2
gennaio

LE PAGELLE DEL 2012, GLI ADDETTI AI LAVORI. PROMOSSI CARAFOLI E MIELI, BOCCIATI CASCHETTO E RUFFINI

Laura Carafoli

10 a Laura Carafoli (Vice President Content and Programming di Discovery Italia). Nel 2012 al rinnovato successo di Real Time – che si è aperta a nuovi azzeccati volti -, si è affiancato quello di DMAX; eccellenti performance che hanno fatto rumore mettendo anche in evidenza le pecche dei competitor (citofonare in casa Sky/Cielo).

9 a Fabrizio Salini (Direttore Canali Intrattenimento e Factual Switchover Media). Il dopo Sky poteva essere tutto in salita, ma il manager ha saputo imporsi anche nella meno blasonata e opulenta Switchover Media dove i lanci di Giallo e di Focus sono risultati più fortunati del previsto.

8 Lorenzo Mieli (Managing Director Fremantle Media Italia). Con il suo arrivo, Fremantle – forte di una library forse unica al mondo – è tornata prepotentemente sul mercato. Merito di programmi ad alto impatto come Italia’s got talent e X Factor (in tandem rispettivamente con Fascino e Magnolia), The Apprentice e Ginnaste. E anche il flop di Per Tutta la vita ha comunque riaperto un dialogo, interrotto da tempo, con la Rai che conta.

8 a Lucio Presta (Fondatore di Arcobaleno Tre). Sanremo, Celentano, Benigni e persino Amici di Maria de Filippi: dove mette il suo zampino c’è odore di successo. Dovrebbe, però, imparare ad incassare meglio le critiche anche quando – come spesso accade – sono ingiuste ed eccessive.

7 ad Andrea Scrosati (Executive Vice President, Cinema Entertainment & Third Party Channels di Sky Italia). Mago della comunicazione, sa come far sembrare oro tutto ciò che Sky tocca. Chissà cosa succederà quando pubblico e critica impareranno a leggere i dati auditel del satellite e a valutare il peso dei social network nella maniera giusta.

6 al duo composto da Annamaria Tarantola e Luigi Gubitosi (rispettivamente Presidente e Direttore Generale Rai). La loro mission è nobile ma al momento, a parte qualche taglio e tante, troppe, parole retoriche abbiamo visto ben poco. Che poi ci spiegassero perchè dei manager, che devono guardare in primis al bilancio, appoggiano la chiusura dell’Isola dei Famosi.

5 a Giancarlo Leone (ex Direttore Intrattenimento Rai). Tra flop, progetti mai partiti e interazioni con le reti poco proficue, la direzione Intrattenimento è stata un fallimento. La decisione da parte della Rai di cancellarla repentinamente è apparsa comunque bizzarra dopo averla fortemente voluta.

5 a Massimo Donelli (ex direttore di Canale 5, La5, Mediaset Italia, Mediaset Extra). Nel 2012 la sua avventura al timone di Canale 5 si è conclusa senza troppi clamori. Non gli si perdona il troppo spazio dato all’infotainment, i cambi continui di palinsesto, le dichiarazioni azzardate e l’ostinazione su alcuni volti e programmi. L’impressione è che comunque il suo raggio d’azione negli anni sia stato non poco limitato. Nel 2012 il palinsesto de La5 ha, invece, cominciato ad assumere una sua identità.

4 Giorgio Gori (ex consigliere d’amministrazione di Zodiak Media, fondatore di Magnolia). Ha abbandonato la televisione, di cui era maestro, per la politica ottenendo esiti ben diversi: Matteo Renzi ha perso le primarie mentre lui a sorpresa è stato bocciato alle primarie come parlamentare. Che cosa farà ora?

3 a Luca Tiraboschi (Direttore Italia1 e Italia2). Tralasciando Italia1, per la cui direzione ha le attenuanti del budget e del coordinamento palinsesti, il direttore bergamasco ha clamorosamente fallito con Italia2. La rete all digital, malgrado il traino della sorella maggiore, non è riuscita ad imporsi. A nulla, al momento, sono valsi gli schizofrenici cambi alla programmazione.

2 a Paolo Ruffini (Direttore La7). Checchè se ne dica, guidare La7 non è facile e non si è certamente in una botte di ferro come a Rai3. Lo sa bene Paolo Ruffini che ha collezionato un’incetta di flop, molti dei quali prevedibili o che hanno avuto ad oggetto suoi vecchi pupilli (Raznovich e Dandini).

1Pasquale d’Alessandro (ex Direttore di Rai2). D’accordo, ha dovuto combattere con una situazione competitiva molto più complicata avendo meno tempo e poteri (vedi direzione intrattenimento) dei suoi predecessori, ma della sua direzione a Rai2 rimarrà ben poco.

0 Beppe Caschetto (fondatore Itc 2000 e Itc Movie). Dai flop di Luca e Paolo e Cristina Parodi a quelli – nelle duplici vesti di produttore e agente – di Geppi Cucciari, Enrico Bertolino e Fabio Volo, senza contare personaggi come Enrico Papi e Alessia Marcuzzi fermi al pit stop, per il potentissimo agente bolognese il 2012 è da dimenticare su più fronti.

[Qui le pagelle 2012 dei volti noti]



Articoli che potrebbero interessarti


carlo degli esposti
PAGELLE TV DEL 2014: ADDETTI AI LAVORI


Maria de filippi
PAGELLE DEL 2013: GLI ADDETTI AI LAVORI


Donelli, Mazza, D'Alessandro
VALZER DI POLTRONE: LEONE A RAI1, TEODOLI A RAI2, IN BILICO DONELLI?


carlo-conti-e-eros-ramazzotti
LE PAGELLE DEL FESTIVAL DI SANREMO 2016: SECONDA SERATA. PROMOSSO EZIO BOSSO, GARKO ANCORA BOCCIATO

26 Commenti dei lettori »

1. amazing1972 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 13:34

ennesimo accanimento su la7,rete troppo a sinistra per l’autore delle pagelle. la media complessiva di la7 non è poi tremenda come si descrive e la qualità della programmazione è migliore anni luce rispetto a una più blasonata e “ricca” italia1,tanto per fare un esempio.
la7 ha sofferto l’annata di governo tecnico,che ha poco appeal mediatico per una rete che fa dell’informazione la sua bandira



2. Davide Maggio ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 13:37

amazing: gli esperimenti di La7 si sono rivelatai quasi tutti fallimentari. D’altro canto… sono stati soppressi numerosissimi programmi non appena sono cambiati i vertici. Quindi, per favore, basta con le chiacchiere.



3. amazing1972 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 13:40

giorgio gori di sicuro non rimarrà senza lavoro,un genio nel suo campo. mediaset pagherebbe oro per riaverlo.
secondo me attenderà il prossimo “giro” di matteo renzi che stavolta ha pagato il prezzo di essere troppo giovane,grosso hadicap in italia. la prossima volta ,immagino, sarà preso più sul serio



4. amazing1972 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 13:44

davide,la7 è una rete ancora “da fare”. ha fatto esperimenti comprensibili e logici. non a caso nessuno poteva prevedere il flop di alcune produzioni. molto peggio le direzioni di leone,d’alessandro e tiraboschi



5. Mattia Buonocore ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 13:47

@amazing nessuno poteva prevedere il flop di alcune produzioni lo dici tu. Inoltre ha speso molto più La7 per il suo palinsesto che Italia1



6. Davide Maggio ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 13:49

amazing: comprensibili e logici? Chissà come mai avevamo più volte detto che non ci convincevano suscitando le ire di alcuni, come te. Ancora da fare? Io la trovo già bella e fatta. In alcuni casi fatta molto male, in altri molto bene.



7. amazing1972 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 14:14

cristina parodi live,a livello di contenuti era fatto molto meglio dei contenitori di raiuno e canale5. la cucciari si sono chiesti tutti fin dall’inizio perchè non ingranasse. si è cercato di dare una alternativa a ciò che tutti dicono di disprezzare in tv (trash,abuso di cronaca). io trovo un senso logico nelle scelte,cosa che non ho visto nelle programmazioni delle generaliste



8. Marco89 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 14:24

Molto interessanti queste pagelle. Io avrei dato ancora meno a Donelli, se Canale 5 è rimasta in piedi è per le fiction, e credo che la sua parola lì conti poco.
Sono d’ accordo anche riguardo Presta…certo però, se risponde a Grasso in quel modo…sicuramente bisogna dargli atto di essere riuscito insieme a Mazzi a rilanciare Sanremo, però non mi piace il suo modo di lavorare. Mi dà sempre l’ idea che si tratti di una specie di “clan” dove tutti devono remare verso una direzione senza molta autonomia. Il fatto poi che alcune persone sono rientrate ( come Cuccarini e Venier) solo perchè assistite da lui, non mi piace. Non discuto sulle capacità e sul talento ma questo non mi piace. Senza considerare che la Balivo è stata cacciata per far spazio alla Perego, e che sempre la Balivo era certa per Domenica In ma è stata confermata la Cuccarini nonostante la batosta avuta dalla D’ Urso. Così come ostentarsi a far lavorare Facchinetti nonostante il pubblico non lo digerisca. E’ questo che non mi piace.
Il fatto poi che in prima fila da Celentano ci fossero Perego e Bonolis mi dà sempre l’ idea di un gruppo ” Uno per tutti e tutti per uno” che non mi convince per niente.



9. Mattia Buonocore ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 14:32

@amazing noi abbiamo stroncato subito il programma della Cucciari perchè erano evidenti i problemi. L’obiettivo di ogni scelta è fare ascolti, in molti casi questi non sono stati raggiunti.



10. matteo quaglia ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 15:03

ora non esageriamo c’erano un sacco di personaggi famosi a vedere celentano perche’ e’ stato un grande spettacolo e propio perche’ c’era celentano , non sono mica degli automi che vanno dovunque va presta o cosa fa



11. amazing1972 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:04

quali erano gli evidenti problemi di g day?
i programmi di successo non hanno problemi evidenti? la vita in diretta,pomeriggio/mattino/domenica5,forum,porta a porta,uomini e donne non hanno problemi evidenti?



12. Davide Maggio ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:06

amazing: se tu hai un negozio che vende mobili bellissimi ma i mobili bellissimi non li vendi… rimani aperto per la gloria (indebitandoti) o chiudi?



13. amazing1972 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:19

davide,non ho detto che i vari g day,parodi ecc dovevano continuare ad andare in onda,ma che a la7 hanno cercato di coprire gli evidenti vuoti di programmazione,con proposte alternative,che era giusto provare. poi si può discutere se tali programmi fossero interessanti oppure no,ma se si vuole crescere,dei rischi bisogna correrli



14. Davide Maggio ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:23

amazing: e l’alternatività di un Parodi Live o dei Menù di Benedetta dove sta?



15. amazing1972 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:31

il parodi live non conteneva trah o cronaca nera,in questo rapresentava una risposta a ciò che molti dicevano di volere.
g day era una cosa molto diversa dai game delle ammiraglie. in questo trovo che non sia stato sbagiato metterli in palinsesto. poi,per carità,non sono stati visti e amen ma non sono operazioni che trovo assurde a priori



16. matteo quaglia ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:33

uomini e donne quale problema evidente avrebbe?? va sempre molto bene



17. amazing1972 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:35

avrei inserito un voto a chi dirige cielo. una rete con un potenziale enorme,viste le risorse sky alle spalle,ma che continua a non convincere,nonostante x factor e altre cose di prestigio che manda



18. matteo quaglia ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:37

ma poi amazing fin quando la7 rimarra’ una rete da fare?? fino al 2020?? la rete non e’ piu’ da fare la rete e’ fatta , con i suoi flop e i suoi successi , hanno provato a mettere la parodi al pomeriggio ma e’ andata male geppi anche se avevano gia’ deciso che a dicembre si chiudeva non stava andando bene , lerner anche ha dovuto chiudere , ma hanno comunque crozza e santoro che sono dei successi e bisognera’ vedere come andranno le cose nuove , come tutte le reti come ho gia’ detto ha i suoi flop e i suoi successi e’ assurdo dire che sia ” ancora da fare “



19. Mattia Buonocore ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:38

@amazing magari è sbagliato se insisti per anni (come nel caso di G’Day) o se lo fai sprecando soldi. Poi parliamo anche dei flop di Guzzanti, Dandini, Raznovich..



20. matteo quaglia ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:40

perche’ poi io qui e da altre parti ne ho letti di commenti entusiastici sul nuovo programma della parodi prima che iniziasse , sembrava quasi che fosse destinato a debellare con facilita’ le storie d’amore di uomini e donne o la cronaca nera continua di pomeriggio 5 e la vita in diretta , che avrebbe dimostrato quanto la gente fosse stanca di tutto questo e invece si e’ rivelato propio il contrario



21. amazing1972 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 16:47

solo con gday si è insistito più del dovuto. quest’anno non andava riproposto. gli altri sono stati chiusi a tempo debito

ricordo comunque che le iene ci hanno messo 2 anni a ingranare,girovagando per il palinsesto di italia1,dalle 2 di pomeriggio,al preserale,alla seconda serata.



22. matteo quaglia ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 17:03

ma se la7 ci ha provato in ogni modo a tentare di salvarlo , e prima mettendo insieme le 2 parti del programma poi il nuovo studio poi il cambio di argomenti , ma nulla ha funzionato e dato che nessuna rete al momento vista la crisi naviga nell’ oro se hai i telefilm che ti fanno il doppio a costo zero tu chiudi il programma a fine dicembre e tieni quelli



23. amazing1972 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 17:13

matteo ok,ma il parodi live è durato 3 mesi,non 3 anni!
non si può sperare che tutto venga accolto subito in maniera trionfale,soprattutto se va su un canale che sta ancora cercando di emergere. la lista di programmi che ci hanno messo mesi a ingranare è lunghissima e contiene anche saranno famosi,l’ex amici,che stava per chiudere dopo i primi 3 mesi fallimentari



24. Michele ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 17:54

Il problema di La7 è proprio questo: ha sempre voluto puntare tutto sull’informazione e l’approfondimento e rivolgersi ad un pubblico di ”alto profilo” (economico e a livello d’istruzione) che per sua natura guarda la tv molto raramente ed al contempo ha da sempre tenuto distante il pubblico nazional-popolare che è quello invece che determina il successo dei programmi e la fidelizzazione e stabilizzazione dell’ascolto ……..
Poi le scelte di palinsesto ASSURDE operate da Ruffini (nemmeno Donelli avrebbe fatto mosse tanto azzardate) hanno fatto il resto: un programma come G’Day doveva stare in seconda serata non al preserale, (dove la gente vuole i quiz), idem il programma della Dandini che è stato mandato al più completo sbaraglio nella prima serata del sabato completamente inedita per La7, per di più contro due mega corazzate come Ballando ed Italia’s, era logico che non non poteva far altro che strafallire miseramente, Sabina Guzzanti purtroppo ha sbagliato periodo: essendo una che basa TUTTA la sua satira sull’antiberlusconismo ha scelto il momento sbagliato per tornare in onda (avesse fatto Un due tre Stella adesso avrebbe avuto più fortuna)….



25. matteo quaglia ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 18:26

ma quando ci fu amici erano altri tempi , non c’e’ la crisi che c’e adesso in cui l’attenzione a quello che si spende e’ nettamente maggiore



26. Diabolikk99 ha scritto:

2 gennaio 2013 alle 23:29

Tra l’altro la Parodi che “snobbava” i vari rotocalchi di Rai1,Canale 5 per essere troppo “popolari” lei ci si è buttata a capofitto nel “trash” e nell’ospitare alcuni vippetti di serie c che ospitano anche quei programmi per cercare di salire la china,ma non è servito a niente!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.