19
ottobre

Monica Maggioni: «La Rai non è al tracollo e gli ascolti di Fazio non sono flop»

Monica Maggioni

Gli ascolti in calo di Fabio Fazio, i raffronti con la concorrenza, l’allarme flop. Monica Maggioni getta acqua sul fuoco per spegnere le polemiche divampate in questi giorni dentro e fuori dalla Rai. “Non siamo al tracollo” ha assicurato la Presidente del servizio pubblico intervenendo ieri in Vigilanza in merito agli argomenti più scottanti legati allo stato attuale dell’azienda di Viale Mazzini. A cominciare proprio dalla questione ascolti. 

Rai, Monica Maggioni: non siamo al tracollo

Non siamo in presenza del crollo della Rai in assoluto né del crollo di trasmissioni specifiche. Vi do un paio di dati. La Rai nelle ventiquattr’ore sta realizzando in media il 35,2% di share e guadagna rispetto allo scorso anno lo 0,4% in più su Mediaset, che è al 32,5 e perde lo 0,8%. La distanza tra i due gruppi si allarga ed è di oltre 4 punti. Il crollo della Rai? Al momento non pervenuto

ha affermato in Vigilanza Monica Maggioni, precisando che ciò non significa che la programmazione non sia perfettibile. Durante la seduta a Palazzo San Macuto, cui hanno preso parte anche i consiglieri Rita Borioni, Carlo Freccero e Arturo Diaconale, la Presidente Rai ha anche ‘dato i numeri’ su Fabio Fazio, che in questi giorni è al centro di polemiche per il riscontro di pubblico calante registrato dai suoi programmi sulla rete ammiraglia.

Fabio Fazio, ascolti – Monica Maggioni: non è un flop, ha fatto +0,5%

Fazio? Per tenerci ai numeri, in media, in quattro puntate ha fatto il 18,6% in prima serata, lo 0,5% in più rispetto alle stesse domeniche di un anno fa. Volete chiamarlo disastro? Però ha fatto più 0,5%. La formula al momento è quella che è e può sempre migliorarla, inserire qualche elemento diverso. Ma io non riesco a leggere nei numeri il flop. La Rai non è al tracollo e questo non è un flop

ha spiegato la dirigente Rai. D’accordo. Peccato però che quest’anno – dato altrettanto oggettivo – Fazio abbia accusato un progressivo calo di telespettatori nelle sue prime quattro puntate su Rai1. Dall’esordio al 20,80% di share, è passato al più recente 14.9% (di domenica 15 ottobre 2017). Inoltre, Rai3 ha perso cifre ben più alte rispetto allo 0,5% guadagnato da Rai 1 (che l’anno scorso aveva proposto le repliche di Don Matteo, una partita della Nazionale e una puntata di Braccialetti Rossi).

Soffermandosi ancora sul tema ascolti, Maggioni ha di seguito pronunciato una riflessione sulla qualità:

Quando leggo nel dibattito di questi giorni alcuni confronti con trasmissioni della concorrenza, dico che questo non può reggere. Perché, ancorché siano trasmissioni che metà o tre quarti degli italiani possano trovare interessanti, temo che il nostro canone ci imponga di raccontare altre cose. Dobbiamo ricomporre questa schizofrenia tra chiedere il super ascolto e chiedere il servizio pubblico, anche se qualche volta le due cose possono andare insieme ed è quello che auspichiamo“.

In Vigilanza è stato anche affrontato il capitolo Milena Gabanelli, dopo il rifiuto della condirezione di Rainews24 da parte di quest’ultima. Il 30 ottobre scadrà il periodo di aspettativa non retribuita che la giornalista si era preso in attesa di una nuova proposta. Al riguardo, Maggioni ha spiegato:

Le è stata fatta una proposta ben precisa che il Cda ha sposato in toto e speriamo di risolverla al meglio perché il valore dell’azienda e della persona possa andare a sommatoria e non a sottrazione“.

La Presidente Rai ha anche confermato che l’azienda ha proceduto al pre-acquisto dei diritti relativi alla seconda serie de I Medici, che sarà incentrata sulla figura di Lorenzo il Magnifico, e si è espressa in merito alla risoluzione contro il conflitto d’interessi degli agenti delle star vergata dalla stessa Vigilanza:

E’ complicato capire dove si pone il bilanciamento. Non sottovalutiamo l’indirizzo dato dalla commissione ma c’è il tema su come e dove l’applichiamo. Stiamo cercando il punto di equilibrio per evitare di non consegnarsi al fallimento“.

Inoltre – ha aggiunto – che tra circa tre settimane sul sito web della Rai saranno pubblicati anche i fascicoli relativi agli ospiti in tv, altro punto attenzionato dalla Vigilanza stessa.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Lorenza Lei
RAI, PALINSESTI AUTUNNO 2011: MAZZA, LIOFREDI (E RUFFINI?) A COLLOQUIO CON LEI. VERRO RIVELA: LEI SOSTITUIRA’ I DIRETTORI DI RETE


Lorenza Lei
RAI, INIZIA LA RIVOLUZIONE DI LORENZA LEI. ECCO LE MOSSE DELLA LADY DI FERRO DI VIALE MAZZINI


Milena Gabanelli e la redazione di Report
Milena Gabanelli, addio alla Rai: «Proseguirò il mio mestiere su un altro mezzo. Penso di avere chiuso con la TV» – Video


Monica Maggioni
Rai, Guardia di Finanza nella sede di Roma. «Acquisizione di documenti» sulle spese di Monica Maggioni

20 Commenti dei lettori »

1. marco ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 11:58

se voi che riconosca che Fazio e un flop
cmq e’ un FLOP , e poche scuse
SVEGLIA……



2. ciak ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 12:59

LA PRESIDENTE HA RAGIONE.
La RAI fa servizio pubblico … e non per forza deve fare “ascolti” è già importante offrire al pubblico un racconto “differente” rispetto a tutte le altre tv



3. Giovanni ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 14:09

Non poteva dire altro di quello che ha detto, è logico.



4. Sabato ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 14:20

E’ vero che Fazio è calato dal 21% della prima puntata al 15% della quarta, ma si tratta di un calo fisiologico e assolutamente prevedibile: la prima puntata poteva contare sull’effetto curiosità del debutto, mentre la quarta puntata si è scontrata con una partita importante. Va anche detto che Canale5 sta trasmettendo una fiction acchiappa-ascolti, con Morandi protagonista, pertanto il risultato di Che Tempo Che Fa risulta tutto tranne che fallimentare.



5. Nina ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 14:36

OH ma che noia, da settimane sempre lo stesso messaggio. Non è che ripetendendo 300 volte la stessa cosa questa diventa reale.



6. Sabato ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 14:56

Vorrei davvero capire sulla base di quali dati (perché sì, tali valutazioni dovrebbero essere basate su numeri) i detrattori di Fazio parlino di “flop”. I dati d’ascolto suggeriscono altro:
1) come detto dalla Maggioni, gli ascolti di Che Tempo Che Fa superano quelli ottenuti da Rai1 nelle domeniche del 2016. Qualcuno ha provato a minimizzare questo successo sottolineando che, un anno fa, Rai1 trasmetteva solo le repliche di Don Matteo. In realtà, nello stesso periodo del 2016, Rai1 ottenne, nel medesimo spazio domenicale (occupato da Affari Tuoi + repliche di Don Matteo), molto meno di Fazio (solo il 13% di share), ma anche la media totale di tutte le domeniche di Rai1 fu inferiore al 16%. Fazio sta quindi superando non solo le repliche di Don Matteo, ma l’intera media di rete del 2016. Ogni tentativo di ridimensionamento dei risultati di Che Tempo Che Fa sarebbe scorretto;
2) l’appuntamento del lunedì (Che Fuori Tempo Che Fa) sta ottenendo risultati non sorprendenti, ma comunque superiori di un paio di punti percentuali rispetto a quelli che otteneva Vespa un anno fa. L’ascolto di Fazio diventa ancora più apprezzabile se si considera che si scontra con un’edizione di grande successo del GF Vip;
3) i detrattori di Fazio sostengono che l’appuntamento del lunedì dissipi il traino importante della prima serata, compreso l’enorme traino (più del 30% di share) della partita della Nazionale del 9 ottobre. In realtà, questo andamento delle curve auditel si ripete ad ogni appuntamento sportivo. Per esempio:
- il 28 marzo, Italia-Olanda fece il 24% di share, ma l’ascolto scese al 13% nel post partita e Porta A Porta registrò solo l’8%;
- il 5 settembre, Italia-Israele ottenne il 35%, ma questo share crollò al 18% nel post partita ed il film che seguì superò di poco l’8%;
- il 6 ottobre, Italia-Macedonia sfiorò il 30% di share, ma questo risultato scese nel post partita al 16% e Tv7 raggiunse solo l’8%.
Il 9 ottobre, Italia-Albania superò il 30% di share, ma questo dato crollò al 15% nel post partita e Fazio, superando il 9%, ha avuto un risultato in linea con i dati precedenti.
Prima di parlare di flop, bisognerebbe analizzare i dati, fare confronti seri ed interpretarli con cognizione di causa. Spesso, chi asserisce che Fazio faccia flop, lo fa in cattiva fede e per partito preso. Fazio ha recentemente dichiarato: “Un dato non può essere discutibile. La malafede che c’è nei miei confronti da mesi è pazzesca. Quello che mi stupisce è che io sia trattato come un terreno di scontro sul quale esercitarsi, come se fossi un avversario politico. Questa cosa è veramente inusuale ed incomprensibile, oltre che profondamente sleale”. Condivido in toto il suo pensiero.



7. Nina ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 15:10

…. e questa si spaccia per medico.



8. Nina ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 15:44

Questo gioco del confronto dei numeri è francamente poco interessante, non ricordo dove l’ho letto, ma uno ha scritto che giustamente sembra quando ci sono le elezioni e nessuno ha perso. Queste chiacchiere non hanno alcun peso, se non un inutile esercizio di ricerca sociologica che non interessa proprio a nessuno. La domanda è quanto costa di più alla rai mandare in onda Fazio per avere solo due punti più di una replica? Riesce a compensare i costi con gli spot che manda e manderà in onda? NO? Allora Fazio è un fallimento, un flop, una disfatta, una pessima idea.



9. Luca ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 15:59

falsa bugiarda e flopparola. Da licenziamento immediato.



10. iole ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 16:03

lo scorso anno c’era Braccialetti Rossi che alle prime puntate andava alle 20,30 e floppava col 16



11. iole ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 16:08

SECONDO ME FAZIO NON HA ANCORA RAGGIUNTO IL SUO MINIMO.. VEDRETE



12. Nina ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 16:35

@iole: credo anche io.



13. Felicity ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 17:20

Questa, dopo aver fatto il giro d’Italia con i nostri soldi per promuovere il suo libro , ancora parla?



14. kalinda ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 17:53

è questione di settimane e Fazio sarà un flop voglio vedere che inventeranno. Per il resto la Rai non sta andando male perchè a Mediaset fa ascolti solo Canale5



15. controcorrente ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 19:55

dai .. perlomeno Sabato stara’ tirando su qualche soldo .. come ufficio stampa di Fazio.. a difenderlo ognidove si adombri solamente un minimo di flessione e si evochi la parola flop…



16. Sabato ha scritto:

19 ottobre 2017 alle 23:27

Controcorrente, magari fossi pagato! E invece no: difendo Fazio se e quando lo ritengo opportuno. Non difendo Fazio “ognidove”: per esempio, ricordo di non aver apprezzato il suo ultimo Festival, che recensirei piuttosto negativamente dal punto di vista dei contenuti e più volte ho scritto su questo blog che gli ascolti furono scarsini (unica macchia nel curriculum di successi di Fazio… informarsi per credere!).
Nina, le mie non sono “chiacchiere” ed è triste che tu non riesca a distinguere una trattazione basata su dati da, appunto, chiacchiere inutili ed inconcludenti. Per quanto riguarda la tua domanda (“quanto costa di più alla rai mandare in onda Fazio per avere solo due punti più di una replica?”), ti rispondo che il costo di ogni singola puntata di Che Tempo Che Fa fu reso pubblico da Fazio ed Orfeo in conferenza stampa (se non ricordo male, circa 400mila euro) ed è nettamente inferiore al costo di una puntata di fiction. Noto che tu hai marzullianamente risposto alla tua stessa domanda con un secco “NO, Fazio è un fallimento, un flop, una disfatta, una pessima idea”, pertanto ti chiedo in base a quali dati tu sia arrivata a questa conclusione. Sono convinto che non sarai in grado di fornirmi né numeri né fonti e che le tue esternazioni si riveleranno – loro sì – stupide chiacchiere. Per quanto riguarda il tuo commento 7, direi che si commenta da sé: se tu fossi una persona lucida, ti chiederei come ti permetti, ma non è questo il caso.



17. Nina ha scritto:

20 ottobre 2017 alle 10:18

A me Sabato, che è fissata con la lucidità, pare una che stia postando con vicino uno che le dice di essere Napoleone.



18. Nina ha scritto:

20 ottobre 2017 alle 10:19

PS: preciso che marzullianamente un corno, la mia era un’ipotesi ma la lucidità non permette di capire una beata mazza.



19. Nina ha scritto:

20 ottobre 2017 alle 10:49

controcorrente: il problema in realtà sono io che l’ho presa sul serio, quando è evidente che non capisce e non riesce a distinguere una riflessione, una domanda retorica, un ragionamento. Lei vive in una bolla, lucida, luccicante e piena di lustrini.



20. soralella ha scritto:

20 ottobre 2017 alle 11:29

Citando un noto sito di gossip, Fazio è diventato uno strazio.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.