specchi: prima o poi scivolerete, gli specchi si romperanno e vi taglierete “per bene”… metaforicamente parlando, ma anche no



49. Vince! ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 15:39

Buongiorno!

Serata domenicale affollatissima come al solito.

Fazio mantiene il suo fedele zoccolo duro di spettatori con l’ennesima bella puntata, nonostante gli sforzi di tutti – Rai 2 di Freccero compresa – per rosicchiargli ascoltatori.

Da quel che ho letto sui social, Canale5 ha finalmente presentato una fiction di qualità, buttandola un po’ allo sbaraglio di domenica. Continuo ad essere convinto che in un giorno diverso avrebbe fatto maggiori ascolti…



50. il-Cla83 ha scritto:

18 febbraio 2019 alle 15:40

@ChePalle
Forse tu sei facilitata/o dal fatto che hai visto la serie originale inglese,
Le recensioni scritte qui e in altri blog, confermano che la serie non è un capolavoro ma comunque ben fatta e recitata bene.
Io l’ho seguita è anche se non appartiene al mio genere (ma in linea generale guardo raramente le fiction di qualsiasi genere siano) la domanda me la sono posta. Cercare di capire chi dei due possa mentire, sembrando entrambi assolutamente sinceri e in buona fede. Per quel che mi riguarda l’obiettivo è centrato. Poi è ovvio che i remake deludano sempre chi ha visto gli originali, è cosi anche nei film..



RSS feed per i commenti di questo post

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.