21
giugno

CANALE 5: ECCO TUTTE LE FICTION 2013/2014 TARGATE TAODUE

Taodue

Non si può dire che Taodue riposi sugli allori: mentre viviamo gli ultimi scampoli di un’annata televisiva un po’ smorta per Canale 5, la società di produzione fondata da Pietro Valsecchi e Camilla Nesbitt è già pronta all’attacco della nuova stagione con riconferme e nuovi progetti che di sicuro faranno discutere.

Ci saranno serie consolidate come Ris – Delitti Imperfetti che si evolve in un nuovo spin off, Sicilia Connection – Ris (clicca qui per maggiori info), mentre Il Tredicesimo Apostolo avrà un seguito con la realizzazione della seconda stagione che porta come sottotitolo La Rivelazione (clicca qui per maggiori info). Sono in fase di preparazione anche le due puntate di Ultimo 5 (clicca qui per maggiori info) nuovo capitolo delle avventure del colonnello Roberto Di Stefano, alias Raoul Bova, che si occuperà del traffico internazionale di cocaina dalle piantagioni del Sud America fino agli spacciatori italiani.

Ancora, uno dei più grandi successi Mediaset degli ultimi anni, Squadra Antimafia, è pronto a tornare con la quinta stagione a cui farà seguito di sicuro una sesta. Giulia Michelini, che sarà presente per l’ultima volta nel cast, sarà poi anche l’interprete principale de Il Bosco (clicca qui per maggiori info), quattro prime serate di un thriller al femminile che racconterà la provincia italiana mentre gli ex Simona Cavallari e Giuseppe Zeno saranno i protagonisti di Le mani dentro la città (clicca qui per maggiori info), serie in dodici puntate da cinquanta minuti che li vedrà alle prese con la ‘ndrangheta che ha invaso Milano tra appalti, spaccio e corruzione.

Taodue è inoltre all’opera per il film tv Il Sangue non sbaglia (clicca qui per maggiori info), trasposizione televisiva del romanzo postumo di Antonio Manganelli, il capo della Polizia scomparso di recente. Ancora poliziotti saranno al centro di Squadra Mobile (clicca qui per maggiori info), otto puntate da ottanta minuti l’una che racconteranno Roma tra vita quotidiana e reati che mineranno gli equilibri degli agenti e delle persone comuni che ne resteranno vittime.

Restando in tema di forze dell’ordine la società ha deciso di puntare su una delle storie più drammatiche degli ultimi anni, la morte dei giovane Federico Aldrovandi per mano di quattro poliziotti. Sarà Daniele Lucchetti a dirigere il film tv Il Caso Aldrovandi (clicca qui per maggiori info) che racconterà il dolore e la battaglia di una madre per far emergere la verità sulla morte del figlio.

Ancora, altre quattro prime serate per raccontare la vita di Ambrogio Fogar (clicca qui per maggiori info), esploratore e conduttore televisivo. La sceneggiatura è stata scritta dal regista Giovanni Veronesi insieme alla figlia del protagonista, Francesca. E completa il quadro una miniserie in due puntate dall’esplicativo titolo Buscetta (clicca qui per maggiori info) sulla vita di uno dei massimo esponenti di Cosa Nostra nonché primo grande pentito italiano, a cui darà il volto Pierfrancesco Favino per la regia di Alexis Sweet.



Articoli che potrebbero interessarti


Taodue - Squadra Mobile
TAODUE, ECCO LE FICTION IN LAVORAZIONE. TRA LE NOVITA’ ULTIMO 5, IGNOTO 1, BUSCETTA E CALL ME FRANCESCO – THE POPE


Pietro Valsecchi
PIETRO VALSECCHI, MA UN PO’ DI AUTOCRITICA MAI?


anticipazioni-le-mani-dentro-la-città
LE MANI DENTRO LA CITTA’ NON E’ UN PLAGIO: MEDIASET E TAODUE VINCONO LA CAUSA CONTRO SACCA’


Squadra Mobile - Marta Zoffoli
SQUADRA MOBILE: IL RITORNO DI ROBERTO ARDENZI SU CANALE 5 TRA IENE, FEMMINICIDIO E AMBIGUITA’

9 Commenti dei lettori »

1. Giovanni Marci ha scritto:

21 giugno 2013 alle 18:56

ma quindi nessuna novità su ris roma o qualunque altra città???



2. Giovanni Marci ha scritto:

21 giugno 2013 alle 18:57

sorry ho letto male :)



3. Michele ha scritto:

21 giugno 2013 alle 19:07

Taodue l’unica società di produzione italiana a fare fiction decenti forse è troppo fossilizzata sul genere crimine-poliziesco però comunque lo sanno fare bene



4. Rox ha scritto:

21 giugno 2013 alle 19:23

Quindi boss Valsecchi continuerà a monopolizzare MediasetCrime?



5. Peppe ha scritto:

21 giugno 2013 alle 21:43

Complimenti a Taodue e Mediaset, tutte fiction bellissime.



6. Santo ha scritto:

22 giugno 2013 alle 11:29

Sono deluso non c’e’ una fiction decente.Sono solo poliziesco.Io non capisco perche’ fare solo poliziesco, mafia – hard ( mi riferisco a Gabriel Garko) e poca fiction famigliare.Mediaset con le fiction mi sta deludendo.Una volta guardavo carabinieri e dalla 3° stagione e’ cambiata la forma della fiction e non mi e’ piaciuta, poi mi sono visto i Cesaroni e dalla 4° stagione e’ cambiato forma e non mi e’ piaciuto.L’unica vera fiction attiale e’ Le tre rose di Eva che non posso dire che sia cambiata.L’altra fiction di successo e’ stata il bello delle donne che la mediaset si e’ annoiata e’ non l’ha voluta fare piuì’.Vedete la rai realizza sempre prodotti di versi quello che la mediaset non fa per anni ti propone sempre lo stesso succo finche’ la gente non si annuia e po cambiano.



7. dumurin ha scritto:

22 giugno 2013 alle 15:45

Le fiction della Taodue sono carine, a cominciare da Il Tredicesimo Apostolo e Squadra Antimafia. Non capisco invece il proseguire per forza Ris che non ha avuto granchè successo…
Ora mi aspetto un post con le prossime fiction della Ares Film.
Comunque concordo con Santo, la Taodue produce belle fiction ma è sempre e solo sul genere mafioso-poliziesco… dovrebbe variare di più.

Concordo anche con Santo sulle Tre Rose di Eva. Per la scorsa stagione televisiva è stata in assoluto la migliore fiction di Canale 5, bella storia, bei personaggi, bravi attori.

Comunque Canale 5 dovrebbe puntare di più sul feuilleton, sul genere melò-mistery, infatti tutte le serie feuilleton sono sempre un successo su Mediaset.



8. shiver ha scritto:

22 giugno 2013 alle 18:25

Un’ informazione: il tredicesimo apostolo parte in autunno o in inverno cioè verso gennaio?



9. gè95 ha scritto:

22 giugno 2013 alle 21:05

anche io voglio un post dedicato alle fition Ares
le fiction taodue a mio parere per la qualità degli attori (gioè,pandolfi,zeno,cavallari,michelini,bocci,zeno,morariu ecc)e della realizzazione meriterebbero tutte ascolti altissimi, il problema però è che sono rivolte tutte ad un pubblico molto giovane e acchiappano poco negli over a differenza di quelle ares o delle tre rose di eva



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.