Laura Carafoli



7
settembre

Laura Carafoli a DM: «Nove non è una generalista alla Rai1. Nel daytime di Amici novità alla conduzione»

Laura Carafoli

Laura Carafoli è l’artefice dei palinsesti di Discovery. La Svp Content and Programming del gruppo televisivo, ormai da anni salda in questo ruolo, ha varato la nuova programmazione 2018/2019 cercando di coniugare le varie anime del gruppo. Proprio assieme a lei abbiamo parlato delle trasmissioni in arrivo, delle conferme e delle scelte effettuate per la stagione tv appena iniziata.




6
settembre

Discovery, palinsesti 2018/2019: conferenza stampa di presentazione in diretta

Discovery, presentazione palinsesti

alza il sipario sulla nuova annata televisiva. Anche per il broadcaster guidato da Alessandro Araimo (General Manager), Laura Carafoli (SVP Content) e Giuliano Cipriani (Ad Sales), è tempo di presentare i palinsesti della stagione 2018/2019. La nuova programmazione verrà svelata ufficialmente stamane e noi seguiremo in diretta la conferenza stampa alla presenza dei vertici del gruppo a partire dalle 12.

All’incontro con i giornalisti è attesa la presenza di Virginia Raffaele, che dal 12 settembre debutterà in prime time sul Nove con la fiction Come quando fuori piove.


17
giugno

DISCOVERY ITALIA, MARINELLA SOLDI VUOLE RAGGIUNGERE IL PUBBLICO GENERALISTA (CON IL CANALE 9). LAURA CARAFOLI A DM: FELICI SE SKY PRENDESSE IL CANALE 8 DTT

Discovery - top management

Discovery - top management

Sembra impossibile fino a quando non è fatto“. Marinella Soldi ha addirittura citato Nelson Mandela alla presentazione dei palinsesti autunnali 2015 di Discovery Italia. E mica lo ha fatto a caso: nelle parole dell’Amministratore Delegato del gruppo editoriale c’era infatti l’entusiasmo di chi sta compiendo un grande passo. Del resto, sulla rampa di lancio dell’emittente ci sono tante novità, a cominciare dalla programmazione di Deejay Tv (canale 9 del DTT), l’ultimo acquisto di Discovery.

Vogliamo costruire un’offerta di contenuti sempre più completa, che raggiunga anche il grande pubblico della tv generalista” ha dichiarato Marinella Soldi. La top manager ha anche commentato le indiscrezioni che la vedrebbero in lizza per le nuove nomine dei vertici Rai. “Sono molto lusingata, ma avete visto che abbiamo molto da fare e sono contenta dove sono“, ha detto.

Deejay Tv, Laura Carafoli presenta le novità a DavideMaggio.it

Ad alzare il sipario sul nuovo palinsesto di Deejay Tv è stata, nel dettaglio, Laura Carafoli. Ai nostri microfoni, la VP Programming & Content Discovery Italia non ha nascosto la propria soddisfazione ed ha presentato gli obiettivi del gruppo.

Siamo molto contenti di raccontarvi che questo canale sta andando molto bene: abbiamo pubblicato i dati da pochi giorni, stiamo facendo l’1% e per noi è già un ottimo risultato. Siamo appena partiti. La prima sfida è quella di essere rilevanti in prima serata, quindi partiremo con delle produzioni originali che da settembre andranno a riempire praticamente tutte le prime serate” ci ha detto.





2
gennaio

PAGELLE TV DEL 2014: ADDETTI AI LAVORI

Carlo Degli Esposti

Promossi

9 a Carlo degli Esposti (Fondatore e Presidente Palomar). Il papà di Montalbano – la più imponente produzione italiana per ascolti e introiti degli ultimi anni – con il remake italiano di Braccialetti Rossi ha saputo proporre una fiction assolutamente innovativa per la prima rete. Tematiche nuove e coraggiose ma soprattutto ottime strategie di lancio e promozione 2.0. Un unicum per la tv generalista e per l’”anziana” Rai 1.

8 a Andrea Scrosati (Executive Vice President Programming di Sky Italia). Masterchef, Gomorra e X Factor sono quanto di meglio la tv abbia offerto nell’ultimo anno. L’abilità di Scrosati sta nel cavalcare i punti di forza di tali produzioni per illuminare l’intera offerta, costruendoci attorno roboanti strategie di marketing e comunicazione. Con il risultato che tutto ciò che Sky tocca sembra oro, anche quando oro non è. Grande nota a favore è altresì il circolo virtuoso innescato tra volti, programmi e sponsor.

8 a Lorenzo Mieli (Amministratore Delegato Fremantlemedia Italia). Inimicarsi Maria De Filippi e l’intera Mediaset, portando Italia’s got talent su Sky è stata una mossa ardita, sulla cui bontà sarà possibile esprimersi con cognizione di causa soltanto nel lungo periodo. Intanto si gode un contratto principesco con la tv satellitare e un rinnovato accordo per la produzione di fiction con Mamma Rai. La prima edizione di X Factor su Sky, interamente prodotta da Fremantlemedia, è stata la più seguita con una finale da urlo.

7 a Marco Tombolini (Amministratore Delegato Toro e Talpa Italia). Il 2014 ha segnato una svolta. Straordinario il successo di Suor Cristina che ha regalato a The Voice 2 una sorprendente eco mediatica a livello internazionale; quasi epocale, invece, l’allargamento del business con l’ingresso in Mediaset di Rising Star (primo talent musicale che ‘osa’ sfidare Amici) e Shark Tank. Con I Re della Griglia e Il Più Grande Pasticcere, invece, si poteva dare di più.

7 ad Angelo Teodoli (Direttore Rai2). Non è esente da critiche o rimostranze ma tra i direttori della tv generalista è quello che ha lavorato meglio lanciando nuovi programmi (non tutti riusciti intendiamoci) e idee che hanno conferito un’ossatura alla rete. Peccato per la minore attenzione riservata ai telefilm.

7 a Antonella D’Errico (Direttore Cielo). D’accordo, qualcuno potrebbe obiettare: “ti piace vincere facile”, visto il faraonico budget – rispetto a quello delle reti concorrenti – del canale 26 che può contare su Olimpiadi, Motociclismo, Serie A, importanti prime visioni e persino film erotici (che altrove sarebbero stati massacrati). Ma la verità è che, facendo leva sulla sua esperienza maturata a Discovery, ha saputo imporre un palinsesto (arte in cui a Sky non eccellono) fortemente riconoscibile, al di là dei grandi eventi proposti.

7 a Laura Carafoli (Senior Vice President Content & Programming Discovery Networks International). E’ stata un’annata intensa, caratterizzata dall’allargamento delle proprie responsabilità e competenze. Le soddisfazioni maggiori provengono da DMAX. Sul fronte della “corazzata” Real Time è controverso l’arrivo di Amici. Condivisibile la scelta di non farsi scappare il talent di Maria De Filippi; peccato però che il programma non si sia incastrato perfettamente nel palinsesto. Nel frattempo il sovraesposto lifestyle ha ceduto spazio con successo allo storytelling. Giallo ha del potenziale inespresso (la library di serie tv rimane povera) mentre per i canali kids si intravedono tentativi di miglioramento ma per ora Frisbee e K2 rimangono indietro. Buonissime le performance dell’”originale” Discovery Channel.

6 a Maria de Filippi (Fascino PGT) e Sabina Gregoretti (Produttrice Fascino PGT). Con Temptation Island hanno dimostrato che se c’è una cosa che a Fascino sanno fare è il racconto delle “dicotomie sentimentali”, meglio se accese. Infelici le novità introdotte nel meccanismo di Tu si que vales per differenziarlo da Italia’s got talent; dalla striscia quotidiana di Amici su Real Time ci si aspettava un linguaggio nuovo e non la riproposizione di schemi già percorsi su Canale 5. Bisognerebbe forse allargare gli orizzonti.


27
gennaio

DMLIVE24: 27 GENNAIO 2014. LAURA CARAFOLI PIGLIATUTTO, TIZIANA STEFANELLI CUCINA PER TUTTI

Tiziana Stefanelli

Tiziana Stefanelli

Il DM Live 24 è un post pubblicato ogni giorno (a mezzanotte circa) nel quale, tramite i commenti, vengono raccolte in tempo reale le segnalazioni degli utenti su qualunque programma in onda e, più in generale, in relazione a qualsivoglia notizia televisivamente rilevante. I più interessanti verranno pubblicati nel DM Live 24 del giorno successivo.

Laura Carafoli pigliatutto

(da primaonline.it) Marinella Soldi, l’amministratore delegato di Discovery Italia, ha già deciso come sostituire Fabrizio Salini, vice president Content & Programming dei canali fiction e kids di Discovery e neo-nominato ad di Fox Channels Italy.

Le competenze di Salini vengono assunte ad interim da Laura Carafoli che, già vice president Content & Programming per i canali factual ed entertainment, sale alla guida di tutto il pacchetto dei dodici canali Discovery (Real Time, DMax, Giallo, Focus, K2 e Frisbee sul digitale terrestre, Discovery Channel/+1 e in Hd, Discovery Science, Discovery Travel&living, Animal Planet, Real Time/+1 e Gxt/+1 su Sky, e Discovery World su Mediaset Premium).

Loredana Di Domenico, già nel team di Salini, diventa direttore Programming & Content Acquisition di Giallo, K2, Frisbee e Gxt sotto l’ala della Carafoli.

Tiziana Stefanelli cucina per tutti

Tiziana Stefanelli, vincitrice della seconda edizione di Masterchef Italia, è intervenuta ieri a Falla Girare, il varietà sportivo di Radio Reporter, per parlare della terza edizione del talent-show su SkyUno e delle sue passioni.





29
novembre

AMICI 13: IL DAYTIME, IN ONDA ALLE 13.50 SU REAL TIME, PIU’ VICINO ALLA FICTION CHE AL REALITY

amici 2014 real time

amici

Ci aspettiamo ascolti alti. E’ diretta Laura Carafoli quando si tratta di parlare del colpo a sorpresa di “telemercato” che ha visto l’emittente di Discovery, Real Time, aggiudicarsi la striscia quotidiana del talent show più amato (e odiato) d’Italia. E, proprio, a proposito dei sentimenti contrastanti che Amici suscita nella platea televisiva – che potrebbero nuocere all’immagine del canale -, la Vice President Content and Programming di Discovery Italia dice di non temere nessun effetto boomerang.

Anche perchè, spiega, Maria de Filippi e il suo team hanno intenzione di raccontare la scuola con un taglio che rispecchia il canale. Del resto – aggiunge la Carafoli nel corso della presentazione dei nuovi programmi 2014 di Discovery – vedere degli studenti, delle persone “real” che imparano e soffrono si pone in perfetta armonia con quella che è l’anima di Real Time. La striscia di Amici 2014 abbandonerà così definitivamente la deriva reality di qualche edizione fa, per avvicinarsi in qualche modo alla fiction, a quel Fame dal quale ha tratto ispirazione (strizzerà l’occhio a Ginnaste?).

Amici 2014 su Real Time per portare sul canale 31 le donne che difficilmente cambiano canale

La fascia oraria scelta è quella delle 13.50, a partire dal 13 gennaio, contro le soap di Canale 5 e subito prima di Uomini e Donne. Uno slot ambizioso per un obiettivo altrettanto importante: portare su Real Time nuovo pubblico, ovvero le donne che difficilmente cambiano canale (e che guardano le soap di Canale 5?). Gli ascolti attesi, soprattutto in vista della corsa serale, sono superiori a quelli attualmente registrati dal canale nello slot postprandiale.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


2
gennaio

LE PAGELLE DEL 2012, GLI ADDETTI AI LAVORI. PROMOSSI CARAFOLI E MIELI, BOCCIATI CASCHETTO E RUFFINI

Laura Carafoli

10 a Laura Carafoli (Vice President Content and Programming di Discovery Italia). Nel 2012 al rinnovato successo di Real Time – che si è aperta a nuovi azzeccati volti -, si è affiancato quello di DMAX; eccellenti performance che hanno fatto rumore mettendo anche in evidenza le pecche dei competitor (citofonare in casa Sky/Cielo).

9 a Fabrizio Salini (Direttore Canali Intrattenimento e Factual Switchover Media). Il dopo Sky poteva essere tutto in salita, ma il manager ha saputo imporsi anche nella meno blasonata e opulenta Switchover Media dove i lanci di Giallo e di Focus sono risultati più fortunati del previsto.

8 Lorenzo Mieli (Managing Director Fremantle Media Italia). Con il suo arrivo, Fremantle – forte di una library forse unica al mondo – è tornata prepotentemente sul mercato. Merito di programmi ad alto impatto come Italia’s got talent e X Factor (in tandem rispettivamente con Fascino e Magnolia), The Apprentice e Ginnaste. E anche il flop di Per Tutta la vita ha comunque riaperto un dialogo, interrotto da tempo, con la Rai che conta.

8 a Lucio Presta (Fondatore di Arcobaleno Tre). Sanremo, Celentano, Benigni e persino Amici di Maria de Filippi: dove mette il suo zampino c’è odore di successo. Dovrebbe, però, imparare ad incassare meglio le critiche anche quando – come spesso accade – sono ingiuste ed eccessive.

7 ad Andrea Scrosati (Executive Vice President, Cinema Entertainment & Third Party Channels di Sky Italia). Mago della comunicazione, sa come far sembrare oro tutto ciò che Sky tocca. Chissà cosa succederà quando pubblico e critica impareranno a leggere i dati auditel del satellite e a valutare il peso dei social network nella maniera giusta.

6 al duo composto da Annamaria Tarantola e Luigi Gubitosi (rispettivamente Presidente e Direttore Generale Rai). La loro mission è nobile ma al momento, a parte qualche taglio e tante, troppe, parole retoriche abbiamo visto ben poco. Che poi ci spiegassero perchè dei manager, che devono guardare in primis al bilancio, appoggiano la chiusura dell’Isola dei Famosi.


25
ottobre

LAURA CARAFOLI (DISCOVERY) A DM: GLI INGLESI SHOCKATI DA STRISCIA. GRAZIE AL SUCCESSO DI REAL TIME E DMAX, FINALMENTE SIAMO ASCOLTATI A LIVELLO INTERNAZIONALE

Laura Carafoli - Discovery Italia

Laura Carafoli - VP Content & Programming Discovery Italia

E’ competente, preparata, simpatica e – caso raro – sincera. Dopo la prima esperienza televisiva a VideoNovara, in Baldini & Castoldi incontra Carlo Freccero che, entusiasta del gruppo di lavoro di ‘Dire fare baciare’, le propone l’approdo in Rai per la realizzazione di ‘Supergiovani’ sulla seconda rete della tv di Stato. Da lì, alla fine degli anni 90, il trasferimento a Roma per curare il lancio dei canali satellitari Rai… sino all’arrivo in Discovery dove ha contribuito al successo e all’approdo sul DTT di Real Time e DMax, diventati una case history a livello internazionale. Proprio questo è l’oggetto della nostra intervista-radiografia a Laura Carafoli, Vice President Content & Programming di Discovery Italia.

Laura, tanto per iniziare, quando c’è stato per te il grande salto?

L’ho avuto grazie agli americani. Quando il gruppo di Fox arrivò a Roma, io lavoravo in Rai e casualmente, in una casa di produzione, ho incontrato degli argentini che stavano realizzando un promo per il primo canale Fox lanciato. Cercavano persone per i nuovi canali perchè di lì a poco avrebbero lanciato Fox Life e Fox Crime. Mi assunsero e iniziai una carriera molto diversa, molto più strutturata, con figure separate. Mi occupavo di acquisizioni e finalmente potevo sondare il mercato e guardare fuori dall’Italia. Il limite della Rai è quello di tenerti un po’ troppo dentro i confini. E poi ho imparato le tecniche di programmazione con Fabrizio Salini che è stato il mio primo capo.

Due modi di lavorare diversi, quindi…

Adesso anche la Rai si è adeguata, ma sai cosa mi faceva specie? Nessuno sapeva mai i dati Auditel. E invece quando sono arrivata a Fox si lavorava esclusivamente per risultati d’ascolto. Per la prima volta ero valutata in base a dei gol.

Li hai raggiunti tutti?

Si, per fortuna. Ma in quel momento il mondo Fox era doratissimo. Era il periodo di Desperate Housewives, Lost, Grey’s Anatomy… ma anche dei tv movie di Rosamunde Pilcher sui quali nessuno ci credeva ma che, alla fine, sono stati il day time di Fox Life per cinque anni.

Non trovi la Germania poco brillante da un punto di vista televisivo?

A volte si, a volte no. La serialità funziona. Vedi Siska, Derrick, Cobra.

Real Time ha raggiunto il successo sul digitale terrestre. Secondo te anche sul satellite un canale può raggiungere quel tipo di consenso?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


  • Pagina 1 di 2
  • 1
  • 2
  • »