16
dicembre

Mauro Corona all’attacco: «Non tollero più le balle di Franco Di Mare». E pubblica un suo messaggio

Mauro Corona

Pur avendo accettato l’epurazione, non tollero oltre le sue balle“. riaccende l’infinito scontro con , faccenda di dominio pubblico che col passare del tempo inizia pure a tediare. Sfogandosi in un post su Facebook, l’alpinista ha reso noto un messaggio che il direttore di Rai3 gli aveva inviato dopo la puntata della discordia (quella dell’insulto alla Berlinguer), chiamandolo “amico mio carissimo“. “Chi segue questa pietosa vicenda capisca con che razza di amico ho avuto a che fare” ha chiosato lo scrittore, il quale – diversamente – solo pochi giorni prima aveva affermato in tv di stimare il giornalista Rai.

Conosco il vecchio lupo Di Mare, Franco, dai tempi del Premio Bancarella (2011) quando era finalista assieme a me. Si professava amico e ancora lo afferma. Dopo la sciagurata puntata al becchime, chiesi all’amico una possibilità sulla stessa rete per porgere le scuse a Bianca Berlinguer e ai telespettatori. Mi rispose con un messaggio che riporto di seguito tale e quale. In modo che chi segue questa pietosa vicenda capisca con che razza di amico ho avuto a che fare. Tutto questo perché, pur avendo accettato l’epurazione, non tollero oltre le sue balle. E visto che dice a tutti che ’siamo amici’ mi chiedo perché non lo abbia mai detto a Bianca Berlinguer. Ricordo altresì all’’integerrimo’ che nelle prime puntate di quest’anno (mi pare quattro) sono andato in onda senza contratto né alcuna liberatoria

ha scritto Corona, riportando poi il contenuto del suddetto messaggio arrivatogli dal direttore della terza rete:

«Amico mio carissimo. Ti capisco. E non ti ho rotto i coglioni scrivendoti prima perché immagino come ti senti dopo quella improvvida sfuriata. A tutti dico che siamo amici. Ma la situazione ahimè è sfuggita al nostro controllo: il tuo certo; ma anche il mio. Ci sono prese di posizione della commissione pari opportunità della Rai, non c’è partito politico che non abbia chiesto misure, non c’è consigliere Rai che non si sia espresso. Io temo che lo stop debba andare oltre il semplice giro di giostra, così come auspicato da Bianca. Un po’ di pazienza. Facciamo decantare. Ti abbraccio».

Implacabile affondo del Corona. E meno male che, solo pochi giorni prima, a La Confessione di Peter Gomez in onda sul Nove, lo scrittore si era rivolto al direttore di Rai3 assicurandogli di stimarlo, nonostante tutto. “Ho sempre stima di te e non lo dico perché tu mi riaccolga nella trasmissione della Bianchina” aveva detto l’alpinista, utilizzando argomenti più distensivi rispetto a quelli avvelenati del recentissimo post.



Articoli che potrebbero interessarti


Mauro Corona
Mauro Corona torna a Cartabianca


Franco Di Mare
Rai 3, Di Mare tende la mano alla Berlinguer: «Cartabianca è formidabile e lei straordinaria. Corona ha problemi veri con l’alcol»


Giuseppe Conte, conferenza stampa
I 10 momenti più significativi del 2020


Mauro Corona, La Confessione
La Confessione, Mauro Corona: «Franco Di Mare, ho ancora stima di te ma non lo dico perché tu mi riaccolga»

6 Commenti dei lettori »

1. PeppaPig ha scritto:

16 dicembre 2020 alle 11:29

Io non tollero più lui, la sua amica Bianchina, e tutto questo can can che si sta facendo per una cosa così stupida, con tutti i problemi ENORMI da cui siamo circondati. Ormai è diventato il Renzi della televisione.
Se in Italia ci fosse la minima onestà intellettuale questo personaggio sarebbe stato relegato al posto che merita, purtroppo così non è, e troppi sono quelli che non vogliono lasciarsi sfuggire la ghiotta occasione di attaccare Di Mare cavalcando questo squallido teatrino.

A parte la poraccitudine di diffondere un messaggio personale, il consiglio che gli aveva dato Di Mare era il più sensato: lasciar decantare. Questo è il Paese dalla memoria più corta dell’intero universo, in breve il “taci gallina” sarebbe stato dimenticato. In questo modo invece hanno ottenuto esattamente l’effetto inverso, dopo tutto questo can can nessuno potrà più far tornare Corona senza rimetterci la faccia. Allora, se Corona è in buona fede è molto stupido, se non è stupido non è in buona fede.



2. Mauro79 ha scritto:

16 dicembre 2020 alle 11:48

Come al solito @PeppaPig hai scritto un commento che condivido al 100%… Aggiungo anche che da quel messaggino non è che esca fuori chissà quale doppio gioco di Di Mare, a mio parere… E lo dice uno che non apprezza molto questo direttore.
Leggo sempre anche se non scrivo più molto @PeppaPig… Buone feste! :-)



3. Federico ha scritto:

16 dicembre 2020 alle 12:57

Ma basta, che se ne torni a Erto a bere e scalare con l’autista privato che lo portava anni fa dalla bignardi



4. Takazzu ha scritto:

16 dicembre 2020 alle 13:06

Oltre al solito accanimento di Striscia la Notizia che ormai non fa più notizia, mi domando come la Berlinguer possa difenrete un soggetto simile che le da della gallina in diretta.
Le donne tutte d’un pezzo….



5. Mister Zapping ha scritto:

16 dicembre 2020 alle 14:10

Se Striscia si accanisce (ieri sera oscena la parodia col balletto in mutande) allora vuol dire che Di Mare ha più che ragione.
E anche a me ha stupito come la Berlinguer sminuisca la cosa, sembra quelle mogli che le prendono dal marito ma poi lo perdonano, semmai molto piu grave che i volti Rai il martedi sera vadano a La7 da Floris, quello si inaccettabile.



6. PeppaPig ha scritto:

16 dicembre 2020 alle 17:01

@Mauro79 grazie … ricambio con grande piacere gli auguri di Buone Feste, ma spero anche di leggerti più spesso.

Anche secondo me nel messaggio di Di Mare non c’era nulla di strano, anzi. Evidentemente c’è qualcuno dietro che ha i suoi motivi per montare questa storia come gli albumi dell’uovo. Buona serata!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.