25
maggio

MICHELE SANTORO A LA7: IL GIORNALISTA SAREBBE VICINO ALL’ACCORDO

Michele Santoro

Per Michele Santoro il tempo non passa e, anzi, sembra tornare indietro. A distanza di un anno, il giornalista si troverebbe di nuovo a un passo da La7, ma stavolta – a differenza della puntata precedente – pare che i suoi contatti con l’emittente siano avviati a una conclusione favorevole. Lo rivela Laura Rio su Il Giornale, spiegando che la firma del contratto potrebbe arrivare nel giro di poche ore o nei prossimi giorni. Ovviamente sull’indiscrezione vige la massima cautela perché parliamo pur sempre di quello tsunami di Santoro.

E a La7 ne sanno qualcosa, visto che proprio lo scorso anno si trovarono a bisticciare con il giornalista per un accordo che sembrava ormai pronto da firmare e invece andò in fumo. In quella occasione volarono ‘ceffoni’ tra l’AD di Telecom Giovanni Stella, lo stesso Santoro e Enrico Mentana, che era intervenuto nel ruolo di intermediario. Ma il tempo ha rimarginato le ferite ed ora quegli stessi signori siedono al tavolo delle trattative. Pace fatta.

Anzi, secondo Il Giornale i contatti tra l’emittente e Santoro sarebbero già ad uno stadio avanzato e quindi, a partire da settembre, potremmo trovarci a seguire il teletribuno sul settimo canale. Alla faccia di Servizio Pubblico e dell’ambizioso progetto di tv indipendente che Michele aveva lanciato con orgoglio dopo il suo addio alla Rai. Il telesogno santoriano potrebbe finire in anticipo, con tanti saluti ai suoi sostenitori. Attenzione però: la realtà potrebbe anche rivelarsi un po’ più complessa.

Nel caso Santoro firmasse con La7, l’emittente dovrebbe trovargli una adeguata sistemazione in palinsesto e probabilmente questo comporterebbe un ridimensionamento di Corrado Formigli. Ora: possibile che la rete faccia Piazza Pulita di un conduttore che è riuscito a portare a casa risultati tutto sommato discreti? Poi ci sarebbe il problema delle garanzie legali e dell’autonomia d’azione, sulla quale Michele non transige.

Infine va ricordato che La7 è ‘in vendita’ e bisognerà vedere se i suoi nuovi azionisti saranno disposti a trasmettere un personaggio scomodo ed imprevedibile come Santoro. Intanto il teletribuno tratta, prende contatti, valuta traslochi. E si prepara a (ri)fare la mossa che nessuno s’aspetta.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Selfie Tina
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (12-18/12/2016). PROMOSSA LA7, BOCCIATI MINA, CELENTANO E SANTORO


Michele Santoro
MICHELE SANTORO: IO SERVO DI RENZI? FESSERIE. LA7 E’ UNA SORTA DI CNN ALL’AMATRICIANA


lilli gruber
LA7 LIBERA I BIG VERSO LA RAI?


la7
LA7, UNA RETE CHE POGGIA SU QUATTRO ASSI

21 Commenti dei lettori »

1. Phaeton ha scritto:

25 maggio 2012 alle 11:58

Io dico più che altro ma dove lo piazzano in palinsesto? Tra Lerner, Formigli e Santoro avremo un palinsesto che per 3 giorni avrà sempre lo stesso tema, mi sembra impossibile, per uno di loro si troverà una sistemazione diversa. A farne le spese potrebbe essere lerner? Che magari tornerà al telegiornale? Sicuramente sarebbe un bel colpo riuscirebbe a fare il 10-12 sicuro.



2. warhol_84 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 12:36

Solo in un paese barzelletta come il nostro si parlerebbe di Santoro come “giornalista scomodo”. Ma poi che vuol dire? Scomodo per chi? Siamo un paese da ridere.



3. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

25 maggio 2012 alle 13:12

non credo che gli azionisti sarebbero contrari a santoro…
se porta ascolti,porta soldi.

Sicuramente il giovedi sera è la serata di santoro. però per ora è occupata. che farà la 7?



4. Pippo76 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 13:24

Formigli farà altro o andrà in un’altra rete.
Il giovedì è di Santoro e comunque 3 serate con Lerner, Santoro, Formigli non sarebbero ipotizzabili
ps Berlusconi passa al presidenzialismo alla francese e dice che potrebbe candidarsi se il partito e gli italiani lo vorranno.
Non c’è limite al peggio davvero. Presidente della Repubblica un soggetto del genere, inviso a quasi tutti i potenti del mondo (Putin escluso)
Si goda la vecchiaia, i nipotini, le sue signorine ed i suoi divertimenti che ha già fatto tanto, troppo per noi..



5. Nina ha scritto:

25 maggio 2012 alle 13:58

Giornalista scomodo non è necessariamente una cosa negativa, anzi.



6. GianCarlo ha scritto:

25 maggio 2012 alle 14:39

Ma si, gira e rigira ed è approdato li dove voleva andare e dove certamente sarà tra suoi simili. E mò, tutti quei discorsi della tv alternativa su diverse piattaforme dove sono finiti? E i soldi dati per finanaziarla? Quando il Re denaro chiama, nessuno ma proprio nessuno, riesce a resistere, neanche i più moralizzatori e liberi dai peccati!!!!



7. Marco Leardi ha scritto:

25 maggio 2012 alle 14:52

@Nina (e @warhol_84). Infatti scomodo non era in senso negativo. Ma ormai quando parli di certi personaggi scattano le tifoserie e pure un aggettivo diventa un insulto.



8. Nina ha scritto:

25 maggio 2012 alle 15:06

Marco: infatti! Permettimi però di dire che sono esageratamente permalosi alcuni tifosi di una particolare parte. Per dire una cosa, Ferrara giornalista schieratissimo è entrato nei Teleratti, bene non piace ed è giusto che ci vada. Non ho letto nessuna contestazione. Su Santoro anche quando gli fai un complimento come scomodo, giù lagne.



9. Pippo76 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 15:36

Tralasciando il rap di Ferrara, qualcuno ha visto la trasmissione di Santoro ieri sera..? Molto interessante sulla Mafia ed un ricordo ‘vero’ a 20 anni di distanza dalle stragi



10. Critico Tritatutto ha scritto:

25 maggio 2012 alle 15:45

No.Ho visto il belk documentari qualche giorno fa su Rete 4 “Io mi ricordo”.Da Santoro c’era Leoluca Orlando.M’è bastato e avanzato per cambiare canale.Altro che rap di Ferrara.



11. Critico Tritatutto ha scritto:

25 maggio 2012 alle 15:46

*bel documentario



12. nino.tv ha scritto:

25 maggio 2012 alle 16:23

dico a phaeton che non credo che la posizione di mentana sia in discussione o discutibile (se ipotizzi lerner al tg immagino che mentana dovrebbe occupersi d’altro!), mentana proprio colui che ha, diciamolo, lanciato veramente la7. a me, devo dire, che non mi dispiacerebbe un “michele santoro show”, nel senso di una fascia in seconda serata che non si occupi solo esplicitamente di politica ma che racconti l’italia da più punti di vista, cosa che nell’epoca dell’anti politica farebbe un gran bene all’informazione di vecchio stampo. (antonino muscaglione)



13. Giuseppe ha scritto:

25 maggio 2012 alle 17:04

Ma nessuno protesta perchè nel post Santoro è stato paragonato a uno tsunami?
PS
Non c’è limite al peggio: Berlusconi al Quirinale e Beppe Grillo (che pare piaccia anche a Silvio) a palazzo Chigi.



14. Vincenzo ha scritto:

25 maggio 2012 alle 17:19

Non ci avrei scommesso una cicca masticata sull’approdo di Santoro a La7. Lo scorso anno ha voluto fare la star, facendosi la piattaforma, ecc… Ha floppato, ed è tornato sulla terra.

Mi dispiace per Formigli, merita una riconferma visto che il suo programma è stato quasi l’unico ad avere “successo” su La7… secondo me può finire a In Onda, oppure possono restare loro 3, mettendo Formigli in una serata spenta come la domenica o in daytime.



15. Marco Leardi ha scritto:

25 maggio 2012 alle 17:35

@Vincenzo. Vedremo… io resto convinto che l’eventuale approdo a La7 potrebbe risultare più difficile del previsto. A mio parere, Santoro vorrebbe tornare in Rai al più presto, perché nessuno può offrigli la libertà d’azione i mezzi (e i compensi) dei quali godeva sulla tv pubblica.



16. Nina ha scritto:

25 maggio 2012 alle 17:47

Vero Marco, si lamentano tanto dei politici che si intromettono, ma la Rai offre fin troppi vantaggi a chi ci lavora. Io sono per l’abolizione della Rai.



17. Michele ha scritto:

25 maggio 2012 alle 17:56

Se stavolta Michele Santoro dovesse realmente approdare a LA7 sarà ovviamente Corrado Formigli ad esser messo da parte proprio come è accaduto ad Antonello Piroso quando arrivò Mentana; ricordiamoci che Formigli a LA7 è arrivato solo ed esclusivamente come ruota di scorta: se le trattative con Santoro fossero andate in porto Corrado Formigli a fare il conduttore a LA7 non ci sarebbe mai arrivato (al massimo sarebbe stato uno dei collaboratori del programma di Santoro come faceva ad ”Annozero”)



18. Michele ha scritto:

25 maggio 2012 alle 18:05

Comunque anche Santoro è veramente ipocrita: ora che ha capito che con Monti al governo ha le stesse probabilità di diventare DG della Rai che avrebbe se al governo ci fosse ancora Berlusconi si ributta di nuovo su LA7: ecco un altro ex-Rai che considera questo canale come un contentino ma deve stare attento: alla Dandini ed alla Guzzanti la trasferta è andata assai male ed anche Fazio e Saviano, pur avendo avuto successo, sono stati sotto le aspettative: ho letto che la loro trasmissione era stata prevista al 20% di share invece hanno fatto 7 punti in meno forse se ci fosse stato ancora Berlusconi e le polemiche ce l’avrebbero fatta a fare il boom ma con Monti al governo e senza tutte le polemiche a fare da pubblicità gratuita il loro successo è stato più modesto



19. Critico Tritatutto ha scritto:

25 maggio 2012 alle 18:18

Michele hai ragionissima;non dimentichiamo inoltre che “il pretino” e “il santone” hanno lasciato un buco nei costi,per mancata raccolta pubblicitaria,di un milione e mezzo di euro.



20. Pippo76 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 20:09

Critico, quale buco..? Dove?



21. Critico Tritatutto ha scritto:

25 maggio 2012 alle 21:27

Pippo,non farmi anche tu l’errore di guardare tutto con le lenti dell’ideologia…E’ stato scritto da più parti [senza smentita,per il momento]che il duo non ha richiamato quanti investimenti pubblicitari si sperava ci fossero,lasciando così un buco da un milone e mezzo di euro nei costi totali della trasmissione.Ripeto:mai smentito.Sei una persona che stimo [magari a te non frega nulla,giustamente],ma ti fai prendere troppo dalla partigianeria politica.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.