Stefano Coletta



27
ottobre

Sanremo 2021, Amadeus: «A gennaio valuteremo la situazione». Intanto arriva AmaSanremo

Amadeus, AmaSanremo

La marcia di avvicinamento al Festival 2021 - confermato dal 2 al 6 marzo, Covid permettendo – inizia il 29 ottobre in tv. Per cinque giovedì consecutivi, alle 22.45, su Rai1 andrà in onda AmaSanremo, il nuovo progetto con cui – tra 20 partecipanti – verranno selezionati i 4 finalisti della categoria sanremese delle Nuove Proposte. “Non volevo un programma televisivo classico ma una sorta di club” ha spiegato stamane il conduttore , presentando la trasmissione in conferenza stampa. 




8
ottobre

Costanzo vs Maggioni, Coletta difende l’ex Presidente Rai. Il giornalista si scusa

Maurizio Costanzo

Il pesante attacco di Maurizio Costanzo a Monica Maggioni ha fatto scomodare il direttore di Rai1 Stefano Coletta. Dopo le affermazioni pungenti del conduttore, che aveva accusato la collega di danneggiarlo negli ascolti con il protrarsi del suo Settestorie, il numero uno dell’ammiraglia ha difeso a spada tratta l’ex Presidente Rai. A quest’ultima, poi, sono arrivate le scuse di Costanzo.


8
settembre

Sanremo 2021, Coletta rassicura: il Festival ci sarà!

Amadeus e Stefano Coletta

Amadeus e Stefano Coletta

Il Festival di Sanremo 2021 si farà. Se le dichiarazioni di Amadeus – interpretate come possibiliste riguardo ad una cancellazione dell’evento causa Covid – avevano creato un certo allarmismo, ci pensa Stefano Coletta a fugare ogni dubbio.





31
agosto

Coronavirus, Stefano Coletta: «Ormai mi sento il direttore di una Asl più che di una rete tv»

Stefano Coletta

prova a sdrammatizzare. Ad alleggerire con una battuta quella che, invece, è una situazione tutt’altro che simpatica sotto vari punti di vista: sanitario innanzitutto e televisivo poi. Dopo i casi di coronavirus rilevati nei gruppi di lavoro di alcuni programmi tv (di Rai1 in particolare), il direttore della rete ammiraglia del servizio pubblico ha commentato così – ironizzando – l’argomento:  

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


9
luglio

Stefano Coletta: «Tutto vorrei tranne che leggere Gay1. Giudicherei i conduttori per la professionalità».

Diaco

Pierluigi Diaco, conduttore di Rai1

“Tutto vorrei tranne che leggere ‘Gay1’, ‘Rai1 gay’. Basta piccolezze, bassezze. Di fronte alle persone non mi chiedo mai con chi vanno a letto” - è solo un piccolo estratto di una risposta data dal direttore di Rai 1, Stefano Coletta, all’incontro con la stampa per la presentazione (anche se sono già andate in onda due puntate) di Sette Storie di Monica Maggioni.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





23
giugno

Sanremo 2021, Amadeus cambia regolamento

Amadeus, Stefano Coletta (Twitter @PrestaLucio)

Il distanziamento sociale e le incertezze dell’attuale momento non frenano il percorso d’avviamento al Festival di Sanremo 2021. La macchina della kermesse è già perfettamente in moto, tanto che stamane il conduttore dell’evento (alla cui riconferma manca solo l’annuncio formale) si è recato negli uffici della Rai per presentare il nuovo regolamento della kermesse, da lui stesso messo a punto.


18
giugno

Rai 1, palinsesti 2020/2021: i giochi (fatti) di Coletta. One man show per Beppe Fiorello, torna Affari Tuoi. Cuccarini fuori da VID, Nunzia De Girolamo diventa conduttrice

Serena Bortone

Serena Bortone

Tra una ventina di giorni la Rai presenterà i palinsesti autunnali della stagione TV 2020/2021. Occhi puntati sulla rete numero uno del servizio pubblico, Rai 1, passata dalle mani di Teresa De Santis a quelle di Stefano Coletta. L’impronta dell’ex direttore di Rai 3 passerà tutt’altro che inosservata: l’innesto di volti e nomi ‘nuovi’ sotto la sua gestione fa già parlare e discutere. La programmazione della rete non va incontro a chissà quale rivoluzione, ma si registrano significativi cambiamenti.


18
maggio

Rai: dirigenti, conduttori e giornalisti devolveranno una parte di stipendio per aiutare le imprese dello spettacolo

Rai

Su queste pagine, per primi, avevamo evidenziato il tema degli effetti negativi che l’emergenza Coronavirus avrebbe provocato all’intero comparto audiovisivo. A distanze di settimane, purtroppo, quelle stime stanno trovando riscontri e in Rai l’argomento si è tradotto in un impegno concreto. Tra dirigenti, giornalisti, conduttori e impiegati del servizio pubblico ha infatti preso forma un’iniziativa con cui oltre trecento professionisti si sono resi disponibili a donare una parte del loro stipendio di maggio – tra l’1 e il 3% del compenso – in favore delle piccole imprese culturali e dello spettacolo colpite dalla crisi.