21
novembre

Rai 3: arrivano Carlo Conti, Manuel Agnelli e Antonio Albanese. Gramellini conduce Cyrano

Carlo Conti

Carlo Conti

Torna l’intrattenimento e arriva la musica, debuttano nuovi programmi. Ci sarà pure Carlo Conti. Stefano Coletta cala il poker, ma a tempo debito: dal 2018. Con l’anno nuovo, il neo direttore di Rai3 inaugurerà un palinsesto ristrutturato, come si apprende da alcune sue dichiarazioni a Repubblica. Rimarranno i capisaldi della programmazione come FuoriRoma, In mezz’ora, Cartabianca, Amore Criminale, Storie Maledette, la staffetta tra Report e Presadiretta, ma anche Chi l’ha visto? ed Ulisse, che rimangono pur sempre delle garanzie (anche negli ascolti). Da gennaio, poi, scatteranno le novità.

Dall’11 gennaio, Michele Santoro tornerà su Rai3 e riconquisterà il prime time del giovedì con un approfondimento d’attualità sui leader politici. Il debutto era inizialmente previsto per fine novembre con un’inchiesta sul Giglio magico di Renzi: tutto rimandato all’anno venturo. Alberto Matano, invece, condurrà una nuova stagione di Sono Innocente, il programma dedicato alla mala-giustizia.

Svelato finalmente il nuovo progetto di cui Massimo Gramellini sarà protagonista. Il giornalista – che ai nostri microfoni aveva dichiarato di voler diventare un “Alberto Angela dei sentimenti”da febbraio condurrà Cyrano, un programma dedicato proprio ai rapporti amorosi ed ai sentimenti, a partire da alcuni spunti letterari.  Il 16 marzo, a 40 anni dal rapimento di Aldo Moro, Ezio Mauro racconterà i cinquantacinque giorni di prigionia del politico con un’inchiesta senza studio, realizzata direttamente sui luoghi dove tutto avvenne.

Aprile segnerà il ritorno di Antonio Albanese con una striscia di fiction in access prime time, I topi, sulla vita di un latitante e della sua famiglia visti con sguardo satirico. L’attore curerà anche la regia del nuovo progetto. Su Rai3 debutterà poi Carlo Conti alla guida di Ieri e oggi, programma che tornerà sugli schermi a 50 anni dalla prima messa in onda con Lelio Luttazzi: attraverso le Teche Rai, verranno raccontati personaggi della tv.

Inoltre spazio alla musica: Manuel Agnelli e Brunori Sas si racconteranno nel corso di due trasmissioni speciali. Non ho l’età, infine, indagherà sull’amore dopo i 70 anni mentre Massimo Recalcati con Lessico famigliare svelerà i rapporti genitori-figli e la coppia. A modo mio sarà invece il racconto televisivo di cinque vite fuori dal comune: dalla suora femminista Teresa Forcades alla designer statunitense Iris Apfel.



Articoli che potrebbero interessarti


Michele Santoro
Santoro torna su Rai 3 con un’inchiesta sul ‘Giglio Magico’ di Renzi e lancia una stoccata a mamma Rai: “stato confusionale del Servizio Pubblico”


Stefano Coletta con Federica Sciarelli
Stefano Coletta nuovo direttore di Rai 3


Stefano Coletta
Stefano Coletta verso la direzione di Rai3 al posto di Daria Bignardi


Massimo Gramellini.
Massimo Gramellini a DM: «Vorrei diventare l’Alberto Angela dei sentimenti. Fabio Fazio capro espiatorio, contro di lui tiro al bersaglio» – Video

2 Commenti dei lettori »

1. silvia ha scritto:

22 novembre 2017 alle 07:21

nooooooo,,,santoro noooooo



2. Sabato ha scritto:

22 novembre 2017 alle 09:52

Sono felice per il ritorno di Santoro e mi incuriosisce il progetto di Gramellini. La striscia di Albanese potrebbe essere una sorpresa. Stranisce la scelta di Carlo Conti, per un programma da Rai1, ma su Rai3. Ho letto altrove che, per la conduzione di Amore Criminale, sarebbe stata chiamata Veronica Pivetti: una buona scelta!
Sembra che Rai3 stia tornando, parzialmente, a ripopolarsi, dopo la perdita di Fazio, Gabanelli, Zoro e tutti gli altri. La direzione di Daria Bignardi è stata caratterizzata da un sorprendente arricchimento e rinnovamento dell’offerta della rete; spero che Coletta possa regalare altrettante soddisfazioni, nonostante le importanti defezioni.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.