2
novembre

Crazy, Stupid Love

Crazy Stupid Love

Crazy Stupid Love

Steve Carell (Agente Smart casino totale, 40 anni vergine), Ryan Gosling (Come un tuono, Nice guys), Julianne Moore (Il grande Lebowski, Psycho), Emma Stone (Irrational Man), Kevin Bacon (The Darkness, Venerdì 13) e Marisa Tomei (The Watcher) sono protagonisti di moltissimi film presenti su Infinity. Solo in uno di questi, però, possono essere apprezzati tutti insieme: Crazy, stupid love (2011), diretto da Glenn Ficarra e John Requa.

La vita di Cal Weaver sembra perfetta: una bella casa, un buon lavoro, dei bravi figli e una moglie, Emily, che ama dai tempi del liceo. Improvvisamente, la donna rivela a Cal di averlo tradito, aggiungendo la richiesta di divorzio. Il suo mondo fatato crolla improvvisamente, e decide così di passare le serate ubriacandosi in un pub mai frequentato prima. Qui viene notato da un giovane sciupafemmine, Jacob Palmer, che gli offre le competenze e il proprio aiuto per tornare a sedurre. Nel frattempo, suo figlio Robbie, appena tredicenne, scopre di avere una cotta per la babysitter Jessica, che però è innamorata di Cal. John Requa e Glenn Ficarra, registi di Crazy, Stupid Love, hanno iniziato a collaborare nel 2001, anno in cui scrissero la sceneggiatura per il film Come cani e gatti. Anche la sceneggiatura di Babbo Bastardo è frutto della loro penna, ma la prima opera da registi è Colpo di fulmine – il mago della truffa del 2009, seguita qualche anno dopo da Focus – niente è come sembra (2015).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


lucifer
Lucifer 3: l’angelo caduto torna su Infinity


Animali Fantastici e Dove Trovarli
Animali ancora più fantastici con il 4K di Infinity


The Boss
The Boss, una donna al potere


Non si ruba a casa dei ladri
Non si ruba a casa dei ladri, lo sa anche Infinity

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.