5
maggio

Foa a gamba tesa contro Fazio: «Compenso molto elevato, ascolti non aumentati. Format senza carica innovativa»

Marcello Foa

Il compenso di cui beneficia è molto elevato“. Stavolta a parlare non è il solito Matteo Salvini, ormai apertamente critico sui cachet del conduttore ligure, ma il Presidente della Rai, Marcello Foa. La presa di posizione, in questo caso, è tutta interna al servizio pubblico e quindi non più trascurabile. Intervenendo al Festival della Tv e dei nuovi media di Dogliani, il giornalista – a margine di una conferenza – si è espresso sullo stipendio del presentatore di Che tempo che fa, condividendo sostanzialmente le rimostranze dal leader della Lega.

E’ evidente che il compenso di cui beneficia Fazio è molto elevato, al di sopra di qualunque altra valutazione di merito che possa essere fatta rispetto agli ascolti che lui fa. Allora nella Rai del cambiamento, che vuol essere anche rispettosa del canone pubblico, è chiaro che – per quanto vincolato dal contratto che la Rai deve rispettare – si pone un problema di opportunità. E’ giusto e opportuno che si mantengano questi livelli di stipendio?

ha dichiarato Foa, che sul conduttore ligure e sulla sua trasmissione è stato tanto esplicito quanto critico, al punto da aggiungere (come riporta La Stampa):

Che tempo che fa è una trasmissione che va in onda dal 2003, sono 16 anni. È un format che non ha più quella carica innovativa che forse aveva all’inizio. Questo dovrebbe farci riflettere (…) È stata portata su Rai1 e gli indici di ascolto non sono aumentati. Questo induce a una riflessione dal punto di vista aziendale“.

Sulla possibilità di spostare il programma su altre reti, il Presidente Rai non si è però sbilanciato. “Non gestisco io i palinsesti, non voglio entrare nel campo di Salini” si è limitato a commentare. Le sue inequivocabili parole, di fatto, sono andate nella stessa direzione di quelle pronunciate a più riprese da Salvini, soprattutto in merito ai compensi di Fazio.

Salvini vs Fazio: “Chiacchierone di sinistra, riduciti lo stipendio”

Stasera, peraltro, il conduttore avrebbe dovuto ospitare (in ossequio alla par condicio) il leader leghista, ma questi ha seccamente rifiutato l’invito

Questa sera ci sarà un buco di tre quarti d’ora perché mi sono rifiutato di andare da Fabio Fazio. Sono l’unico segretario di partito che si è rifiutato, mi hanno detto: ‘ma come, fa 3 milioni di spettatori…’. Per me la coerenza viene prima e per me i valori e la coerenza valgono più di 3 milioni di spettatori (…) Riduciti lo stipendio, chiacchierone di sinistra pagato con i soldi degli italiani” ha attaccato Salvini.

Al Festival di Dogliani, Foa ha anche auspicato che venga incrementata la presenza di giornalisti e opinionisti cattolici sul servizio pubblico. “La voce cattolica non ha abbastanza rappresentanza oggi nel mondo giornalistico Rai” ha affermato. Il Presidente Rai, incalzato dai cronisti, ha anche parlato del servizio della TgR Emilia Romagna sulla manifestazione di Predappio:

È un evento ricorrente ogni anno che, in un’ottica regionale, va coperto giornalisticamente. Su un giornale vale 30-40 righe, in un telegiornale locale un servizio da 10-20 secondi. È una notizia piccola ma è una notizia. In questo caso c’è stato un eccesso di copertura, troppo spazio, una sproporzione. C’è stato un errore

ha affermato. A seguito di questo “errore”, il caporedattore Tgr Emilia-Romagna, Antonio Farnè, ieri si è dimesso.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Carlo Freccero
Fazio a Rai2, Freccero: «Avrà una riduzione del compenso e del budget. Su di lui investimento importante»


Fabio Fazio.
Fabio Fazio su Rai1: pronto un super accordo da 11,2 milioni di euro con «eventuale Sanremo»


Fabio Fazio
Fazio: «Salvini mi ha trasformato in un avversario politico. Pronto a ridurmi lo stipendio se necessario e se lo fanno anche i colleghi che guadagnano come e più di me»


Luciana Littizzetto
Luciana Littizzetto: «Fazio, per te Rai1 finisce qui». E bacia la foto di Freccero

10 Commenti dei lettori »

1. XxdanyxX ha scritto:

5 maggio 2019 alle 19:22

Un intervento giustissimo e verissimo fino a che non ha iniziato a parlare di “voce cattolica poco rappresentata”.
Che piaccia o meno l’Italia è un paese laico e la sua tv di stato dovrebbe esserlo altrettanto, soprattutto quando hanno già molti programmi televisivi tematici spalmati sulle 3 reti e anche svariate prime serate durante l’anno (mi vengono in mente programmi come una voce per padre pio). Giornalisticamente parlando io mi focalizzerei su un tono non di parte dei telegiornali rai, dal momento che il Tg2 è ormai diventato TeleSalvini…



2. PAOLO76 ha scritto:

5 maggio 2019 alle 19:32

parole sante…..



3. Primus ha scritto:

5 maggio 2019 alle 20:53

Tre semplici domande per salvini: quando si dimetterà Siri? Quando restituirà la lega i 49 milioni rubati ai cittadini?quando si occuperà di sicurezza invece di andare in giro a fare comizi inutili?



4. Primus ha scritto:

5 maggio 2019 alle 20:55

Il sig.salvini con quali soldi viene pagato? Almeno Fazio non ha rubato nulla fino a prova contraria…



5. Mattia Gasparini ha scritto:

5 maggio 2019 alle 23:46

Parole di uno che dovrebbe essere radiato dall’ordine. Al servizio di un ministro dell’interno ancora più fuori controllo e che non riesce a dire una sola cosa intelligente al di fuori dei soliti slogan. Mangime per elettori di pancia che non pensano.
Ormai a questa pagliacciata sui compensi di Fazio che si sono rivelati ben altri e allineati con il mercato possono credere solo i cretini.
Abbiamo sentito per anni da questi signori che sono la vergogna della destra italiana lamentele di ogni tipo sulla Rai in mano al governo di turno, e non appena hanno potuto metterci le mani sopra la trasformano nel loro megafono sloganista.



6. Socrate ha scritto:

6 maggio 2019 alle 00:08

Primus, esatto! Erano soldi degli italiani anche quelli fatti sparire dalla Lega, o/e utilizzati nei modi che tutti abbiamo avuto modo di leggere sui giornali negli scorsi anni. E sono soldi degli italiani anche quelli con cui a Salvini viene pagato uno stipendio per lavorare al Viminale, mentre invece fa tutt’altro.
In quanto a Foa raramente ho sentito tante sciocchezze tutte insieme. Mi domando come si possa fare un servizio di un TG di 10 secondi.
Questi oltre a tutto il resto distruggeranno anche la Rai, se qualcuno non li fermerà.



7. Socrate ha scritto:

6 maggio 2019 alle 00:19

Bentornato Mattia, mancavi da un pò! Salvini ormai non fa altro che alimentare l’invidia sociale e gli odiatori seriali da social (ne conosciamo personalmente), con l’unico scopo di catturarne il consenso. Di far funzionare la Rai e più in generale l’Italia non gliene frega nulla, e i risultati si vedono. La sua fissazione con Fazio ha del patologico. E non si era mai vista una dirigenza Rai così palesemente asservita al potere.



8. Mattia Gasparini ha scritto:

6 maggio 2019 alle 00:40

Ciao Socrate! Grazie per il bentornato, mi sono goduto le vacanze lunghe primaverili. Ti ho già salutato nell’altro articolo su Fazio, ma sono felice di condividere anche qui le tue parole.
Oggi i leghisti hanno un bel da fare con Fazio su tutti i media.
Mancavo da un po’ ma pare che i miei commenti di oggi su Salvini e Foa vengano prima pubblicati e poi censurati e cancellati da qualche zelante redattore: io scrivo con nome e cognome, e mi assumo la responsabilità di quello che dico, considerato che anche le note di questo blog proclamano che la redazione non è responsabile dei contenuti dei commenti, desidererei non venire censurato nelle mie opinioni che sono anche molto meno offensive della media normale che si legge qui.
Non vorrei scoprire che si censurano opinioni politiche non gradite alla linea editoriale.



9. Joseph ha scritto:

6 maggio 2019 alle 07:24

Foa, la Voce del Padrone



10. Marco ha scritto:

7 maggio 2019 alle 10:41

Gli ascolti di Fazio sono indubbiamente deludenti



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.