24
aprile

Fiction Mediaset cambia. Ecco i titoli in arrivo su Canale 5

Le Tre Rose di Eva 4 - Riprese (da Facebook)

Le Tre Rose di Eva 4 - Riprese

Mediaset sta vivendo un periodo tutt’altro che facile sotto diversi punti di vista, in primis per il caso Vivendi, ma guarda avanti. Dal punto di vista dei contenuti, il problema principale riguarda la sua serialità, crollata negli ultimi anni ai minimi storici in quanto ad ascolti e gradimento del pubblico. Piersilvio Berlusconi ha dichiarato che il cambiamento è già in atto ed andrà avanti: ma in cosa consisterà?

Fiction Canale 5: i sequel e gli spin off in arrivo

Quello che balza agli occhi è l’addio alla tradizione in senso stretto, a quelle serie cioè che erano diventate un marchio di Canale 5 come Squadra Antimafia e L’Onore e il rispetto, entrambe arrivate al capolinea. Questo, attenzione, non significa chiudere con il passato, dal momento che l’ammiraglia Mediaset è pronta a lanciare svariati sequel e spin off: il primo sarà Solo per Amore – Destini Incrociati, poi sarà la volta di Squadra Mobile - Operazione Mafia Capitale, Solo, Ultimo 5, Furore – Il Vento della Speranza e de Le Tre Rose di Eva, progetto che sembrava ormai archiviato vista la messa in produzione dell’altro melò di Endemol Shine Sacrificio d’Amore. Attesissima, infine, Rosy Abate – La Serie.

Fiction Canale 5: le novità

L’aria di cambiamento arriva dalle nuove produzioni tra le quali figurano, al momento, Immaturi – La Serie, ispirata all’omonimo film e con la regia di Rolando Ravello, e L’Isola di Pietro (primo titolo Dottor Pietro), che avrà per protagonista Gianni Morandi nei panni di un pediatra vedovo ed è prodotta da Lux Vide, Re Mida della fiction Rai.

In particolare destano però curiosità il progetto sul Made in Italy dedicato idealmente a Franca Sozzani, Liberi Sognatori e La Valanga. Il primo racconterà in dodici puntate la generazione di giovani stilisti che a metà degli anni Settanta rivoluzionò il settore della moda italiana; il secondo sarà un ciclo di quattro film dedicato ad eroi italiani che hanno sacrificato la vita per combattere la Mafia, mentre il terzo, come gli altri targato Taodue, dovrebbe narrare il dramma di Rigopiano.

Aldilà dell’intempestività con la quale è stata data la notizia di quest’ultima produzione, ovvero a meno di un mese dalla tragedia, si tratta effettivamente di una novità per la serialità Mediaset, affidata dallo scorso novembre a Daniele Cesarano (di conseguenza a lui è imputabile solo una piccola parte dei titoli citati sopra), che andrà in questo caso a raccontare i drammi, la storia e gli eroi del nostro Paese investendosi di una funzione sociale in tempi più recenti appena sfiorata.

Dunque un cambiamento ancora tutto da studiare, vario, in divenire, che sembrerebbe piuttosto una prova, un tentativo ineluttabile.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Giancarlo Scheri
GIANCARLO SCHERI E’ IL NUOVO DIRETTORE DI CANALE 5. DONELLI ALLO SVILUPPO COMUNICAZIONE TV


i migliori anni - sangue caldo
I MIGLIORI ANNI vs SANGUE CALDO: SI RINNOVA LA SFIDA DEL VENERDI SERA


ombradeldestino
L’OMBRA DEL DESTINO SI SPOSTA SU RETE4 DA QUESTO GIOVEDI. CANALE 5 PROPONE IL FILM CHANGELING


Rosy Abate - La Serie
Canale 5 insidia Fazio: dopo Morandi, arriva Rosy Abate. Al via domenica 5 novembre

8 Commenti dei lettori »

1. Enzo ha scritto:

24 aprile 2017 alle 13:11

Le tre rose di Eva spaccherà!! La serie migliore di Mediaset degli ultimi dieci anni.



2. Michele87 ha scritto:

24 aprile 2017 alle 13:25

A Mediaset dovrebbero iniziare a differenziare le fiction a seconda del canale, come ha fatto la RAI: perché fanno solo produzioni per Canale 5 mentre per Italia 1 e Rete 4 sono anni che non fanno nulla, se non retrocedervi i prodotti che sull’ammiraglia sono andati male?

Come ha fatto l’Andreatta a Viale Mazzini, Cesarano dovrebbe fare fiction generaliste per Canale 5, fiction innovative, giovanili e che osino di più (stile ”Gomorra” e ”Romanzo criminale” per intenderci, ma non intendo per forza come genere, ma come livello di ‘’spregiudicatezza”) per Italia 1, mentre per Rete 4 potrebbe essere un idea provare a produrre delle telenovelas in proprio (come ai tempi di Edera), invece che importarle dalla Spagna, creando posti di lavoro, magari recuperando quelli persi dopo la triste chiusura di Centovetrine (e non parlo solo degli attori ma anche delle maestranze).



3. giacomospartano ha scritto:

24 aprile 2017 alle 13:43

Da quel che leggo la fiction Mediaset si avvicinerà ,sempre di più, nel prossimo futuro a quella della Rai, anche dal punto di vista dei contenuti. Diventerà più a “sfondo sociale”. Certo molti titoli,sono già in produzione e non possono essere cancellati. Un cambio di passo è necessario, e anche a breve. Emblematico il “caso de il Bello delle donne..



4. Mattia Buonocore ha scritto:

24 aprile 2017 alle 14:15

@Michele87 Cesarano ha parlato in prospettiva di fare qualcosa anche per Italia1



5. veu ha scritto:

24 aprile 2017 alle 14:15

Le Tre Rose di Eva è la miglior fiction di Canale 5 di sempre, ovviamente se c’è la presenza dei protagonisti principali (Aurora, Alessandro, Tessa, Ruggero, Marzia). La terza stagione non funzionò perchè eliminarono Aurora.
Per il resto si aspettano le altre fiction: Solo per Amore, Rosy Abate, Sacrificio d’amore.



6. Lorenzo ha scritto:

24 aprile 2017 alle 15:28

Sono d’accordo su chi dice che bisogna investire anche su Italia1 con fiction innovative e “spregiudicate”. Per Rete4 io vedrei invece una serata dedicata a Tempesta d’amore (la soap che hanno in palinsesto) fiction li mi sembra “azzardato” caso mai sarebbe il caso di puntare sulle docu-fiction, come accade ne “Il terzo indizio”, cioè la ricostruzione di fatti veri che possono andare dal femminicidio ma anche in un programma dove si raccontano storie di rinascita,di amore … Storie vere fatte con docufiction.
Per Canale5 spero che tornino ai tempi d’oro e comunque mon li perdonerò mai per non aver dato un degno e giusto epilogo ai Cesaroni e a Centovetrine. Cesarano pensaci!!!! Le serie citate hanno fatto la storia della rete lo meritano!



7. xxxxx ha scritto:

25 aprile 2017 alle 17:06

Sicuramente è un passo avanti rispetto al passato.
Io, ad ogni modo, proporrei anche delle cose per Italia Uno (che ne so, magari serie fantascientifiche o fantasy, o innovative dal punto di vista tecnico).



8. E20 ha scritto:

26 aprile 2017 alle 14:53

e cosa metteranno sulla LCN 20 nuova tv di mediaset ovvero RETECAPRI ?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.