3
febbraio

LANDO BUZZANCA: “IL TREDICESIMO APOSTOLO E’ POCO CREDIBILE, IL RESTAURATORE E’ UN PRODOTTO PIU’ SINCERO”

Lando Buzzanca e Claudio Gioè

Sfida a distanza a colpi di paranormale tra il restauratore Basilio Corsi di Rai1 e il Padre Gabriel di Canale5. Lando Buzzanca, protagonista della fiction Rai Il Restauratore, in onda domenica e lunedì prossimo con gli ultimi due appuntamenti, commenta dalle pagine de Il Giornale il successo della sua serie, senza risparmiare critiche a Claudio Gioè, interprete de Il Tredicesimo Apostolo, la cui ultima puntata sarà trasmessa martedì 7 febbraio (qui le anticipazioni). Nell’ambito dell’intervista rilasciata a Paolo Scotti, l’attore siciliano dichiara:

“Dai tempi del Segno del comando in poi il paranormale in tv ha sempre sfondato. Perché fa parte della natura dell’uomo, questo desiderio di cogliere l’oltre, l’altro, che si spera si nasconda dietro le cose. Certo: un argomento simile bisogna anche saperlo raccontare… Guardi cosa sta succedendo al Tredicesimo apostolo di Mediaset, ad esempio“.

Il riferimento di Buzzanca è ovviamente legato al notevole calo di ascolti che la fiction di Canale5 ha subito nel corso dei vari episodi. Un calo per la verità giustificato, almeno in parte, dalla concorrenza delle altre reti al mercoledì sera. Una situazione ben diversa da quella de Il Restauratore, la cui messa in onda alla domenica, da sempre presidiata con successo dalla fiction Rai, ha facilitato la riuscita della serie.

Per Buzzanca, invece, la spiegazione risiede nella poca credibilità del prodotto a marchio Taodue:

“Appena Mediaset seppe che stavamo girando Il restauratore, anche loro hanno voluto fare una storia sul metafisico. Sennonché la gente ha avvertito presto che si trattava di due prodotti molto diversi. Quello è sostanzialmente poco credibile; il nostro, invece, è sincero. Quello piace solo ad alcuni telespettatori. Noi piacciamo a tutta la famiglia. E a maggio inizieremo le riprese di altre otto puntate”.

Più che di credibilità di soggetto e sceneggiatura, sarebbe opportuno sottolineare la diversità dei due prodotti nell’affrontare il non semplice argomento del paranormale. Se ne Il Tredicesimo Apostolo si è cercato – non senza errori – di realizzare un prodotto nuovo e ben curato, dalla scrittura più ricercata e originale, ne Il Restauratore si è semplicemente cavalcato l’ormai più che collaudato canovaccio della serialità made in Rai. Il paranormale con le sue “luccicanze” è servito solo come spunto per dare vita al solito mix di giallo e commedia, tanto caro ai telespettatori di Rai1. In altre parole, il restauratore non è altro che l’ennesimo eroe della tv, pronto a far compagnia a preti, suore, guardie forestali e professoresse con l’hobby della caccia all’assassino. A differenziare il personaggio di Buzzanca dai restanti beniamini del pubblico, è soltanto il tempismo. Il suo Basilio, grazie alle “luccicanze” arriva prima del delitto, gli altri (ma non sempre), quando il cadavere è già freddo.

L’attore non sembra però condivide le critiche, al contrario appare lusingato dall’eventuale titolo di erede di Don Matteo.

“Chi ha scritto che nei panni di Basilio sembrerei un Don Matteo in jeans, ad esempio, forse credeva di criticarmi. E invece m’ha fatto un complimento.”

Non ci resta ora che aspettare la reazione dei protagonisti de Il tredicesimo apostolo.



Articoli che potrebbero interessarti


Il Restauratore 16
LANDO BUZZANCA SARA’ UN UFFICIALE IN TERRA RIBELLE 2 IN ATTESA DELLA SECONDA SERIE DE IL RESTAURATORE


Il Restauratore 6
IL RESTAURATORE: LA FICTION CON LANDO BUZZANCA E MARTINA COLOMBARI AL VIA QUESTA SERA SU RAI1


Rodrigo Guirao Diaz - Terra Ribelle
ALBATROSS ENTERTAINMENT: TRA IL SUCCESSO DI TERRA RIBELLE E IL FLOP DE L’OMBRA DEL DESTINO, ARRIVANO IL RESTAURATORE E LA BIOGRAFIA DI EVITA PERON


meglio_tardi_che mai
Meglio tardi che mai: su Rai 2 arriva il «Pechino Express in versione Over». Ecco il cast

26 Commenti dei lettori »

1. Pippo76 ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 12:53

Queste considerazioni lasciano il tempo che trovano..
L’ Apostolo comunque ha preso una direzione di paranormale e non chiusura delle puntate con risposta aperta che disorientano un certo pubblico rispetto a puntate con chiusura certa e trama più lineare del Restuaratore



2. Paki33 ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 12:56

Non c’è proprio paragone tra la fiction di buzzanca e il tredicesimo apostolo, una è mediocre ( il restauratore ) l’altra è eccellente ( il tredicesimo apostolo ) anche come concorrenza è diverso , il restauratore non ha nulla contro il tredicesimo apostolO il meglio dei vari canali.



3. Master ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 12:57

Neanche facesse tutti sti ascolti in piu’. Di cosa parla?
domenica lui ha fatto 5,6 e gioè 5,4 mercoledi.



4. AnTo ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:02

E’pur vero che il XIII apostolo è partito con degli episodi ottimi, ma dalla seconda puntata in poi è andato calando non solo dal punto di vista auditel, ma anche da quello legato alla trama in sè.
Vogliamo parlare dell’episodio della ragazza vergine incinta del fidanzato alieno? Ok il paranormale, ma l’assurdo con tanto di u.f.o….

E poi gli episodi aperti non aiutano, certi lussi sono all’altezza di concederseli solo gli americani (XFiles ad esempio).



5. Pippo76 ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:02

Uno va in onda la domenica e l’altro di mercoledì…



6. Master ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:03

appunto…buzzanca va proprio senza concorrenza…



7. Pippo76 ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:04

Quoto AnTo.. è quello il vero problema. Il troppo paranormale che sfocia nell’assurdo e diventa poco credibile per una serie italiana
( gli americani possono fare questo ed altro perchè supportano il tutto da altra trama, sceneggiatura ecc.)



8. Matteo ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:05

comunque solo qualcuna delle puntate dell’ apostolo e’ rimasta senza una razionale spiegazione e’ da un lato e’ anche meglio cosi , si puo’ dar spazio all’ immaginazione e alle leggende da cui si pensa che avvengano questi fenomeni , invece il restauratore e’ tutt’ altra cosa il sensitivismo del personaggio di buzzanca serve a far si che vengano evitati omicidi incidenti e cose del genere , cose del tutto reali



9. Pippo76 ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:05

A parte i giorni, sono cose imparagonabili..



10. Master ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:07

Il Tredicesimo Apostolo è fatta molto bene, poi per il genere e la trama puo’ non piacere a tutti , è vero.
Sugli ascolti c’è poco da dire, sono entrambe sopra i 5 mln.



11. shameboy ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:33

Il tredicesimo apostolo e il Restauratore fanno quasi gli stessi ascolti, solo che il primo ha una concorrenza spietata, il secondo ha contro filmettini da 12%.



12. PierVivaCanale5 ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:43

A Buzzanca vattene in pensione e lascia il posto ai giovani!!!!

il restauratore non ha nulla contro,il 13°apostolo a tutto e tutti contro!!!



13. Davide Maggio ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:46

PierVivaCanale5: stai calmo pure tu. Buzzanca ha detto delle cose che non condivido nemmeno io ma le sue ultime prestazioni rimangono buone. Quindi commentate come vi pare, ma rispettate!!!



14. PierVivaCanale5 ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:47

DM sono IMPARAGONABILI!! cmq scusate allora



15. danosdd ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:51

Mamma mia che differenza di auditel!
il restauratore fa 5,500 …un attimo!quanto l’apostolo con le minori piu’ forti . Comunq. capisco Buzzanca..dopo 2 secoli ha trovato una serie che non floppa.



16. Davide Maggio ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:54

PierViva: questo e’ poco ma sicuro.



17. Matteo ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 13:55

buzzanca comunque ha fatto anche altre serie che sono andate bene tipo io e mio figlio con ascolto sopra i 5 milioni



18. lu85 ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 14:00

come direbbe Totò…ma mi faccia il piacere. Le due fiction non sono nemmeno paragonabili. Il tredicesimo apostolo è riuscita a farmi vedere una fiction dopo chissà quanto. Era da Rivombrosa che non mi appassionavo così per una fiction.



19. lca ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 14:04

Il tredicesimo apostolo 9 8 7 6 5 4 3 2 1 Il restauratore



20. asxo ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 14:08

Posso dire che trovo che tutto ciò sia di cattivo gusto? Non ha senso nemmeno paragone le fiction. Pessima uscita di Buzzanca. Poteva risparmiarsela.



21. pippo ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 14:32

dico solo questo: l’attuale media dell’apostolo (con tanta concorrenza) è di 5.723.000 spettatori, mentre la media di buzzanca (con concorrenza nulla) è di 5.555.000 spettatori.



22. gokon ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 14:36

il 13° apostolo non si può nemmeno paragonare al restauratore………………………………doppiaggio pessimo per quel poco che ho visto, attori pessimi etc……, l’apostolo è vero che è calato per ascolti però è un ottimo prodotto



23. mister ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 18:20

ma guarda te che paragone va a fare???veramente un’affermazione di pessimo gusto!!!
…e poi l’apostolo ha il mondo contro, il restauratore il nulla!!

a buzzanca ma pensa al tuo restauratore che ti è andata anche di lusso!
io nn lo guarderei neanche sotto tortura.



24. andrea ha scritto:

3 febbraio 2012 alle 18:49

il tredicesimo apostolo una bella serie,l’ultima fiction che ho visto su canale 5 era elisa di rivombrosa!



25. jo3y ha scritto:

4 febbraio 2012 alle 11:30

Mo’ la domenica non c’è concorrenza? Ma scherziamo o cosa? Intanto, già di per sé la domenica è un giorno difficile, e non è affatto vero che tutte – nessuna esclusa – le fiction rai abbiano brillato (guardiamo Tutti Pazzi per Amore 3, ad esempio…); dopodiché, dov’è la concorrenza nulla? Solo Italia1 e Rete4 sono praticamente a zero, per il resto Rai3 racimola ottimi ascolti, Raidue vola con i telefilm e poi c’è pure il calcio. I risultati di Canale5 non sono buoni, ma quei 3,4 milioni se li porta a casa con Centrovetrine. Se questa è concorrenza pari a zero…Fra l’altro, anche il XIII Apostolo ha avuto, questo mercoledì, concorrenza azzerata, eppure dove stanno gli ascoltoni? Appena 5,4 in media…senza contare tutto il calo di puntata in puntata…se parliamo di concorrenza su target in generale diversi, allora va bene, ma se dobbiamo fare un discorso generico, allora dire che la domenica è semplice “vincere facile”, beh, allora alzo le mani e ho fatto (detto) tutto.



26. gabrilella ha scritto:

8 febbraio 2012 alle 08:52

Salve! Ho visto Buzzanza tanti anni addietro a teatro a Lipari, e mi ha stupito x la sua bravura e presenza scenica (notevole); è anche un bellissimo affascinante uomo. Ciò detto, pensavo fosse più intelligente. Mi spiego: dire che Il Restauratore è credibile è proprio una grossissima panzana (mai visto un illuminato che prevede il futuro, puntualmente come il caffè al mattino. E’ ridicolo. Io l’ho visto proprio xchè non c’era altro da vedere. Inoltre, è recitato (tranne Buzzanca) malissimo: la Colombari recita malissimo, e anche i baristi con relativo figlio. Gli stessi altri interpreti, che variano da puntata a puntata, sembrano attorini improvvisati. Tutti raccomandati? Invece, il Tredicesimo Apostolo è assolutamente credibile (un po’ esacerbato nella trattazione della figura del sacerdote Gabriel); è credibile e reale xchè esistono le sette religiose, i clan di potere come la Massoneria, gli omicidi x coprire infamie varie. La recitazione di tutti è superba. La stessa Pandolfi, che io, in passato, trovavo antipatica, mi ha piacevolmente stupito (molto espressiva e spontanea). Non ho perso una puntata del 13 Apostolo, solo che quella di ieri (gli ultimi due episodi) mi ha un poco delusa xchè mi aspettavo un finale diverso, meglio congegnato e costruito. Forse gli autori han voluto di proposito lasciare un finale aperto, x dare il via ad un prosieguo. Speriamo ci sia. Lo aspettoooo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.