Discovery



25
settembre

Maurizio Crozza a Che fuori tempo che fa, su Rai1. Le esclusive non esclusive di Discovery

Fabio Fazio, Maurizio Crozza

Ma a Discovery ci sono o ci fanno? Di fronte alla notizia che Maurizio Crozza aprirà le puntate del nuovo Che fuori tempo che fa con una copertina ironica (stasera il debutto in seconda serata su Rai1), si resta perplessi. 




31
luglio

Discovery acquista Scripps Networks

Scripps Network giada de laurentis

Giada De Laurentis, volto dei canali Scripps nel mondo

Fumata bianca. Dopo settimane di trattative e il tentativo fallito del 2014, Discovery Communications ha acquistato Scripps Networks Interactive per la cifra di 14,6 miliardi di dollari. “E’ un nuovo emozionante capitolo per Discovery” ha detto il CEO David Zaslav.


4
maggio

Chef Rubio versione rabbino indigna la comunità ebraica. Discovery si dissocia

Chef Rubio nei panni di un Rabbino

Chef Rubio nei panni di un rabbino

La comunità ebraica insorge contro Chef Rubio. I panni da rabbino indossati nei giorni scorsi, seppur per gioco, dal volto di punta di DMAX hanno suscitato la disapprovazione sul web. Attaccato dalla politica Carla Di Veroli, il cuoco non ha indietreggiato, lasciandosi andare via social ad affermazioni alquanto aspre. “Ma davvero avete bisogno sempre di un capro espiatorio e di lamentarvi che il mondo vi vessa?”, ha tuonato senza mezzi termini il protagonista di “È uno sporco lavoro”.





28
dicembre

MAURIZIO CROZZA SUL NOVE DA MARZO

Maurizio Crozza

Maurizio Crozza rispunta a primavera. Dopo aver concluso la sua decennale esperienza a La7, il comico genovese si prepara ad approdare sul canale Nove con un nuovo show di satira politica e sociale. Al momento, il suo debutto a Discovery è atteso per il mese di marzo prossimo (e non per l’inizio del 2017 come si pensava inizialmente), rigorosamente in prima serata.


1
aprile

DISCOVERY: ALDO ROMERSA E’ IL NUOVO DIRETTORE DEL CANALE NOVE

Aldo Romersa

Aldo Romersa è stato nominato Senior Programming Director Canale NOVE (qui le novità dei prossimi mesi), a diretto riporto di Laura Carafoli, Senior Vice President Programming & Content Discovery Italia.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,





24
marzo

MARIA DE FILIPPI: “IO A DISCOVERY? DIFFICILE NON PENSARCI MA DOVREI AVERE TUTTI GLI STRUMENTI”. SCHERI: “MARIA E’ NOSTRA”

Maria De Filippi durante la conferenza di Amici

Maria De Filippi via da Mediaset? Durante la conferenza stampa di presentazione del serale di Amici 15 (clicca qui per tutti i dettagli), la conduttrice non riesce a smentire le voci secondo cui il gruppo Discovery le avrebbe proposto un canale tv tutto per lei (il Nove, ndDM).


11
giugno

DPLAY: DISCOVERY LANCIA LA SUA TV ON DEMAND GRATUITA

DPlay

DPlay

Che il Belpaese sia tra i mercati più floridi per Discovery è fuor di dubbio. Con un portfolio di ben 7 canali gratuiti sul digitale terrestre e 9 sulle piattaforme pay di Sky e Mediaset, l’Italia vanta sicuramente una delle più corpose offerte, anche di contenuti esclusivi, in Europa. E visti i buoni risultati ottenuti sino ad oggi e la reazione sempre positiva del pubblico, l’azienda guidata dall’ottima Marinella Soldi non sembrerebbe affatto intenzionata a fermarsi qua.

Per questo è stato lanciato – seppur solo in versione beta e raggiungibile a questo indirizzoDPlay, nuovo servizio di video on demand del gruppo Discovery Communications. Presente già in Norvegia, scelto come mercato di test, la tv online dell’azienda statunitense è ormai prossima allo sbarco in Italia, Svezia e Danimarca. Nessuna data fissata per ora, ma siamo certi che alla presentazione dei nuovi palinsesti verranno fornite maggiori delucidazioni a riguardo.

Se per ora propone solo contenuti in onda su Real Time e Dmax, ovvero i canali bandiera del gruppo, al rilascio definitivo dovrebbe accogliere tutte le produzioni dei restanti network che compongono l’offerta gratuita in Italia. E per raggiungere la più ampia fetta di pubblico, oltre alla versione web, verrà rilasciata entro l’anno anche l’app ufficiale per la visione on demand sui device mobile, smartphone e tablet Android e iOS.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


3
ottobre

MARINELLA SOLDI, AD DI DISCOVERY SULLA NUOVA RAI: 2 CANALI FINANZIATI DAL CANONE E SOLO 4 CANALI DALLA PUBBLICITA’

Marinella Soldi, AD di Discovery

Marinella Soldi, AD di Discovery

Dopo aver espresso più di qualche dubbio su Auditel, chiedendo la nascita di una nuova società che coinvolga tutti gli editori, e non solo Rai e Mediaset, l’Amministratore Delegato di Discovery Marinella Soldi – chiamata in audizione alla Camera dei Deputati presso la Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni – si è sbilanciata anche sul futuro della Rai, in attesa della riforma che, stando alle dichiarazioni del Premier Matteo Renzi, dovrebbe coinvolgere tutti i soggetti tramite una consultazione pubblica.

Riforma Rai – Per Discovery bisogna separare i business

Per la Soldi è giusto separare i business dell’azienda pubblica, anche per “assegnarle un’identità precisa”: da una parte il servizio pubblico puro, dall’altra l’anima commerciale, sul mercato e in diretta concorrenza con gli altri editori, tra cui la stessa Discovery. Ciò consentirebbe all’azienda di “agire sul mercato con maggiore trasparenza, applicando politiche commerciali concorrenziali con quelle degli altri operatori”.

Riforma Rai – 2 canali di servizio pubblico e 4 finanziati dalla pubblicità

Nel dettaglio, per l’AD del noto gruppo editoriale, è giusto che la Rai riduca drasticamente il numero di canali resi disponibili, passando dai 15 attuali a 5 o 6. Un’osservazione che nasce studiando i modelli adottati dagli altri paesi europei e che consentirebbe all’azienda di “rafforzare i propri contenuti, di crescere sul mercato e strutturarsi come media company”. Ecco la proposta: uno o due canali di servizio pubblico finanziati dal solo canone, e 3 o 4 canali tematici finanziati solo con la pubblicità.

Riforma Rai – Dubbi sulla proposta di Discovery

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,