8
settembre

PECHINO EXPRESS 2015, PRIMA PUNTATA. L’ASIA MANCA, MA IN SUD AMERICA SI RIDE E CI SI EMOZIONA (FACENDOSI ANCHE SPUTARE IN TESTA!)

Pechino Express - Costantino della Gherardesca - sputo

Pechino Express - Costantino della Gherardesca - sputo

Pechino Express è un programma in cui non sarebbe stato necessario cambiare nulla. Invece, in barba ad una tv che non si rinnova mai, in quel di Rai 2 si è deciso di non dormire sugli allori ed introdurre elementi di novità nello show, destabilizzando alcuni equilibri a cui il pubblico si era abituato. Una scelta coraggiosa e rischiosa, che però alla lunga paga.

Pechino Express 2015, prima puntata: vincono gli Antipodi, immunità per gli Espatriati

Il cambio continente di questa quarta edizione dell’adventure game si avverte. Tanto. Non solo perchè si sente la mancanza dell’Asia, con i suoi paesaggi incontaminati e con quella realtà misteriosa tutta da conoscere, ma anche perchè l’arrivo nel più occidentalizzato sud America ha ammorbidito la sfida per i concorrenti: masticando un po’ di spagnolo gli risulta possibile quel dialogo con le popolazioni locali che in terra cinese non era nemmeno pensabile. Ma pazienza, non tutto il “male” vien per nuocere.

Pechino Express 2015, prima puntata: i Compagni salvati dalla busta nera

In questo contesto i nostri si sentono più sicuri rispetto agli illustri precedessori e quindi già nella prima puntata hanno dato il meglio di sé, lasciandosi andare in libertà all’istinto e alle emozioni. Tipo Fratello e Sorella, Andrea Fachinetti e Naike Rivelli, che si divertono insieme e si commuovono di continuo dinanzi alla disponibilità della gente di Quito; o le agguerritissime Professoresse, Laura Forgia e Eleonora Cortini, che hanno già puntato le Persiane ribattezzandole Bastardashian (da Kim Kardashian).

All’esordio nella gara si sono distinti gli Espatriati, Christian Kang Bachini e Son Pascal, perchè per dirla alla Costantino della Gherardesca “la fuga di cervelli dal nostro Paese non avviene a caso”: sono loro ad aver vinto la prova immunità, guadagnandosi un’esclusiva escursione nella foresta Amazzonica, festeggiata scrivendoci addirittura una canzone, mentre la coppia più strana è di sicuro quella degli Illuminati, Yari Carrisi e Pico Rama, che vivono in un gioco tutto loro fatto di richiami per uccelli e note musicali che sentono vibrare nell’universo (!).

Tra corse in salita, equazioni matematiche da risolvere, saliva altrui da bere, ponti da attraversare e scarpe da pulire – con tanto di signore ecuadoregno che fotografava il seno in bella mostra della sciuscià Forgia – la prima tappa si è conclusa con l’inaspettata vittoria degli Antipodi, Antonio Andrea Pinna e Roberto Bertolini. Quelli fin da principio in netta difficoltà sono stati invece i Compagni, Scialpi e Roberto Blasi, che, arrivati ultimi alla prima prova distruggendo anche la statua del bambino Gesù che dovevano custodire, hanno dovuto fare il resto del percorso in compagnia di Hermana Maria, una predicatrice (!!).

Alla fine della tappa gli Antipodi hanno deciso di eliminare loro preferendogli le amiche Professoresse, ma la busta nera di Pechino Express 2015 ha salvato i Compagni rivelando che la prima tappa – come di consueto – non era eliminatoria. E in attesa di mercoledì 9, quando ci sarà il secondo appuntamento con l’arrivo dell’ospite Giancarlo Magalli, viene da domandarsi se il buon Costantino abbia superato lo shock per aver ricevuto in testa uno sputo in cambio della purificazione durante un insolito e solenne rito sacro.

Solenne, sacro ma soprattutto esilarante. Almeno per il pubblico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


I Fatti Vostri
I Fatti Vostri: Magalli unico padrone di casa di un format sempre uguale a se stesso


Mara Maionchi
X Factor 2017: è subito Mara Maionchi show. Ecco i concorrenti ammessi


Pechino Express 2017 - Gli Egger
Pechino Express 2017, prima puntata: i capricci della «marchesa» Egger scalzano Antonella Elia


Top Chef 2 - Il primo eliminato è Andrea
Top Chef 2: i giudici prendono il sopravvento

5 Commenti dei lettori »

1. Carla Lisa ha scritto:

8 settembre 2015 alle 11:32

Ma povero Pasquale…. non c’è un articolo in cui scrivano correttamente il suo nome… Sun Pascal, San Pascal e voi addirittura Song Pascal… E’ Son Pascal!!!! Va beh che non è un granchè conosciuto, però basta andare su google.
A parte questo ottima prima puntata, a mio avviso la terza edizione non era stata un granchè, decisamente mediocre rispetto alle prime due forse a causa di un cast mediocre. Per cui sono partita poco ottimista per questa quarta edizione. Devo dire che invece il cast è ottimo e promette molto bene e la scelta di cambiare continente azzeccatissima, per quanto io ami l’Asia e sia d’accordo con quanto da voi scritto in merito. Però ci voleva un rinnovamento dopo la mloffia terza edizione.



2. Peppa ha scritto:

8 settembre 2015 alle 13:25

Il cast di quest’anno finora é molto sottotono, manca la presenza di due teneri matti come gli Inquilini dell’anno scorso, manca il brio e ci sono troppi personaggetti di poco spessore… in più il Sud America é una meta più ospitale dell’Asia selvaggia, quindi anche se il programma rimane affascinante si sentono i cambiamenti… per capire meglio dove si va a parare ci vuole ancora la visione di qualche puntata.



3. tinina ha scritto:

8 settembre 2015 alle 13:55

Mi è piaciuta molto questa prima puntata. All’inizio io e mio figlio avevamo deciso di tifare per gli Espatriati ma in corso di puntata abbiamo virato decisamente sui Compagni, Scialpi (o Shalpy che dir si voglia) in particolare. Piaciuti anche gli Illuminati con una lieve predilezione per Pico Rama.



4. xxxxx ha scritto:

8 settembre 2015 alle 16:25

Aspetto a commentare: complice il fatto di dover introdurre le novità e i nuovi concorrenti, le loro personalità ancora non sono esplose (del tutto). Ha ragione chi dice che occorre la visione di qualche altra puntata (anche se si stava iniziando ad ingranare negli ultimi 40 minuti). Le coppie che si sono distinte sono: gli Espatriati (sono bravi e simpatici, come gli Antipodi), i Compagni (che sono simpatici ma un po’ sfortunati nel gioco), gli Illuminati (sono piuttosto strani, secondo me ci daranno soddisfazioni) e le Persiane (ho il brutto presentimento che Fariba sia come, o peggio, di Rachida, penso che sarà la coppia antipatica di questa edizione). Nonostante ciò, il giudizio è ancora rimandato. Detto questo, trovo il programma migliorato per quanto riguarda gli aspetti tecnici e trovo interessante (e giusta) l’idea di penalizzare le coppie salvate dalla busta nera.

PS: ma allora sapete se entra davvero la Cipriani o no????



5. Gianni ha scritto:

9 settembre 2015 alle 14:47

Noto però che la percentuale gay viene sempre più aumentata!
Ancora qualche anno e dovranno introdurre una quota etero obbligatoria in tv!

Mica per omofobia…solo per avere concorrenti che rappresentino meglio gli spettatori a casa! E’ anche vero che se i concorrenti rappresentassero gli spettatori Rai metà delle squadre sarebbe composta da anziani…ma vabbè…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.