5
agosto

TRONO GAY A UOMINI E DONNE? PIU’ MAI CHE POI…

Trono gay a Uomini e donne: ipotesi improbabile

Rimbalza da giorni ingrandendosi a macchia d’olio sul web la candidatura di Maicol Berti a tronista di Uomini e donne. Ipotesi francamente improbabile quella del trono gay, una congettura da ombrellone un po’ montata a neve, come se ci fosse mai stata un’apertura in tal senso da parte della padrona di casa, ben conscia della delicatezza di questa scelta negli equilibri identitari del suo marchio così legato all’idea di rito domestico e di effetto familiarità della sua televisione.

Detta fuori dai denti, perché ogni tanto è giusto evitare di glissare, lo zoccolo duro dell’audience defilippiana, che annovera comunque anche molti omosessuali, è profondamente conservatore, e la Castigatrice lo sa bene avendolo imparato a sue spese già nelle prime esperienze televisive del primo Amici. Nella ricetta di televisione di Maria De Filippi si trovano a più non posso germi di contrapposizioni evidenti (tronisti molto diversi, squadre, opinionisti sempre in disaccordo) utili a scatenare schieramenti ma la sfera argomentativa rimane sempre lontana dai grandi ‘divaricatori’ dell’opinione pubblica quali omosessualità e razzismo, e in qualche modo anche da ogni più delicato sbilanciamento politico.

Vi siete mai chiesti perché a C’è posta per te non vedete mai storie di figli gay rifiutati dalle famiglie o relazioni d’amore impedite perché magari una giovane italiana si è innamorata di un ragazzo di colore o del vicino di casa arabo? La risposta potrebbe arrivare direttamente da un’ intervista che la stessa De Filippi rilasciava, in riferimento a un episodio tragico dibattuto nel suo Amici versione talk, nel lontano 24 settembre 1993 alla giornalista di Repubblica Silvia Fumarola:

‘E’ una delle puntate più difficili che mi è capitata, ero partita pensando di raccontare la storia di un ragazzo, forse uguale a quella di tanti altri, che poi è finita tragicamente. Avrei voluto far parlare i compagni di classe e suo padre, in un secondo tempo. Ma quando abbiamo toccato il tasto dell’ omosessualità è scoppiato l’inferno. Ha preso la parola un ragazzo che ha detto che gli omosessuali erano diversi e che gli davano imbarazzo, o meglio paura per la diversità.’

Di acqua sotto i ponti ne è passata tanta, ma i contorni del tema restano sempre più o meno tali. Tralasciando quello che potrebbe essere il segno delle reazioni quali il Moige che già bastona a dovere la trasmissione, la questione è più in generale di sociologia dei media. Come avverte acutamente il sociologo Pierre Bordieu in un saggio dedicato al mondo della televisione ‘più un testo vuole raggiungere un pubblico vasto più deve lasciar cadere ogni asperità, tutto ciò che può dividere, escludere, più deve sforzarsi di non urtare nessuno, di non sollevare mai problemi, o di sollevare problemi senza storia’.

Come reagirebbe quel medesimo pubblico che va in visibilio per le scorrazzate delle dame e dei cavalieri ad assistere ad un bacio saffico? Dopo il primo minuto di curiosità cosa avverrebbe? Nella risposta sta tutto l’enigma del caso: qual è la vera opinione degli italiani sugli omosessuali, al di là dei pregiudizi beceri o, all’opposto, dalle aperture solo di facciata?

Il rapporto saldo, nonostante ogni tanto qualche impennata bizzarra verso lidi più alternativi, che Maria De Filippi ha con la parte profonda del Paese, quella che più o meno corrisponde all’idea di cultura di massa, la costringe a confezionare una sorta di verismo postmoderno nella cui rappresentazione siano ben riflessi i valori e gli equilibri dello status quo coevo, senza oscillazioni che possano ’sconvolgere’ l’immagine rassicurante del mondo diffusa per dare ordine e tranquillità alle dinamiche di relazione consolidate.

Saremmo ben lieti di essere smentiti presto con una presa di posizione rivoluzionaria, con una rottura stilistica audace e forte. Per ora facciamo i conti solo con un sistema legislativo che ha tentato vanamente di introdurre aggravanti per i reati a sfondo omofobico, con lungometraggi censurati per scene di amore o passione omosessuale, con dichiarazioni ufficiali fortemente orientate a non estendere alcuni diritti civili ai gay, trinceramenti vaghi sull’idea che ancora gli italiani non siano abbastanza maturi per un tale cambiamento.



Articoli che potrebbero interessarti


MARIA DE FILIPPI
UOMINI E DONNE, MARIA DE FILIPPI: A SETTEMBRE IL TRONO GAY


Maria de Filippi
UOMINI E DONNE GAY – GIOVANARDI ATTACCA: NON METTEREI I MIEI NIPOTI DAVANTI ALLA TV (VIDEO)


UeD_Maria_DeFilippi
Maria De Filippi stoppa Uomini e Donne. Andrà in onda su Witty?


uomini e donne gemma ballo
Coronavirus, stop a Uomini e Donne

24 Commenti dei lettori »

1. mats ha scritto:

5 agosto 2011 alle 03:53

Secondo me invece è ora che i troni vengano buttati nel magazzino della roba vecchia di Mediaset, tra il vestito del Tenerone e il tabellone della soluzione de La ruota della fortuna, lasciando spazio ad una nuova idea che si magari più costruttiva e meno insulsa.

Uomini e donne secondo me è prontissimo ad entrare nella bacheca dei programmi che hanno fatto la storia della televisione. Ma ormai la formula è esausta



2. dert86 ha scritto:

5 agosto 2011 alle 06:44

a quella le frega solo di portare ascolti al programma con le solite trashate napoletane!



3. ANTONIO1972 ha scritto:

5 agosto 2011 alle 07:40

è pieno di tronisti gay quel programma!



4. Raffa ha scritto:

5 agosto 2011 alle 08:00

certamente se ora le ragazze si danno delle zoc…le tra di loro, i gay cosa potrebbero dirsi? E’ qui il problema, se le persone etero si insultano, ok fa parte dello spettacolo, ma quando un’offesa viene rivolta ad un gay interviene l’associazione dei diritti umani, in molti casi sembra che i veri razzisti non sono nè gli etero e neppure i bianchi, ci sono genitori e fratelli che hanno ucciso le figlie perchè innamorate di italiani.



5. sirgeorgebest83 ha scritto:

5 agosto 2011 alle 08:42

questa è omofobia



6. mat22 ha scritto:

5 agosto 2011 alle 09:19

sarebbe interessante un programma con anche troni con gay.. quelli over che sono davvero trash e imbarazano gli anziani che ballano pieni di tull, poveri anziani.. bisogna aver rispetto dei nonni e delle persone anziane… io trovo UeD volgare… vedrei bene un reality tipo scelgo te dove ci sono concorrenti etero e gay….



7. Tania ha scritto:

5 agosto 2011 alle 10:08

Da persona che ha un passato gay,che ha partecipato a programmi televisivi e ha lavorato con gente in gamba come vladimir luxuria su questo tema dico che bisogna osare di piu,dalla tv ai giornali e che il problema riguarda anche reti televisive che tradizionalmente sono aperte su questo fronte.la strada da fare e’ ancora tanta.



8. Phaeton ha scritto:

5 agosto 2011 alle 10:37

Ma ragazzi è ovvio che non ci sarà mai un trono gay a Uomini e Donne! Quel Maicol pur di ritornare a far parlare di se… farebbe di tutto… ed ha rilasciato una boutade!
@Mat: Io non credo che Uomini e donne come si può mettere in cantina un programma che fa un botto di ascolti?



9. Nina ha scritto:

5 agosto 2011 alle 10:45

Io capisco più gli anziani che non i giovani, almeno vanno lì ballano e si divertono. Sai che lunga una giornata per un pensionato? I giovani potrebbero occuparsi di tante cose interessanti.



10. lele ha scritto:

5 agosto 2011 alle 11:32

@mat22
però se quegli anziani partecipano vuol dire che stanno al gioco, no? E poi abbiamo l’arma del telecomando.



11. gian ha scritto:

5 agosto 2011 alle 12:12

però l’articolo è molto interessante, complimenti



12. chris83tp ha scritto:

5 agosto 2011 alle 12:16

ma qui la questione non è maicol berti…la questione è che non ci sarà mai un trono del genere per bigottismo, perchè è un programma seguito in parte da famiglie nonne ecc….ma non sanno che tronisti, corteggiatori sia maschi che femmine, idem per ex ragazzi di amici, fanno la fila nei locali gay come l’alpheus e il gay village…



13. lca ha scritto:

5 agosto 2011 alle 12:21

Spero proprio di no. Immaginatevi il pubblico parlante attaccare uno di quei ragazzi. Ci ritroveremo tutte le associazioni pro-gay contro la De Filippi e il suo programma. Perchè purtroppo è così: se si attacca un gay per il colore della sua maglietta (che non c’entra niente con i suoi gusti sessuali) sei automaticamente un omofobo.

Tra l’altro non dimentichiamoci che ogni volta che c’era un omosessuale in una trasmissione, sono sempre nate polemiche a non finire. Non ultima quella di Ciao Darwin qualche anno fa (nella puntata etero vs omosex).

Per ora il programma va bene così, ed anche se dovesse andare male spero proprio che gli autori non mettano un trono gay in trasmissione per rissolevare degli eventuali bassi ascolti.

Ripeto, non perchè sia contro alla visione di un bacio saffico (anzi..). Ma sono contrario solo per le polemiche che associazioni e omosessuali stessi potrebbero scatenare.



14. mcooo ha scritto:

5 agosto 2011 alle 12:36

Bhè l’intervista e’ del 1993…e sono passati e cambiate tante cose da quegli anni…



15. mcooo ha scritto:

5 agosto 2011 alle 12:39

La De Filippi tratto’ in Ottima Maniera perfino la storia di Giuseppe tronista con una ex trans….Lasciando decidere a lui se parlarne o meno.
Se vuole fare facili ascolti come tutti qui dicono un TRONO GAY l’avrebbe fatto 2000 anni fa…
Sono ALTRE presentatrici che sfruttano questa situazione per fare ascolti.
E Meglio le NAPOLETANATE DELLA DE FILIPPI CHE IL FARE ASCOLTI TRATTANDO COME CARTA STRACCIA L’OMOSESSUALITA CHE FANNO LE ALTRE PRESENTATRICI.



16. Gianni ha scritto:

5 agosto 2011 alle 13:12

sinceramente troni omosessuali non avrebbero senso visto che il programma si chiama appunto uomini e donne…….. sarebbe un non sense….. e poi perchè bisogna sempre dimostrare di essere political correct quando la maggior parte delle volte la political correct nasconde solo ipocrisia? L’attrazione uomo-donna racchiude quella diversità naturale tra esseri opposti che è la diversità più bella, siamo tutti diversi per natura, la diversità uomo donna resterà sempre quella più interessante perchè sono 2 mondi diversi che si intersecano e creano qualcosa di unico e irripetibile



17. massi ha scritto:

5 agosto 2011 alle 13:45

“L’attrazione uomo-donna racchiude quella diversità naturale tra esseri opposti che è la diversità più bella, siamo tutti diversi per natura, la diversità uomo donna resterà sempre quella più interessante perchè sono 2 mondi diversi che si intersecano e creano qualcosa di unico e irripetibile”

Gianni non parlare universalmente ma parla per te, l’attrazione tra due persone che si amano è irripetibile, sia che siano dello stesso sesso che di sesso diverso. Quando in Italia si capirà che quando si parla di omosessualità non si parla necessariamente solo di sesso, ma di amore, (e l’amore non può essere giudicato) allora forse davvero avremmo fatto un passo avanti. Per quanto riguarda U&D versione gay anch’io penso che alle 2 del pomeriggio per l’Italia di oggi sarebbe solo uno spunto per fare miliardi di nuove polemiche, lo vedrei bene in seconda serata, ma non certo con Maicol Berti, la visione degli omosessuali che ne a la tv è completamente distorta dalla realtà. Gli omosessuali non sono le macchiette che si vedono in tv, sono uomini e donne normali, che studiano, lavorano, amano e vivono una vita normale!



18. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

5 agosto 2011 alle 13:58

io non penso che i gay abbiano bisogno delle pari opportunità dentro al programma della de filippi.
ma in altri contesti anche televisivi.
che poi il programma verrebbe snaturato no? tutti maschi… perchè corteggiare il troista e non anche gli altri?



19. beppe ha scritto:

5 agosto 2011 alle 15:33

A parte Maicol che è diventato una macchietta.. l’idea di una versione gay di uomini e donne la reputo interessante e magari essere trasmessa in seconda serata x non urtare i benpensanti e potrebbe chiamarsi Uomini e Uomini oppure mantenendo U & D inserendo un trono lesbo….



20. Nina ha scritto:

5 agosto 2011 alle 16:34

Beppe, pare una cosa porno soft, detta così.
PS: sei il solito Beppe, quello a cui “piaceva” l’uomo vicino alla Ventura?



21. marcello walker ha scritto:

5 agosto 2011 alle 19:37

Sono contrario a Uomini e donne in generale, comunque ottimo articolo!



22. DUrsino ha scritto:

6 agosto 2011 alle 03:01

A parte la tua abile costruzione narrativa caro Christian nel dipingere in ogni sua sfumatura l’ipocrisia del nostro Bel Paese che (sempre sotto l’ingombrante ed incombente ombra ‘vaticanesca’) non riesce neanche ad esternare o far fare quello che andrebbe riconosciuto agli omosessuali…
La De Filippi a par suo lo farebbe pure.. a mia detta.. scatenando reazioni agli antipodi ed inorridendo le ‘casalinghe di Voghera’ mentre sono intente a lavare l’ultima scodella.. però visto il battage che sempre provoca la sua ‘Uomini e Donne’ sarebbe un segnale fortissimo..
Però la tua analisi è fallica (è il caso di dire.. :) nel momento in cui ometti Maicol ampiamente sviscerato nel GF nazional popolare.. la solita M.Carmela Ns.Signora di Cologno che spesso crea trash dibattiti serrati sui gay che non portano mai ad alcuna conclusione se non caciara ma perlomeno ne parla.. insomma solo per citarne due non sono certo due trasmissioni che vanno a notte fonda… e le casalinghe sono ancora lì… sempre in cucina!! Nulla contro le casalinghe è solo ironia provocatoria la mia… ;)



23. Cristian Tracà ha scritto:

7 agosto 2011 alle 04:57

Per Dursino:
intanto grazie per le belle parole usate nei miei confronti.
in merito alla mia analisi che tu definisci simpaticamente fallico ecco cosa penso:
la D’urso spaccia per cronaca e giornalismo il suo introdursi nel mondo omosex, mentre al Gf trattano il problema con abbastanza machismo e poca serietà…
il giorno in cui al Gf vedremo una coppia gay che vive serenamente la propria relazione la mia analisi sarà stata veramente fallica..
non li ho considerati casi significativi di trattazione seria della fenomenologia omossessuale.
A Uomini e donne implicherebbe comunque una qualche riflessione sull’amore gay e quindi sarebbe decisamente più forte come discontinuità rispetto al silenzio o allla rappresentazione incompleta che vediamo adesso



24. DUrsino ha scritto:

7 agosto 2011 alle 09:21

@Cristian:
Concordo sullo ’sfruttamento’ che contraddistingue la D’Urso e meno l’altro prodotto quotidiano ‘Mattino 5′ dove i toni adottati dal tande,m Panicucci – Del Debbio sono sempre più soft e pacati (ed ho visto dal suo interno anche quella produzione). Per quanto riguarda il GF è pur vera la connotazione ‘machistica’ ma è anche vero che della eventualità (e serenamente palesata, comunque, vuoi per canovaccio, vuoi per spontaneità) TENERA AMICIZIA tra Maicol e Giorgio (se non ricordo male) la Marcuzzi ne parlava con molta naturalezza senza indugiare (o ciurlare nel manico, come direbbe l’attualmente ’sky.izzata’ Mona). Ma la ricerca dell’omo-anima gemella al ’santuario’ quotidiano di Maria, sarebbe assolutamente nuova, dirompente e credo difficilmente attuabile. Qualcuno più su dei DM Lettori, banalmente affermava che non potrebbe più chiamarsi ‘Uomini e Donne’ il love-reality, ma non è l’ultimo dei problemi? Allora Uno Mattina, ad esempio, che è da decenni un ottimo contenitore, dovrebbe chiamarsi Uno Mattina inCucina, inMedicina, inCronaca, inConsigli.. ma dai!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.