19
febbraio

Marte, Perseverance atterra: c’è vita (solo) su Focus

Focus, Mars 2020

Marte chiama Terra: «Touchdown confirmed». Missione compiuta. Alle 21.55 di ieri (ora italiana), al centro di controllo della Nasa la tensione si scioglieva in un applauso: il vicolo spaziale rover Perseverance era appena atterrato con successo sul Pianeta Rosso. Un traguardo storico nell’ambito delle esplorazioni planetarie, lanciate ormai verso ambiziosi traguardi. In attesa di analizzare il suolo marziano, la missione avviata ieri ci ha dato un primo riscontro sul fronte televisivo nostrano: c’è vita su .

La rete tematica Mediaset ha infatti avuto il merito di seguire in diretta, con un programma dedicato, il decisivo ammartaggio, offrendo ai telespettatori i contributi proposti in tempo reale dalla Nasa e dall’Esa. Attraverso la conduzione del giornalista scientifico Luigi Bignami, il canale 35 del digitale terrestre ha documentato l’evento con uno speciale in grado di attirare l’attenzione (se non altro per essere l’unico in onda in quel momento).

Certo, i ritmi della serata divulgativa non sono stati sempre così incalzanti, ma – come effetto compensativo – a tenere desta l’attenzione ha contribuito l’attesa dei determinanti minuti in cui il rover Perseverance avrebbe dovuto toccare il suolo di Marte. L’ora X è scattata poco prima delle 22: il veicolo spaziale si è avvicinato progressivamente al Pianeta Rosso sino a ‘conquistarlo’. Brivido. La Nasa ha trasmesso le prime immagini (quelle che hanno fatto il giro del mondo) e, su Focus, il conduttore Bignami a fatica ha trattenuto la propria emozione ed è riuscito a trasmetterla.

Ora dobbiamo smaltire l’adrenalina di questo momento” ha successivamente ribadito il giornalista, andando poi ad interpellare i propri ospiti per riflessioni a caldo o valutazioni più generiche. Peccato per lo studio, piuttosto spoglio e statico (composto solo da tre poltroncine per altrettanti protagonisti).

Pur senza eccedere, ieri sera Focus ha dato un positivo segnale di vita. Ed è stato l’unico. La cosa colpisce: è innegabile che l’evento di portata planetaria sia passato piuttosto in sordina nei palinsesti italici. E bisogna dire che il pubblico ha apprezzato: la diretta ha toccato nel complesso il 4.2% di share e Focus ha battuto Rai2 e Rai3.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Stazione spaziale
«L’Italia tra le Stelle», su Focus due speciali sulla corsa allo spazio


italia2
Italia2 è salva (per ora): il canale trasloca al 120


Marco Costa
Marco Costa a DM: «Ad aprile lanciamo il Venti. Italia 2 chiude? Speriamo di no»


focus
Focus lascia Discovery e passa a Mediaset

2 Commenti dei lettori »

1. Paolo Zuccati ha scritto:

19 febbraio 2021 alle 15:55

Veramente anche Rai News24 ha fatto il suo speciale in contemporanea a quello di Focus.



2. Gianni ha scritto:

19 febbraio 2021 alle 18:56

Ho seguito l’evento su Focus.

Una trasmissione sobria come ci si aspetta da una missione spaziale.
Non è che servano le ballerine o Gabriele Cirilli che fa due battute delle sue (sempre le stesse).

Ma, Santo Cielo, non ho potuto non pensare che era assurdo quello che vedevo!
Eravamo in collegamento con un rover atterrato su Marte e non riuscivano in studio a fare una video chiamata con l’audio funzionante!

E’ una follia! Il 90% delle volte l’audio non c’era. Il povero presentatore costretto a cambiare argomento e proseguire imperterrito (Bravo!).

A uno dei collegati hanno provato a fare la stessa domanda tre volte a distanza di qualche minuto (perchè è importante fotografare le foci dei fiumi marziani) e tutte le volte era senz’audio!

Che paese patetico che non sa gestire due telefonate video…con tutti i soldi che diamo alle compagnie telefoniche.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.