16
marzo

NON E’ STATO MIO FIGLIO: ARES FILM PROVA AD “EVOLVERSI” E FALLISCE

Non è stato mio figlio

Quella di Non è stato mio figlio non è la solita Ares: sì, ci sono Gabriel Garko, Massimiliano Morra e un bel po’ di donnine discinte e sculettanti, ma l’idea di fondo è molto diversa da quella de L’Onore e il Rispetto, Pupetta e via dicendo. E il pubblico non l’ha presa affatto bene, riservando ieri sera all’esordio della fiction un magrissimo 12.93% di share, che per Canale 5 deve essere stato davvero un colpo al cuore.

Non è stato mio figlio: un mistery psicologico troppo poco immediato per il pubblico Ares

La nuova fiction della premiata ditta Alberto Tarallo/Teodosio Losito doveva essere un’occasione per risollevare le sorti della serialità di Canale 5, crollata ai minimi storici con i recenti Misteri di Laura e Tutti insieme all’improvviso. E invece i primi risultati di Non è stato mio figlio sono stati una doccia fredda, inattesa, ancor più per la presenza nel cast di una perfetta Stefania Sandrelli ma soprattutto di un Garko reduce da Sanremo e della sua chiacchierata fidanzata Adua Del Vesco, conosciuta proprio su questo set.

Non è stato mio figlio: Gabriel Garko non spara mai e dunque non colpisce

Fermo restando che dialoghi e recitazione sono nello standard (mediocre) di Ares, a spiazzare il pubblico deve essere stata la linea mistery che regge l’intera vicenda, basata su un suicidio crudo e devastante che distrugge una famiglia e il dramma psicologico che ne consegue. Una rete di bugie, segreti e contorte pressioni psicologiche che sono abbastanza lontane dalle pure pistolettate, dai morti ammazzati, dalle scene di sesso e da quell’immediatezza che di solito questo genere di prodotto porta con sè.

In pratica Ares ha tentato di evolvere il proprio repertorio, ma senza averne i mezzi; è uscita dal suo fruttuoso seminato proponendo un Gabriel Garko vittima e perbene che cerca di discolparsi e salvarsi non minacciando, uccidendo e vendicandosi (come al solito), ma indagando e pensando come farebbe gran parte della gente comune. E il passo falso a ben vedere è stato tutto qui: nell’immaginario collettivo dei fans Garko non è un uomo comune, è un eroe e come tale deve comportarsi, nel bene ma preferibilmente nel male.

Non è stato mio figlio: Adua Del Vesco se la cava

Un peccato, perchè la trama stavolta c’è. E va sottolineato che, contrariamente ai pronostici, non va bocciata la recitazione di Adua Del Vesco, la giovanissima attrice che ha fatto perdere la testa a Garko e che negli scorsi mesi si è fatta conoscere per le sue ineleganti esternazioni sui social.



Articoli che potrebbero interessarti


Non è stato mio figlio 1
NON E’ STATO MIO FIGLIO: ANTICIPAZIONI QUARTA PUNTATA – 29 MARZO 2016


AURORE ERGUY (MAGDA GERALDI) E MASSIMILIANO MORRA (ROBERTO GERALDI) NON E' STATO MIO FIGLIO
NON E’ STATO MIO FIGLIO: TUTTI I PERSONAGGI


Non è stato mio figlio 8
NON E’ STATO MIO FIGLIO: GARKO E SANDRELLI NELLA NUOVA SAGA FAMILIARE DI CANALE 5


Adua del Vesco a Sanremo 2016
FESTIVAL DI SANREMO 2016: ADUA DEL VESCO ALL’ARISTON PER SOSTENERE IL FIDANZATO GABRIEL GARKO

5 Commenti dei lettori »

1. IvY ha scritto:

16 marzo 2016 alle 13:17

Personalmente dissento in parte da quanto è stato scritto perché ritengo che:

1) definire dialoghi e recitazione “nello standard” (mediocri) mi sembra un eufemismo nel caso di questa fiction, dato che sono entrambi disastrosi. La sceneggiatura è qualcosa di imbarazzante e la recitazione è degna dei cani del canile municipale.
Tant’è che su twitter Non è stato mio figlio è stata paragonata a The Lady, la web serie di Lory Del Santo che, a confronto, almeno suscita simpatia perché non c’ha la pretesa di essere una roba seria e con sfumature thriller-psicologiche.

2) Stefania Sandrelli “perfetta” de che? Premetto subito il rispetto per una signora che fa l’attrice da tanto e che comunque nel bene o nel male rappresenta il nostro cinema.
Se vogliamo essere obiettivi, senza fare i soliti lecchini o gli avvocati a tutti costi delle cause perse (per giunta aggratis), c’è da dire che la Sandrelli, come tutti, e dico TUTTI, gli attori di questa fiction, meritano uno ZERO a livello recitativo. Inseriamo quindi anche Ada Del Vescovo, che ieri sera ha abbaiato come tutti gli altri.
Questi sotto-sottoprodotti della serialità all’italiana dovrebbero essere ormai ampiamente superati.
Cristo, negli Stati Uniti hanno True Detective, hanno Breaking Bad, o comedy come Big Bang Theory e noi ci ostiniamo a investire milioni di euro in roba inguardabile e a proporre uno stile attoriale da recita dell’asilo.
Basta.



2. erodiochannel ha scritto:

16 marzo 2016 alle 14:25

Un risultato davvero basso. Penso che avranno problemi a smaltire le restanti puntate. Soprattutto se, come d’abitudine, la seconda sprofonda ancor di più neglu ascolti…



3. kalinda ha scritto:

16 marzo 2016 alle 19:29

a confronto Baciato dal sole è un capolavoro.



4. Luca ha scritto:

17 marzo 2016 alle 12:45

In una parola : imbarazzante ,
In più parole : al limite del trash puro
Mi dispiace solo per la Sandrelli che forse ,ora che ha qualche anno in più ,dovrebbe stare maggiormente attenta ad apparire in fiction così brutte



5. johnny ha scritto:

17 marzo 2016 alle 18:06

opo il disastro di Baciato dal sole di Rai1 , ecco il secondo disastro di Canale 5 pure prevedibile: NON E’ STATO MIO FIGLIO, il cui titolo e la musica di sottofondo evocano subito e polpettoni napoletani degli anni ‘50 con Milly Vitale ed Alberto Farnese che a Torino si proiettavano in prima visione al cinema Alpi; comunque non sto a criticare l’assurda trama da fogliettone ottocentesco; ancora una volta il problema è la recitazione di una cagneria unica, con particolare riferimento alla Sandrelli che ormai da dieci anni ripete il personaggio della madre nobile e che ieri, gonfia, splofrita e traballante, si trascinava nel brago e nei gorghi dell’intreccio.Peggio di lei solo la ragazzina tette e culo che interpreta la ballerina e di cui vorrei dire altro ma la decenza me lo vieta. Il peggio di tutto comunque è il Garko che si rivolge al pubblico per commentare, manco si trattasse del presidente Frank Underwood.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.