23
giugno

NEMO: SU RAI2 AL POSTO DI VIRUS UN PROGRAMMA FIRMATO DALL’EX IENA DI TV2000 ALESSANDRO SORTINO

Alessandro Sortino

Ilaria Dallatana lo aveva già annunciato qualche settimana fa, in occasione del suo incontro con la Commissione di Vigilanza e della presentazione della propria linea editoriale: nella prossima stagione televisiva la sua Rai 2 avrebbe lanciato un nuovo programma di informazione basato sulle esperienze dirette, sulle testimonianze vive di persone coinvolte in eventi di rilevanza, sul lavoro attivo degli inviati. E ora quel programma ha un nome ed un autore: si chiamerà Nemo e sarà basato su un format originale di Alessandro Sortino.

Nemo: il nuovo programma d’informazione di Rai 2

Dopo la chiusura di Virus e l’abbandono di Nicola Porro – migrato a Mediaset per la seconda serata di Canale 5 – la seconda rete dell’azienda pubblica sperimenta nuovi linguaggi ed abbandona l’idea del salotto televisivo nel quale discutere di ciò che accade nel mondo: gli inviati di Nemo andranno sul campo, in Italia ma anche all’estero, per mostrare al pubblico quello che accade e scovare personaggi e storie particolari da offrirgli.

Uno dei primi servizi sarà quello già annunciato dalla direttrice di rete, ovvero il “reportage” realizzato da alcuni rifugiati siriani con l’ausilio di telecamerine fornite dal programma; un modo per permettere al pubblico di vedere con i propri occhi e in qualche modo vivere la realtà dei campi profughi della Turchia. Immagini girate da non professionisti che saranno poi montate dalla redazione.

Nemo: un format originale ideato dall’ex Iena Alessandro Sortino

L’idea, come già scritto, è di Alessandro Sortino, co-autore de Le Iene e iena in video dal 2000 al 2008, inviato di Piazzapulita, già presente in casa Rai con dei servizi di Presa Diretta, nonchè attualmente volto e direttore creativo di Tv2000. E, stando a quanto si legge su Repubblica, il giornalista romano non sarebbe intenzionato ad abbandonare il progetto che sta portando avanti sul canale 28 dtt, quindi il suo apporto potrebbe essere limitato alla sola ideazione del format e non alla scrittura delle singole puntate del programma.

Resta da capire a questo punto se il programma – una coproduzione Rai e FremantleMedia – avrà un volto di riferimento e quale sarà.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Enrico Lucci, Nemo
Nemo: racconto inclusivo, linguaggio grintoso. Lucci ritrova uno squisito cinismo


Enrico Lucci candidato premier, Nemo
Nemo: Enrico Lucci si candida a premier, Valentina Petrini va in Niger. I temi della prima puntata


dallatana-rai2
Ilaria Dallatana: «A me piace il trash e siamo riusciti a portarne un po’ su Rai2»


enrico lucci
RAI2: ROCCO SCHIAVONE AL MERCOLEDI, NEMO SI SPOSTA AL GIOVEDI. SUNDAY TABLOID IN SECONDA SERATA DALL’8 DICEMBRE

3 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

23 giugno 2016 alle 16:41

Non riuscirò mai a farmi una ragione del fatto che da quando Giorgio Bergoglio è stato eletto al soglio pontificio, TV2000 sia diventata il “refugium peccatorum” di tutti questi ex-comunisti (oggi piddini).
L’altro giorno ero sconvolta nel guardare l’ex-deputato PD Andrea Sarubbi (già conduttore di A Sua Immagine) intervistare Romano Prodi nel programma Today di TV2000. Cioè, era TV2000, non YouDem Tv!



2. Luca ha scritto:

23 giugno 2016 alle 16:53

Ma veramente la Rai pensa che gli italiani si appassionano così tanto dei rifugiati siriani ?
Poi sinceramente invece di scappare,intendo gli uomini siriani,non farebbero meglio a combattere l’Isis e cercare di consegnare ai loro figli una Siria migliore ?
Invece di essere sparpagliati in giro per l’Europa ?



3. gian piero badesso ha scritto:

17 marzo 2017 alle 08:51

ma un conduttore migliore non c’era? Eravate alla fame? Sembra la rana dalla bocca larga, vuole essere spiritoso,ma dopo due minuti cambio canale



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.