16
giugno

IL SANGUE NON SBAGLIA: IL ROMANZO POSTUMO DI ANTONIO MANGANELLI DIVENTA UN FILM TV

Il Sangue non sbaglia

Antonio Manganelli, nato ad Avellino nel 1950 e morto a Roma nel 2013, era dal 2007 il capo della polizia italiana. Una personalità forte, la sua, stimata e ricordata positivamente, che si distingueva non soltanto per la dedizione alla divisa ma anche per la voglia di raccontarla, di analizzarla, condividerla e diffonderla.

Dopo la pubblicazione nel 2007 di un manuale pratico sull’investigazione, Manganelli si dedicò ad una sorta di autobiografia in cui raccogliere le sue esperienze, ma col tempo quell’idea si trasformò in un vero e proprio romanzo a cui si dedicò fino alla fine dei suoi giorni e che è stato pubblicato postumo. E quel romanzo, Il sangue non sbaglia, a breve diventerà un film tv targato Taodue, la cui sceneggiatura è affidata a Daniele Cesarano.

Il protagonista del romanzo è l’ispettore Giovanni Galasso, un investigatore di mezza età che rispecchia moltissimo l’autore, sia per i buoni rapporti che mantiene con colleghi e sottoposti che per la passione che mette nel proprio lavoro. Il caso che Galasso deve affrontare è l’omicidio di una benefattrice, l’aristocratica Anna De Caprariis che, nonostante fosse amata e benvoluta da tutti e senza l’ombra di un nemico, viene strangolata in casa sua. Un’indagine che si mischia ai ricordi e agli aneddoti che viene via via spontaneo al protagonista riprendere, raccontando gli anni a Palermo, quelli a Roma e lasciando talvolta spazio a riflessioni politiche e sociali.

Nelle pagine del libro, edito da Rizzoli, intorno all’ispettore ruotano molti altri personaggi che come lui vivono di indagini e casi da risolvere e che in alcuni punti fanno diventare corale una storia che nasce da un singolo uomo e dal suo modo di affrontare le cose. Insomma, gli ingredienti ci sono tutti per un giallo classico che però, pur affrontando un caso di fantasia, trova anche il modo per indagare la realtà dei nostri anni e di quelli passati. A questo punto, resta da vedere quanto la sceneggiatura gli resterà fedele.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


don-matteo
BOOM! Rai 1 pensa alla fiction per il sabato sera (contro C’è Posta Per Te)


Sirene
Sirene: Rai 1 rischia grosso e si dà al fantasy


Dario Franceschini
Riforma Franceschini, approvato il decreto su film e fiction italiane in TV. Contrari i broadcaster (a ragione!): «Imposizioni insostenibili e ricadute drammatiche»


Federica Citarella ieri
Come sono diventati i bambini della fiction italiana – Foto

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.