Alessandro Sortino



23
giugno

NEMO: SU RAI2 AL POSTO DI VIRUS UN PROGRAMMA FIRMATO DALL’EX IENA DI TV2000 ALESSANDRO SORTINO

Alessandro Sortino

Ilaria Dallatana lo aveva già annunciato qualche settimana fa, in occasione del suo incontro con la Commissione di Vigilanza e della presentazione della propria linea editoriale: nella prossima stagione televisiva la sua Rai 2 avrebbe lanciato un nuovo programma di informazione basato sulle esperienze dirette, sulle testimonianze vive di persone coinvolte in eventi di rilevanza, sul lavoro attivo degli inviati. E ora quel programma ha un nome ed un autore: si chiamerà Nemo e sarà basato su un format originale di Alessandro Sortino.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,




14
dicembre

TV2000, TOTO’ CUFFARO VS SORTINO: “TU HAI UNA TESTA MESSA MALE” (VIDEO)

Totò Cuffaro, Tv2000

Le ultime parole da detenuto, Totò Cuffaro le ha pronunciate ai microfoni di Tv2000. L’ex governatore della Sicilia, che in questi giorni ha finito di scontare una condanna per favoreggiamento aggravato alla mafia, ha rilasciato un’intervista ad Alessandro Sortino per la prima puntata di 70 volte 7, un ciclo dedicato al tema del perdono in onda in prima serata da martedì 15 dicembre. “Ho chiuso con la politica. Ho chiuso definitivamente perché ho pagato il mio prezzo” ha detto Cuffaro. E non sono mancate le scintille con il giornalista.


24
ottobre

TV2000, IL PALINSESTO 2014-2015. NOVITA’ NEL DAYTIME, ARIANNA CIAMPOLI IN PRIMA SERATA

Tv2000

Misericordina via etere. Il nuovo corso di Tv2000 è in sintonia con la Chiesa di Papa Francesco. L’emittente della Conferenza Episcopale Italiana ha inaugurato un restyling che porterà cambiamenti al palinsesto, nell’ottica di una programmazione d’impronta sempre più generalista. A guidare il progetto è Paolo Ruffini, neodirettore del canale (qui la nostra video intervista), affiancato dall’ex Iena Alessandro Sortino e dal nuovo responsabile delle news Lucio Brunelli. La parola d’ordine è riqualificare, come spiegato dal neo designato DG Lorenzo Serra durante la presentazione dei palinsesti 2014-2015 tenutasi a Milano. All’evento era presente anche Mons. Nunzio Galantino, Segretario Generale della Cei.

Non esiste solo la Chiesa in uscita, ma anche la Tv in uscitaha ricordato il prelato, auspicando lo sviluppo di una tv “che provochi di più“. E, forse, è proprio in quest’ottica che l’emittente dei Vescovi ha arruolato Alessandro Sortino come direttore creativo. “E’ un po’ una sorpresa che io sia qui” ha dichiarato il giornalista, individuando le tre linee lungo le quali si articolerà il nuovo corso del canale: attualità, dialogo e prossimità. “Dobbiamo convertirci ad essere più ironici, seri ma non seriosi” ha proseguito Sortino. La sua sarà “una tv dove ci sono le Iene ma con la speranza“, perché è stata proprio questa la sfida lanciata da Mons. Galantino all’ex inviato di Italia1 e La7: “Sua Eccellenza mi ha detto: continua a fare la Iena, ma mettici la speranza“.

Tv2000: le novità del palinsesto 2014-2015

E allora, all’insegna della speranza (ma anche dell’appetibilità televisiva), ecco le novità in palinsesto. L’informazione raddoppia: a partire dal 3 novembre prossimo il notiziario andrà in onda alle 12 e alle 18.30, seguito da Il Post, un approfondimento quotidiano sull’attualità. Il lunedì e il sabato, spazio alle notizie sportive con Sport2000. Confermato invece Il diario di Papa Francesco, appuntamento quotidiano con le parole del Santo Padre in onda alle 17.30. “Non vogliamo essere la brutta copia dei tg esistenti, ma cerchiamo una nostra fisionomia” ha spiegato il responsabile delle news Lucio Brunelli.

Tv2000: Bel tempo si spera





18
novembre

ATTENTATO O BUFALA? ALESSANDRO SORTINO (PIAZZA PULITA) SMASCHERA SANTORO: IL BOICOTTAGGIO A SERVIZIO PUBBLICO E’ UNA PANZANA PUBBLICITARIA

Michele Santoro

Attentato! Si tratta di attentato! Certo, come no… L’allarme rosso era scattato ieri mattina, a poche ore dalla messa in onda di Servizio Pubblico. Dal quartier generale di Michele Santoro si diffondeva la notizia di un sabotaggio ai danni dei ripetitori dell’emittente trentina Rttr, che in serata avrebbe trasmesso il programma. Porca paletta: per la seconda volta in due settimane, qualcuno tentava di intralciare la diffusione del talk show più scomodo degli ultimi 150 anni. Boicottaggio! Sulla pagina Facebook della trasmissione compariva un appello al popolo della libera informazione: “fate il passaparola perché questi fatti non rimangano impuniti!“.

In attesa di capire chi fosse l’attentatore (magari Berlusconi, che adesso ha parecchio tempo libero), qualche maligno si interrogava sulle tempistiche del misfatto. Tra i malpensanti, anche l’inviato di Piazzapulita Alessandro Sortino, che su Facebook scriveva: “per la seconda settimana Piazzapulita subisce un attentato di carattere pubblicitario a poche ore dalla trasmissione“. Secondo il giornalista del talk condotto su La7 da Corrado Formigli, l’attentato a Santoro sarebbe stato una trovata promozionale. Un’insinuazione particolarmente velenosa se conderiamo che i programmi in questione sono diretti competitor del giovedì sera.

Michele Santoro, dunque, non c’entrerebbe niente con l’ordigno che ha distrutto i ripetitori e a dimostrarlo sarebbe la scritta comparsa sulle centraline colpite: “solidarietà agli arrestati di Roma” (in riferimento agli scontri del 15 ottobre, ndDM). La Polizia avrebbe attribuito il gesto agli anarco insurrezionalisti. “La notizia dell’incendio muta però nel corso della giornata alla stessa velocità con la quale cresce l’indignazione per l’attentato alla libertà di stampa“ scrive Sortino. E infatti, col passare delle ore, si scopre che i danni maggiori li hanno subiti i trasmettitori di Radio Maria e non quelli di Servizio Pubblico (come d’altro canto vi avevamo scritto anche noi).