16
novembre

Santoro torna su Rai 3 con un’inchiesta sul ‘Giglio Magico’ di Renzi e lancia una stoccata a mamma Rai: “stato confusionale del Servizio Pubblico”

Michele Santoro

Michele Santoro

Santoro subito, anzi a breve. Pronto il ritorno catodico di Michele Santoro che, entro fine novembre, dovrebbe approdare su Rai 3, il giovedì sera, con un nuova trasmissione di approfondimento dal titolo ancora top secret. Non un classico talk ma un programma comunque ispirato al suo Servizio Pubblico, in onda fino al 2015 su La 7. Come si apprende dalle pagine de Il Giornale, la prima puntata sarà dedicata a Matteo Renzi e ai segreti del suo entourage, il cosiddetto ‘Giglio magico‘. 

Nonostante lo scarso riscontro degli esperimenti dello scorso anno su Rai 2, Santoro proseguirà nel filone dei reportage tornando, però, al caro e vecchio dibattito in studio, con commenti a caldo. Per il debutto, si sta preparando un’inchiesta sui casi, ancora aperti, di Banca Etruria e Monte dei Paschi di Siena, in cui sono coinvolti sia il segretario del Pd, sia il ministro Maria Elena Boschi. Attraverso interviste con le parti in causa e l’accesso a documenti riservati, si cercherà di ricostruire i motivi che hanno condotto al crack finanziario dei due istituti, mettendo nei guai migliaia di risparmiatori ed ex soci o dipendenti.

Meno di 48 ore fa, invece, il conduttore rilasciava un editoriale a ‘tema Rai’, direttamente dal proprio sito:

Amo la Rai e ho una grande considerazione professionale di Fabio Fazio. Ma la decisione di non fare un ‘dopopartita’ ieri non è soltanto una gran cazzata. È il segno di uno stato confusionale del Servizio Pubblico che è ancora più preoccupante delle formazioni improvvisate di Ventura (qui la polemica che dei giornalisti di Rai Sport)“.

Poi, parlando della rete che ospiterà il suo ritorno sul piccolo schermo, ha affermato:

“La sensazione è che si stia procedendo verso una progressiva riduzione di Rai 2 e Rai 3 da reti generaliste a reti di target, lasciando a Rai 1 il compito di fare il pieno dei budget e degli ascolti”.

All’indomani del definitivo addio di Milena Gabanelli a Viale Mazzini, rientra in pista il giornalista salernitano che sceglie, come primo bersaglio del suo nuovo corso, Renzi e il dietro le quinte del suo staff.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Carlo-Conti
Rai 3: arrivano Carlo Conti, Manuel Agnelli e Antonio Albanese. Gramellini conduce Cyrano


Michele Santoro
BOOM! Michele Santoro torna su Rai 3 per la Stagione 2017/2018


PIF
PALINSESTI RAI 2016/2017: I NUOVI ACQUISTI


Maurizio Milani
MAURIZIO MILANI SPARA A ZERO: IN TV SOLO COMICI DI SINISTRA. DA SANTORO ALLA DANDINI FANNO TUTTI LE VITTIME

3 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

16 novembre 2017 alle 14:23

Stracotto, strabollito, scoppiato.



2. Pechinese ha scritto:

16 novembre 2017 alle 14:38

Da stamani non riesco più ad inviare commenti …. attacco hacker … ? ;)



3. Tv anni80e90 ha scritto:

16 novembre 2017 alle 15:21

Cumunque anche Fabio Fazio se deve andare anche lui, la rai non può piu prudurre i programmi decenti , dare i soldi Fabio Fazio è sbagliatissimo per di più è pure antipatico, nemmeno le star straniere lo posso vedere , fonte un intervista di una rock star nel suo programma
Poi soldi sono dei cittadini che pagando il canone , poi non estiste proprio che devono pagare così tanto artista ricapitolando,
Fabio Fazio paga star internazionali per il suo programma,
Alcune lo odiano purè
A gli italiani gli ruba il soldi , complice la politica,
Anche il direttore Rai Mario Orfeo e Monica Maggioni ,per programmi che vengono cosiderati scomodi poi come fa il dopo partita viene considerato scomodo? Sulla nazionale? .



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.