26
aprile

IL TEMPO DEL CORAGGIO E DELL’AMORE: IL MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE

il tempo del coraggio e dell'amore prima puntata

Adriana Ugarte

E’ andata in onda su Canale 5 la prima puntata de Il tempo del coraggio e dell’amore, la serie spagnola di Antena 3, campione d’ascolti della scorsa stagione televisiva iberica. Ambientata fra Madrid e il Marocco nel 1936, all’alba della guerra civile spagnola, la serie doveva essere per Mediaset il primo esperimento di cross casting: infatti era previsto un passaggio su Rete 4, sfumato all’indomani della messa in onda.

A prima vista sembra l’ennesimo melò ben confezionato: fotografia dai colori caldi, una buona regia e un buon doppiaggio a fare da cornice ad una storia tutt’altro che originale. E’ il 1934 e Sira Quiroga (Adriana Uguarte) è una giovane sartina cresciuta senza padre che – ad un passo dalle nozze con Ignacio, funzionario ministeriale tanto perfetto, quanto noioso, e mentre l’atelier dove lavora sta chiudendo a causa dei bassi guadagni – perde la testa per l’enigmatico e passionale Ramiro Arribas (Ruben Cortada).

Tuttavia, gli eventi che in una telenovela sarebbero grandi colpi di scena in Il tempo del coraggio e dell’amore fanno a meno del pathos facile, scorrendo con una certa snellezza e proiettando lo spettatore sempre più dentro la storia, quasi senza che se ne accorga: Sira, senza piagnistei nè scene madri, manda a monte le nozze con Ignacio, incontra il padre che non conosceva, riceve da lui un’eredità, va in Marocco per costruirsi una nuova vita con Ramiro… Ma la mente di chi guarda è già avanti: nella prima scena della puntata abbiamo infatti assistito ad un flash forward in cui Sira, imbottita di pistole, dice di esser costretta ad attraversare un Paese straniero per pagare il prezzo delle proprie scelte.

Il Tempo del Coraggio e dell’Amore: fiction tradizionale, ma che sa incuriosire senza “pesantezza”

Aspettando di poter collegare i vari piani temporali, si attende la svolta che spieghi le ragioni della clamorosa scelta futura. Nel frattempo la storia va avanti: una gravidanza, la fine di un amore che forse amore non era, un ricovero in ospedale, l’incontro/scontro fra Sira e un commissario di polizia…Tutti gli ingredienti di una fiction tradizionale, facendo a meno degli eccessi di certe produzioni sentimentali: niente scenate, isterismi, dialoghi assurdi e strappalacrime.

La prima puntata de Il tempo del coraggio e dell’amore scorre davanti agli occhi dello spettatore senza “appesantire”, anzi incuriosisce lasciando la convinzione che il meglio debba ancora venire. Sembra infatti che, essendo stati sviluppati nel corso del primo episodio parecchi elementi, le prossime puntate avranno una trama più ricca di storia (e spionaggio).  Siamo certi comunque che anche il cuore della protagonista tornerà presto a battere.

[IL TEMPO DEL CORAGGIO E DELL'AMORE ANTICIPAZIONI SECONDA PUNTATA]



Articoli che potrebbero interessarti


Pechino Express 2018 - Claudio Colica e Mirko Frezza infortunati
Pechino Express 2018: si inizia con due infortuni. Fabrizio Colica e Tommy Kuti, rimasti soli, diventano gli Scoppiati


Asia Argento
X Factor 2018: le lacrime e la presenza di Asia Argento inondano la prima puntata di audizioni


Baglioni-Hunziker-Favino
Sanremo 2018: Nonno Claudio chiama a raccolta friends (& partners) ma lascia giocare Michelle e Pierfrancesco nella sua festa della musica


Francesca Cipriani tuffo isola
Isola dei Famosi: altro che attacco di panico, è stato un ‘attacco di noia’

3 Commenti dei lettori »

1. marcodesantis ha scritto:

26 aprile 2014 alle 12:23

analisi perfetta……si la storia è accattivante…anche se si vedrà che l’elemento amoe ad un certo punto sarà tralasciato x ricomparire verso al fine…insomma più coraggio x sira in questa fiction



2. mister ha scritto:

26 aprile 2014 alle 13:09

sì è vero, leggendo la trama è evidente che la fiction nn è ancora entrata nel vivo



3. Cenzo/Bermuda ha scritto:

26 aprile 2014 alle 14:03

Esperimento di Cross-casting abbandonato:

dai nuovi promo, si evince che la serie continuerà di venerdì su canale 5.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.