26
agosto

LIBERO NEL NOME: RAI2 RICORDA L’IMPRENDITORE CHE SFIDO’ LA MAFIA IN TV

Libero (Grassi) nel nome

Con una denuncia squarciò il velo dell’omertà mafiosa e sfidò il racket. Con una denuncia firmò la sua condanna a morte. Sono trascorsi vent’anni dall’assassinio di Libero Grassi, l’imprenditore palermitano che pagò con la vita il coraggio di aver affrontato gli estorsori che gli chiedevano il pizzo. In una lettera pubblicata in prima pagina sul Giornale di Sicilia del 10 gennaio 1991, si rivolse direttamente ai picciotti, cosicché da quel momento nessuno potesse fingere di non sapere. Pochi mesi dopo un killer di Cosa Nostra lo uccise sparandogli alle spalle. Il sacrificio di Grassi, tanto esemplare quanto tragico, verrà ricordato lunedì prossimo -29 agosto- su Rai 2 con un film-documentario dal titolo “Libero nel nome”.

Uno speciale, quello proposto dalla seconda rete, che ci piace segnalare come ricordo dovuto ad una persona che si è davvero spesa per un ideale di legalità autentico, innescando – a distanza di anni – una rivoluzione culturale capace di coinvolgere oltre diecimila cittadini palermitani convinti che “un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità”. E’ questa la preziosa eredità morale lasciata da Libero Grassi alla sua Sicilia, una testimonianza di coraggio e libertà della quale la moglie e i figli dell’imprenditore parleranno nel documentario curato da Pietro Durante.

Libero nel nome mostrerà i frutti del sacrificio di Grassi, puntando i riflettori sulla nuova dignità popolare che oggi scaturisce dalle iniziative dei giovani di Addiopizzo e da quegli imprenditori che decidono di ribellarsi al racket della mafia. Raccontare l’esempio di Libero Grassi in tv significa anche dare un segnale che forse qualcosa sta cambiando davvero. Nel passato, infatti, il piccolo schermo ha riservato a quest’uomo meno attenzione di quanto meritasse. Nel 1991, solo Maurizio Costanzo e Michele Santoro portarono in diretta la storia del coraggioso imprenditore ‘antimafia’. Ne uscì una di quelle pagine di televisione che si faticano a dimenticare.

Il 4 aprile del 1991, un già agguerrito Michele Santoro ospitò Libero Grassi su Rai3, nel suo programma Samarcanda. Durante l’intensa intervista, l’imprenditore palermitano dichiarò: “Se ho fatto questa azione (di denuncia, ndDM) è perché credo soprattutto nei mass media…” e anche “non sono pazzo, non mi piace pagare. Io non divido le mie scelte con i mafiosi“. Di lì a pochi mesi, Cosa Nostra avrebbe ucciso Grassi. In suo onore, Michele Santoro e Maurizio Costanzo organizzarono una staffetta televisiva Rai-Fininvest. Nel corso della serata Costanzo bruciò una maglietta con la scritta “Mafia made in Italy ed un giovane Salvatore Cuffaro (futuro Presidente della Regione Sicilia) si scagliò contro i conduttori parlando di “giornalismo mafioso”.

Di seguito, vi proponiamo alcuni spezzoni degli episodi citati. Frammenti che parlano dell’Italia e, in particolare, del coraggio di Libero Grassi. Per continare ad approfondire l’esemplare testimonianza dell’imprenditore siciliano, l’appuntamento è per lunedì 29 agosto alle 23:40 su Rai2 con Libero nel nome.

Qui, invece, troverete il momento della maglietta bruciata al Costanzo Show.

E’ uno spezzone inserito all’interno dello speciale In Onda dedicato a Costanzo.



Articoli che potrebbero interessarti


Michele santoro
Volare: Michele Santoro porta su Rai 2 un documentario sulla musica trap – Video


Carlo Conti e Gabriele Cirilli
Maurizio Costanzo Show, speciale «I Tre Tenori» vent’anni dopo. Costanzo e Mentana intervistano Bonolis, Conti e Scotti


Matteo Salvini, Mahmood al Costanzo Show
Torna il Costanzo Show e piazza Salvini e Mahmood sullo stesso palco. Ecco tutti gli ospiti – Foto


Michele Santoro
Michele Santoro contro la Lega: «Così costringe la Rai a bloccarmi. Iniziativa senza precedenti»

3 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

26 agosto 2011 alle 18:36

Ho qualche perplessità relativa all’orario in cui il documentario andrà in onda (23,50) anche se l’uso del videoregistratore può ovviare il problema. Rimasi molto impressionato quando Libero Grassi venne assassinato perchè ingenuamente mi illudevo che solo per il fatto di aver affrontato pubblicamente la mafia in una importante trasmissione televisiva gli venisse garantita maggiore protezione da parte dello Stato.



2. Marco Leardi ha scritto:

26 agosto 2011 alle 19:52

@ Giuseppe. Purtroppo l’orario è quello che è.. ma credo che lo speciale meriti di essere visto. Anche perchè ormai ci stiamo abituando all’antimafia dei salotti buoni, dimenticando il sacrificio di chi ha sfidato Cosa Nostra a viso aperto. Ogni giorno.
Putroppo le apparizioni televisive non hanno salvato Grassi. Eravamo alla vigilia delle Stragi.. un momento storico che ha nociuto allo Stato e per alcuni aspetti pure alla mafia.



3. Giuseppe ha scritto:

26 agosto 2011 alle 22:09

Temo che la scelta di destinare la terza serata al documentario dipenda anche da una percezione generale “sbiadita” della situazione alla quale forse hanno contribuito gli annunci un pò enfatici del ministro Maroni sui risultati ottenuti dal governo contro mafia. A me sembra che il fenomeno sia sempre più diffuso anche se, fortunatamente, non con i connotati stragisti di vent’anni fa.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.