1
ottobre

LA GRANDE AVVENTURA (3^ puntata) : DALL’OSCURAMENTO del 1984 a BUONA DOMENICA (1985)

Silvio Berlusconi (La Grande Avventura) @ Davide Maggio .it

Nella scorsa puntata ci eravamo fermati al debutto di Risatissima e ad un provvedimento ad opera di alcuni pretori che oscurarono le tre reti del Biscione.

Martedi 16 ottobre 1984 : è questa la data più spiacevole nella storia delle emittenti di cui ci stiamo occupando.

Sorrisi e Canzoni TV (1984) @ Davide Maggio .itI pretori di Roma, Torino e Pescara con un’applicazione forzata, probabilmente stimolata da qualcosa o qualcuno, decidono di spegnere i ripetitori Fininvest che permettevano le interconnessioni del segnale e che consentivano di fatto l’emissione nazionale dei programmi (cfr. la prima puntata de La Grande Avventura).

Canale5, Italia1 e Rete4 non potevano più trasmettere in Lazio, Piemonte, Abruzzo e Molise e al posto dei vari programmi compariva un cartello che informava della sospensione delle trasmissioni.

Le reazioni al provvedimento liberticida suscitarono la felicità di Viale Mazzini e probabilmente di qualche parte politica ma non trovarono l’approvazione dei telespettatori che diedero vita ad una vera e propria sollevazione popolare. I dati ISTEL (la società che si occupava della rilevazione degli ascolti tv prima dell’Auditel) stimavano in 35 milioni il numero di telespettatori che si sintonizzavano quotidianamente, per almeno due ore, sulle reti Fininvest.

Le persone che riescono a sbloccare la situazione sono due : un politico  ed un personaggio televisivo.

Se tutti ricordano il politico, altrettanto non può dirsi del personaggio tv che contribuì al salvataggio delle reti del Biscione.

Questo personaggio si è sempre speso per la causa di Silvio Berlusconi a garanzia del pluralismo televisivo pur non essendo stato successivamente in linea con il pensiero politico del suo “capo”.

Il personaggio di cui parliamo risponde al nome di Maurizio Costanzo.

Fu proprio grazie a Costanzo che giovedi 18 ottobre 1984 Canale5 realizzò un grande evento televisivo che, seppur limitato alla sola diffusione locale (Roma) a causa dell’oscuramento, contribuì a spianare la strada per la “riaccensione”.  

Parliamo della prima diretta di Canale5 : BLACK OUT, programma condotto da Maurizio Costanzo e Corrado e trasmesso da un Teatro Giulio Cesare in Roma gremito da una folla che richiedeva a gran voce il ritorno in video dei propri beniamini.

Pensate che, durante l’oscuramento, ogni giorno una media di 4 milioni di telespettatori rimaneva sintonizzata sul Canale5, Italia1 e Rete4 in attesa della ripresa delle trasmissioni.

Nonostante la diffusione locale, DM è riuscito a trovare anche questo video. Ecco per Voi, i primi minuti dello Speciale BlackOut. Godeteveli.

Fu proprio al grido di “Aridatece i puffi” che due giorni dopo Bettino Craxi, allora Presidente del Consiglio, approntò in fretta e furia il “Decreto Salva Reti” che consentì alle emittenti Fininvest di tornare a “splendere” nell’etere. Era sabato 20 ottobre, appena in tempo per la prima di PREMIATISSIMA 84.

Ma cosa aveva dato tanto fastidio ai pretori?

Come mai soltanto il 16 ottobre del 1984 furono presi dei provvedimenti nei confronti di una situazione che si protraeva sin dal 1980?

Presto detto…

Forse a causa del videosorpasso del 1983 che imbarazzò profondamente la tv di Stato oppure perchè dal 1984, con l’ingresso di Rete4, si iniziava a “giocare ad armi pari” con la creazione di un duopolio che vedeva da una parte le 3 reti della RAI e dall’altra le 3 emittenti del Biscione?

Di fronte, però, ad una platea televisiva di 35 milioni di telespettatori non ci furono invidie, rivalità o attentati al pluralismo che tennero.

Ma cosa offrì l’autunno del 1984?

Una delle prime novità fu il lancio del primo varietà targato Fininvest nell’appena acquisita Rete4.

QUO VADIZ, questo il titolo del varietà, fu firmato da un giovanissimo Gabriele Salvatores ed ebbe la particolarità di essere ambientato nell’antica Roma grazie ad uno studio particolarissimo in stile imperiale.

La conduzione fu affidata a Maurizio Nichetti che in questo show del martedi sera fu accompagnato da una scatenata Sydne Rome, Don Lurio, I Gatti di Vicolo Miracoli, Luca Barbareschi e da alcune apparizioni di Piero Chiambretti.

4 milioni di telespettatori non persero nemmeno una puntata.

Italia1 riconfermerà OK! Il Prezzo è Giusto e Drive In.

Canale5 riconfermerà per il terzo anno consecutivo, il giovedi sera, SuperFlash e il sabato una rinnovatissima edizione di Premiatissima che vedrà la riconferma di Johnny Dorelli affiancato da due partner d’eccezione : direttamente dal cinema, alla sua prima esperienza televisiva, Ornella Muti e direttamente dalla musica, dove trionfava con tourneè in giro per il mondo, Miguel Bosè.

Il venerdi sera fu la volta di un’altra grande novità.

Spostato il CIAO GENTE di Corrado alla domenica pomeriggio (all’interno di Buona Domenica, come vedremo tra poco), il prime time del venerdi vedrà esordire una coppia assolutamente inedita che vede il ritorno, dopo due edizioni di Premiatissima, di Amanda Lear affiancata dall’ex Conte di Montecristo Andrea Giordana.

I due si cimenteranno nella conduzione di W LE DONNE, un gioco spettacolo in cui tante donne in gara si contenderanno il titolo di Donna Più della Settimana superando varie prove, da quella di seduzione con simpatiche candid camera ideate da Alessandro Ippolito a prove di bellezza e defilè, da prove incentrate sulla discussione di temi legati all’attualità sino a un quiz finale che attribuiva alla vincitrice un fantastico collier.

Il programma riscosse un successo clamoroso : 10 milioni di ascoltatori per ognuna delle 13 puntate.

Il successo di W Le Donne non si esaurì con le 13 puntate di Canale5. Furono, infatti, programmate, subito dopo, altre 20 puntate in prime time, sempre di venerdi ma questa volta su Rete4. Fu proprio con W Le Donne che Rete4 segnò un record d’ascolto mai più superato dalla rete : 7,5 milioni di ascoltatori a puntata.

Fu proprio questo record a indurre Silvio Berlusconi, ideatore del programma e dell scenografie, a ripianificare per la stagione 85/86 altre 35 puntate. Questa seconda edizione su Rete4 andò in onda di domenica.

W Le Donne, con i suoi ascolti, si “permise” di superare addirittura l’ammiraglia Canale5.

Ecco uno spezzone del programma.

Relativamente al daytime, il 12 novembre 1984 a Bis e a Il Pranzo è Servito si affianca un altro programma.

Parliamo di TUTTINFAMIGLIA condotto da Claudio Lippi che ritorna a Canale5 dopo essere già stato un volto di TeleMilano58. La conduzione di Lippi durò tre stagioni e il 1987 arrivò in sua sostituzione Lino Toffolo che presentò il programma per le ultime due edizioni (1987/88, 1988/89).
Tuttinfamiglia andava in onda prima di Bis.

Una grossissima novità arriva il 6 gennaio del 1985.

Dopo uno speciale del 1 gennaio 1985 (BUON ANNO), arriva una sorpresa per il dì di festa di Canale5 : la prima edizione di BUONA DOMENICA.

Si spalancheranno le porte del più grande studio televisivo d’europa. Parliamo dello Studio 1 del Centro Palatino di Roma completamente rinnovato dopo l’acquisizione dalla Rete4 mondadoriana.

Questo studio di 1.500 mq (pensate che il Teatro delle Vittorie si estende su 800 mq) ospiterà le prime 20 puntate di questo appuntamento domenicale diviso in due parti : la prima, dalle 13.30 alle 17.15, condotta da Maurizio Costanzo con la partecipazione di Simona Izzo era dedicata ai grandi temi d’attualità e della cronaca e ai grandi personaggi dello spettacolo italiano ed internazionale; la seconda, dalle 17.15 alle 20.25, era invece condotta da Corrado che incontra per la prima volta in tv il suo inseparabile amico Roberto Pregadio. Insieme, daranno vita ad un’edizione extralusso di Ciao Gente.

Il confronto con la Domenica In di Pippo Baudo fu incoraggiante anche se non lusinghiero. Buona Domenica totalizzava 3 milioni di ascoltatori contro i 9 di Domenica In. Il motivo di questo distacco era probabilmente dovuto al fatto che Canale5 non aveva la diretta e i risultati di calcio venivano dati in esclusiva dalla Rai.

Ecco per Voi, la primissima puntata di Buona Domenica : lo speciale BUON ANNO.

Dal 1985 si arricchisce anche lo “scontro televisivo estivo”.

Si aggiunge, infatti, un altro programma che è in sostanza il “Giochi Senza Frontiere” di casa Fininvest.

Il programma si chiamava IL BUON PAESE e fu condotto da Claudio Lippi.

Si trattava di una gara tra due comuni (uno del nord e uno del sud) con giochi spettacolari realizzati in uno studio faraonico, il già citato studio 1 del Centro Palatino. Il successo sarà tale (10 milioni per il sabato sera estivo di Canale5) che subito dopo l’edizione estiva prenderà il via un’edizione che si articolerà in 30 puntate nel prime time del venerdi su Rete4. Questo programma insieme a W Le Donne comporrà la stagione 85/86 di Rete4.

Al termine della stagione 84/85 troviamo anche nuova edizione di Risatissima col sottotitolo “La Fine del Mondo”. Al timone vedremo Lino Banfi, Carmen Russo, Lino Toffolo e Massimo Boldi con la presenza fissa di Loredana Bertè che sostituisce la presenza fissa di Ornella Vanoni nella precedente edizione.

Arriviamo così alla stagione 1985/1986.

Da questa stagione partirà la prossima puntata de La Grande Avventura, lunedi 15 ottobre.



Articoli che potrebbero interessarti


Silvio Berlusconi (La Grande Avventura 2^ puntata) @ Davide Maggio .it
LA GRANDE AVVENTURA (2^ PUNTATA) : STAGIONE TV 1983 – 1984, IL VIDEOSORPASSO


LA GRANDE AVVENTURA (3^ puntata) : DALL'OSCURAMENTO del 1984 a BUONA DOMENICA (1985)
LA GRANDE AVVENTURA (4^ PUNTATA) : STAGIONE 1985/1986 e LA SERATA SINGOLA PIU’ COSTOSA DELLA STORIA DELLA TV


Silvio Berlusconi (La Grande Avventura) @ Davide Maggio .it
LA GRANDE AVVENTURA (5^ PUNTATA) : STAGIONE 1986/1987, dall’ISTEL all’AUDITEL e IL GRANDE ESODO


Storia della Tv Commerciale, 11 puntata Stagione 91-92
LA GRANDE AVVENTURA (11^ PUNTATA): STAGIONE TV 1991/1992, E’ L’ORA DELLA DIRETTA.

18 Commenti dei lettori »

1. Nickmasies87 ha scritto:

1 ottobre 2007 alle 15:41

Certo vedere le immagini della prima Buona Domenica, fa un belleffetto, specialmente se confrontate con la Buona (Cattiva, Pessima, Orrenda..e chi piu ne ha piu ne metta) Domenica Attuale.. Anche se il balletto allinizio di Costanzo……



2. Dranto ha scritto:

1 ottobre 2007 alle 16:09

Hai visto che alla fine hai dovuto affrontare pure tu il problema politico….nel commento che avevo fatto sulla prima puntata il mio accenno alla politica non era un attacco a Berlusconi ma era una constatazione sul fatto che la politica aveva un ruolo fondamentale per la storia della tv, pubblica e privata! E lo avr anche in seguito! Tornando al discorso televisivo volevo chiederti informazioni invece sugli eventi che la Fininvest trasmetteva: ad esempio il concorso di Miss Italia non è stato trasmesso per anni su Canale 5 prima di passare in Rai?



3. Lele ha scritto:

1 ottobre 2007 alle 22:16

Dal filmato dello speciale “”Blackout”" appare evidente che gi a quei tempi il microfonista di Costanzo era Schultz! ;-)



4. maikol87 ha scritto:

1 ottobre 2007 alle 23:37

Ciao Davide, non hai ragguagli per quanto riguarda il centro di produzione di Cologno negli anni 84 e 85? per il resto, qualche giorno fa ti ho spedito una mail, spero ti sia arrivata… se puoi, fammi sapere eh… grazie ;-)



5. Davide Maggio ha scritto:

3 ottobre 2007 alle 17:34

@ Dranto : diciamo che i dati di fatto… non si possono omettere! Per quanto riguarda Miss Italia è stata trasmessa da Canale5 nel 1987 con la conduzione di Andrea Giordana. Altre date non mi sovvengono :-) @ maikol87 : cosa vuoi sapere sul CPTV di Cologno?



6. Davide Maggio ha scritto:

3 ottobre 2007 alle 17:36

Dimenticavo… la cosa simpatica e che proprio nell87 fu eletta Mirka Viola che fu poi detronizzata (perche mamma) e la corona fu ceduta a Michela Rocco di Torrepadula attuale moglie di Enrico Mentana :-)



7. CO2 ha scritto:

3 ottobre 2007 alle 19:56

Come sempre, ottima ricostruzione. Mi ricordo molto bene di Buona Domenica. La prima parte, con Costanzo, la trovavo noiosa (avevo però 13 anni) rispetto invece alla seconda parte, condotta da Corrado. Ci furono altre occasioni in Fininvest usò la diretta a livello locale: ad esempio ll “”mundialito”" gi nel 1980 era in diretta per la sola Lombardia; italia1 trasmetteva alcuni speciali giornalistici in diretta (nel 1984 il recupero della cassaforte del Titanic) sempre in diretta per la Lombardia e in seguito in differita nazionale. Su Miss Italia mi pare che almeno una edizione fu anche trasmessa da Italia1, commentata da Gigi & Andrea: non sono però sicuro che fosse quel concorso.



8. maikol87 ha scritto:

3 ottobre 2007 alle 22:43

dunque, sul centro di Cologno ti ripropongo il quesito di qualche settimana fa: nel 1985 io rilevo la presenza dello studio 10, al quale tu non mi pare abbia accennato finora; da quello studio andava in onda gi da marzo “”OK”", e poi da settembre anche “”Facciamo un affare”" (che sovrapponeva la sua scenografia a quella di OK, ed era strutturata molto similmente, vedi sezione STORIA nel sito di OK per foto). Il nocciolo sta nel fatto che la grandezza dello studio 10 del 1985 non è certo la stessa dello studio 10 del Raffaella Carr show, del 1988. Quindi mi chiedo se tra il 1985 e il 1988 siano stati fatti dei lavori di ingrandimento a questo studio, per renderlo “”il più grande dEuropa”", come tanto si vociferava ai tempi (gli stessi Sandra e Raimondo lo ricordarono cos quando commentavano, qualche estate fa, il loro Sandra e Raimondo show, realizzato sempre l ). Mi sai delucidare in qualche modo quindi? ti ringrazio con anticipo… scusa se insisto, ma almeno lhai ricevuta la mia mail o no? non mi inter



9. Davide Maggio ha scritto:

5 ottobre 2007 alle 11:40

@ maikol87 : lo studio 10 fu costruito nel 1987 e inaugurato dal Sandra e Raimondo Show. Successivamente, come riporti tu, fu il palco anche del Raffaella Carr Show. Furono poi costruiti gli studi 11 (nel 1991. Attualmente “”riposa”" la scenografia di 1 Contro 100), poi il 12 (attualmente un magazzino), il 14 e il 15 (attualmente sitcom e telepromozioni), poi il 20 (costruito nel 2000 e inaugurato nel 2001 con Tacchi a Spillo). Attualmente il 20 e lo studio televisivo piu grande dEuropa e ospita contemporaneamente Chi Vuol Essere Milionario e Controcampo.



10. Gio' n.15 ha scritto:

5 ottobre 2007 alle 11:57

Sono veramente affascinato da questa “”Grande Avventura”". Checchè se ne dica, ho sempre ammirato lintraprendenza di questuomo che ha realizzato un grande gruppo televisivo. Anchio sono un Mediasettofilo, lo ammetto, perchè ho sempre amato loriginalit di questa televisione, pur ammettendo che vi sono molti programmi educativi e seri sulla RAI che in questo campo è comunque regina. Mi ero promesso di fare un commento al termine di tutta la storia ma non posso fare a meno di fare i complimenti a Davide perchè mi ha fatto venire in mente dei bei ricordi legati a quegli anni e mi ha fatto vedere ciò che invece non ricordavo assolutamente (ammetto di non ricordare “”I sogni nel cassetto”", per esempio). Ora attendo impaziente anche la quarta puntata, anche se, secondo me, gli anni migliori sono stati quelli finora descritti.



11. maikol87 ha scritto:

5 ottobre 2007 alle 23:05

Davide scusa se continuo a tediarti un po ma questa è una buona occasione per togliermi qualche curiosit che ho da molto: – quindi gli studi 8, 9 e 13 non esistono? – chi vuol essere milionario è stato trasferito al 20? non è più allo studio Michelangelo quindi? – infine ti chiedo, se ne avrai loccasione, di approfondire sulla costruzione dello studio 10, perchè ciò che ti ho detto per quanto riguarda OK e Facciamo un Affare (cioè che venivano realizzati nello studio 10 sin dal 1985) non è un ricordo o un “”sentito dire”", ma ho a disposizione documenti autentici, magari tu puoi risolvere questo mistero, chiss .. grazie e scusami linsistenza…



12. dante ha scritto:

24 marzo 2008 alle 18:08

A me risulta che quo vadiz ando malissimo, perche venne controprogrammato nello stesso giorno di W le donne, che distrusse il varieta di Nichetti, costato molto e dai pessimi risultati.Per recuperare un po i costi della produzione quo vadiz venne replicato sempre su rete 4 l estate seguente.In ogni caso la prima retequattro targata fininvest fu una delusione e fece rimpiangere quella mondadoriana.I telefilm di punta come A-TEAM e DINASTY andarono ripettivamente su Italia 1 e su canale 5, inoltre lenorme cineteca a disposizione di rete4 venne saccheggiata a favore soprattutto di canale 5 che ripropose tutti i grandi film del ciclo di retequattro chiamato prima MARTEDI e poi MERCOLEDI SUPERSTAR, spostamento dovuto al fatto che martedi su canale 5 cera DALLAS che penalizzava troppo queste costosissime prime visioni.retequattro indebolita dai suoi programmi di punta(rimase solo MAMA NON MAMA)ebbe un crollo negli ascolti, verso il 1988 il tentativo di trasformare RETEQUATTRO in una rete di news e prog



13. dante ha scritto:

24 marzo 2008 alle 18:35

Inoltre anche NONSOLOMODA e COSTANZO SHOW vennero trasferiti da retequattro a canale 5, confermando quindi la mia tesi del salasso di programmi punta e del magazzino di film e telefilm, che subi retequattro a favore della rete ammiraglia fininvest.



14. Davide Maggio ha scritto:

25 marzo 2008 alle 00:24

@ dante : non so se il tuo indirizzo email sia indicativo della tua residenza :-) Se cos fosse mi fa piacere che tu abbia una memoria storica pur non avendola vissuta, forse, direttamente. Anche in caso contrario sarebbe lodevole ugualmente. Per questo avrei da farti una proposta. Se ti va, contattami pure per email.



15. Davide ha scritto:

10 settembre 2008 alle 09:46

Vercelli, mercoled 10 settembre 2008. Caro omonimo, gradirei sapere chi fu questo fantomatico A. Raffaelli autore del brano White night sigla del programma di divulgazione scientifica “”Big bang”" condotto da Jas Gawronskj negli anni 80 su Canale 5 e Rete 4. Tale brano era poi compreso nel disco Five Parade Vol. 3 ora praticamente introvabile. Cordiali saluti.



16. E NON FINISCE QUI! | Davide Maggio's Blog ha scritto:

8 giugno 2009 alle 17:01

[...] Deluso e afflitto dal comportamento della Rai, nel 1982 inizia a lavorare per Canale 5, ritrovando l’entusiasmo d’un tempo: “Il pranzo è servito” (1932 puntate da lui condotte fino al 1990), “Ciao gente” e la prima “Buona domenica“, segnano l’inizio di una nuova stagione di successi. [I video delle prime puntate de Il Pranzo è Servito, Ciao Gente li trovi in questo post; quello della prima puntata di Buona Domenica, invece, in questo post] [...]



17. Alessio ha scritto:

25 gennaio 2011 alle 10:14

Ciao, sto leggendo i tuoi articoli sulla storia della tv commerciale e li leggo con immenso piacere perchè, come potrai capire, non fanno che destare in me dolci ricordi. Son avverso al Berlusconi politico ma non posso che ammirare il Berlusconi televisivo, vero mago della televisione senza dubbio, e non posso che essergli grato per quello che le sue televisioni mi han dato negli anni 80 : dai cartoni, ai varietà, ai quiz… mi alzavo pure presto la domenica mattina, unico giorno in cui potevo dormire, solo per seguire Bim Bum Bam. Questo era il mio grado di affezionamento della tv, strumento che ormai non seguo quasi più del tutto. Mi dispiace tirare in mezzo la politica, ma d’altronde l’hai fatto prima tu non dando semplicemente la notizia dell’oscuramento delle reti bensì addebitandola ad un “fastidio” dei pretori. Questi pretori invece non han fatto altro che applicare la legge del codice postale dell’epoca: questa legge prevedeva che non fosse permesso ad un privato il controllo di un’emittente nazionale. Ovviamente possiamo discutere se questa legge era giusta o sbagliata e, forse non mi crederai, ma io reputo questa legge sbagliata (ma è sbagliato anche averne ben 3!!). Ciò non toglie però che all’epoca quella legge c’era e i pretori non han fatto altro che applicarla. Ora come ora quello viene retroattivamente visto come il primo “attacco giudiziario” nei confronti di Berlusconi, un’ipotesi impensabile all’epoca… e a mio avviso ridicola ora!
Grazie dell’attenzione e grazie ancora per questi begli articoli.



18. Giuseppe ha scritto:

9 agosto 2013 alle 20:32

Ciao, scopro solo adesso questa fantastica miniera di informazioni e di curiosità su quelle che sono le trasmissioni della mia infanzia e che ricordo alla perfezione.

Mi chiedo come tu abbia accesso a tutto quel materiale, visto che nei primi anni 80 i videoregistratori non erano oggetti di uso comune, e tantomento il costo delle videocassette non era tale da potersi permettere di tenerne una quantità industriale. Probabilmente hai accesso agli archivi Fininvest e per questo ti invidio alla grande! Beato te! :)

Se mi permetti un appunto: una cronistoria così ben fatta deve prescindere da giudizi, altrimenti perde il taglio storicistico che hai saputo così bene dargli. Quindi sarebbe stato opportuno limitarsi a dare la notizia dell’oscuramento senza esprimere opinioni personali, anche perchè di applicazione della legge si trattava.

Ora continuo a leggere le altre puntate :D

gius



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.