Radio



4
febbraio

Sanremo 2020: come seguirlo alla radio

Radio 2

Radio 2

Il Festival di Sanremo 2020 potrà essere ascoltato anche sulle principali radio. Per aggiornare costantemente gli ascoltatori sulla settantesima edizione della kermesse canora – condotta da Amadeus – le radio daranno ampio spazio all’evento,  attraverso tantissime ore di dirette giornaliere in cui verrà commentato tutto quello che succederà, da martedì 4 a sabato 8 febbraio 2020, sul palco del Teatro Ariston. Un’informazione costante che consentirà al pubblico di non perdersi nemmeno un minuto della manifestazione musicale più importante d’Italia.




29
gennaio

Classifica Radio più ascoltate 2019: Rtl 102.5 è prima. Ma la Rai contesta i dati

Rtl 102.5

La lieve flessione negli ascolti (-4%) non scalfisce il primato di . L’emittente di Lorenzo Suraci è ancora la più ascoltata d’Italia, seguita da Rds e Radio Deejay. Ad attestarlo è Ter-Tavolo Editori Radio, società che raccoglie e pubblica i dati d’ascolto delle radio italiane, con una rilevazione riferita al 2019 e pubblicata nei giorni scorsi. Ecco la classifica.


5
febbraio

Sanremo 2019: tutti gli appuntamenti in Radio

Rai Radio2 a Sanremo 2019

Rai Radio2 a Sanremo 2019

Dal 1951, anno della nascita del Festival di Sanremo, tante cose sono cambiate per la kermesse musicale più amata dagli italiani. C’è però qualcosa che accomuna le prime storiche edizioni del Festival a quella in partenza questa sera; si tratta della radio. In grado di reggere all’agguerrita concorrenza di tv e web, la radio negli anni si è saputa reinventare, distinguendosi come mezzo di comunicazione attuale e moderno, veicolo fondamentale di promozione per la musica. In diretta dalla cittadina ligure saranno numerose le emittenti radiofoniche che seguiranno il Festival, garantendo un’ampia copertura della manifestazione.





5
febbraio

Sanremo 2018: tutti gli appuntamenti in radio

Rai Radio 2 - Radio ufficiale di Sanremo 2018

Rai Radio 2 - Radio ufficiale di Sanremo 2018

I tempi di Nunzio Filogamo e del suo “Miei cari amici vicini e lontani, buonasera ovunque voi siate!” e di Nilla Pizzi e Grazie dei fiori sono ormai lontani, ma ad accumunare la prima storica edizione del Festival di Sanremo a quella in partenza domani sera è ancora una volta la radio. Il mezzo di comunicazione più longevo è riuscito negli anni a reggere la concorrenza agguerrita della tv e del web, confermandosi sempre attuale e moderno. Anche quest’anno la radio, importante veicolo di promozione per la musica e gli artisti in gara, seguirà la kermesse canora garantendo un’ampia copertura della manifestazione.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


7
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2017: TUTTI GLI APPUNTAMENTI IN RADIO

Radio2 SocialClub

Le prime edizioni del Festival di Sanremo furono trasmesse esclusivamente alla radio. Ancora oggi, a distanza di 67 anni, nonostante l’avvento della tv e del web, la radio rappresenta un veicolo di promozione molto importante per la musica e gli artisti in gara al Festival. Il mezzo di comunicazione più antico, ma allo stesso tempo più moderno ed attuale, seguirà con un’ampia copertura la kermesse.





9
febbraio

FESTIVAL DI SANREMO 2016: TUTTI GLI APPUNTAMENTI IN RADIO

Sanremo 2016 - Rai Radio 2

Il Festival di Sanremo 2016 è ai blocchi di partenza, ed ancora una volta sono i numeri delle presenze dei media italiani e internazionali, a descrivere l’imponenza dell’evento. Sono 1335 tra giornalisti, fotografi e operatori dell’informazione accreditati nelle due Sale Stampa, all’Ariston Roof e al Palafiori, Sala Lucio Dalla, veri e propri quartieri generali della città dei media al Festival. In forte crescita, in particolare, le presenze alla Sala Stampa Lucio Dalla con oltre 200 radio e tv e più di 110 siti internet, mentre si conferma l’attenzione dei media stranieri con 42 testate stampa, tv e radio e 79 accreditati. All’Ariston Roof sono accreditate, in tutto, 234 testate con 573 giornalisti di agenzie, quotidiani, periodici e gli inviati di web, giornali radio, Tg e rubriche di Rai, Mediaset e Sky, insieme alla stampa estera. Presso la stessa Sala Stampa sono accreditati anche 110 fotografi e gli addetti stampa delle case discografiche di artisti in gara o ospiti al 66° Festival della Canzone Italiana. Tra i tanti media presenti, una fetta importante è rappresentata dalla Radio. Il mezzo di comunicazione più longevo (le prime edizioni del Festival furono trasmesse esclusivamente alla radio) ma allo stesso tempo più moderno ed attuale, seguirà con un’ampia copertura la kermesse.


8
luglio

ANTONIO RICCI VIRA VERSO LA RADIO?

Antonio Ricci

Non sentiamo spesso la sua voce perchè di solito fa parlare per sé i suoi programmi, lanciando irriverenza e provocazioni specie attraverso la più famosa delle sue creature, Striscia la notizia. Ma adesso per Antonio Ricci potrebbero aprirsi nuovi orizzonti, che figurativamente di voce ci vivono.

Antonio Ricci interessato alle quote Rcs in Finelco

Ci riferiamo alla radio, settore al quale l’autore di Albenga si starebbe interessando, stando a quanto annunciato da Il Sole 24 Ore: Antonio Ricci sarebbe infatti nella cordata italiana, azionista della società milanese Blue Ocean srl, per la quale l’avvocato d’affari Mario Miscali starebbe trattando l’acquisto delle quote Rcs in Finelco. Un’ipotesi al momento, ma che è ancor più interessante se si tiene conto del quadro d’insieme e del momento televisivo che il papà del tg satirico sta vivendo.

Antonio Ricci verso la radio: un nuovo inizio?

Che Striscia non sia più quella di una volta è abbastanza palese; e non ci riferiamo soltanto agli ascolti – per quanto ormai i bei tempi in cui le Veline dettavano moda e la battaglia dell’access prime time veniva puntualmente vinta sono abbastanza lontani. Ci riferiamo soprattutto ai contenuti che hanno sempre meno il sapore della denuncia fine a se stessa e dell’impegno sociale che hanno reso il programma famoso e caro al pubblico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


3
agosto

ASCOLTI RADIO GENNAIO-GIUGNO 2014: RTL 102.5 PRIMA, TESTA A TESTA TRA DEEJAY E RDS. NEL LAZIO RADIO GLOBO MEGLIO DI DIMENSIONE SUONO ROMA

RTL 102.5

RTL 102.5

Se per la televisione abbiamo dati puntuali e disponibili giornalmente, il mondo della radio viaggia su un binario del tutto parallelo, tanto che le rilevazioni sugli ascolti radiofonici sono disponibili di semestre in semestre, e ciò non può che costringere gli editori a pianificare nel lungo periodo senza poter intervenire immediatamente sulle singole produzioni, in caso di poco interesse da parte degli ascoltatori.

Ascolti Radio nazionali Gennaio-Giugno 2014

Comunque sia, per il periodo gennaio-giugno 2014, RTL 102.5, radio che vede a capo Lorenzo Suraci ultimamente sempre più interessata alle partnership con i network televisivi, si conferma la più ascoltata nel giorno medio con 6.805.000 ascoltatori. A seguire c’è Radio Deejay, guidata da Linus, con 4.689.000 ascoltatori tallonata da RDS con 4.663.000. Quarta, con un risultato più che sufficiente, Radio Italia Solo Musica Italiana che raggiunge 4.550.000 ascoltatori, con alle spalle Radio 105 e i suoi 4.445.000 utenti.

Vengono tenute ancora a distanza sia Rai Radio 1 con 3.955.000 ascoltatori che Rai Radio 2 con 2.899.000, mentre Virgin Radio è a 2.303.000 ascoltatori. Le restanti radio nazionali si ritrovano sotto i 2 milioni: Radio 24 (1.982.000), Radio Capital (1.789.000), M2O (1.730.000), Radio Kiss Kiss (1.717.000), R101 (1.659.000), Rai Radio 3 (1.371.000) e RMC Radio Monte Carlo (1.222.000).

Ascolti Radio locali Gennaio-Giugno 2014 – Nord Italia