rcs



29
maggio

Lei e Dove Tv lasciano Sky dal 30 giugno

Lei

Ancora un mese. Poi, fine delle trasmissioni. A partire dal 30 giugno prossimo, i canali televisivi LeiDove Tv – appartenenti ad RCS Media Group di Urbano Cairo – salvo nuovi colpi di scena lasceranno definitivamente Sky. Le due reti, attualmente in onda ai numeri 129-130 (Lei+1) e 413 del satellite, non saranno più visibili sulla pay tv.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,




8
luglio

ANTONIO RICCI VIRA VERSO LA RADIO?

Antonio Ricci

Non sentiamo spesso la sua voce perchè di solito fa parlare per sé i suoi programmi, lanciando irriverenza e provocazioni specie attraverso la più famosa delle sue creature, Striscia la notizia. Ma adesso per Antonio Ricci potrebbero aprirsi nuovi orizzonti, che figurativamente di voce ci vivono.

Antonio Ricci interessato alle quote Rcs in Finelco

Ci riferiamo alla radio, settore al quale l’autore di Albenga si starebbe interessando, stando a quanto annunciato da Il Sole 24 Ore: Antonio Ricci sarebbe infatti nella cordata italiana, azionista della società milanese Blue Ocean srl, per la quale l’avvocato d’affari Mario Miscali starebbe trattando l’acquisto delle quote Rcs in Finelco. Un’ipotesi al momento, ma che è ancor più interessante se si tiene conto del quadro d’insieme e del momento televisivo che il papà del tg satirico sta vivendo.

Antonio Ricci verso la radio: un nuovo inizio?

Che Striscia non sia più quella di una volta è abbastanza palese; e non ci riferiamo soltanto agli ascolti – per quanto ormai i bei tempi in cui le Veline dettavano moda e la battaglia dell’access prime time veniva puntualmente vinta sono abbastanza lontani. Ci riferiamo soprattutto ai contenuti che hanno sempre meno il sapore della denuncia fine a se stessa e dell’impegno sociale che hanno reso il programma famoso e caro al pubblico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


9
aprile

BOOM! LEI E DOVE TV (CANALI RCS) FUORI DA SKY

Lei Tv

Il made in Italy non piace al satellite. Dopo la dipartita dei canali LT Multimedia e di altre realtà più piccole (come Lady Channel), la pay tv satellitare pare abbia scelto di fare a meno anche di ulteriori reti in mano a società nostrane. DM può anticiparvi che Sky sembra non avere nessuna intenzione di prolungare il contratto in scadenza con Lei e Dove Tv, canali di RCS Media Group, prodotti da Digicast ed inclusi nell’offerta della piattaforma satellitare. Da giugno, i canali 129, 130 (Lei +1) e 413 cesseranno, dunque, le proprie trasmissioni su Sky.

Il canale Lei è nato nel 2009 - annunciato in anteprima da DM – con l’obiettivo di catturare un pubblico femminile “alto”, portando in Italia una serie per palati fini come 30 Rock, per poi riposizionarsi ben presto puntando sul factual alla maniera di Real Time. Tra i programmi più famosi Case da Incubo, Non Ditelo alla Sposa e I Menù di Benedetta in replica. Nell’anno auditel 2014 ha raggiunto una media dello 0.09% (0.06% se si esclude il time shift), non esaltante ma nemmeno disastrosa se si considerano i dati di altri canali come Sky Atlantic/+1 (0.08%) e AXN/+1 (0.09%).

Stesso discorso per Dove Tv, canale di viaggi dallo scorso anno maggiormente improntato al lifestyle, che nel 2014, potendo contare su un minor numero di abbonati rispetto a Lei, ha ottenuto lo 0.05%. Dodici mesi fa circa, il gruppo Fox aveva mostrato interesse, poi sfumato, per un’acquisizione dei canali Digicast. Era comunque rimasta l’idea di lanciare un canale di lifestyle (Georgia Luzi doveva essere uno dei volti) e, paradossalmente,  con la fuoriuscita di Lei dal satellite sembrano aprirsi i margini per la nuova creatura.





18
luglio

ALLA FACCIA DEL CA…IRO! IL PATRON DI LA7 COMPRA 12 MILIONI DI AZIONI (2.8% DEL CAPITALE) DI RCS

Urbano Cairo

Urbano Cairo

(Adnkronos) – Dopo i rumors e le smentite, la conferma: Cairo entra nel capitale Rcs. Non è l’11% che aleggiava intorno ai diritti e che prefigurava l’arrivo di un socio forte, ma abbastanza per doverlo comunicare alla Consob: 2,8%. La notizia la dà lui stesso: 11.989.643 azioni ordinarie acquistate a titolo personale.

In una nota, Urbano Cairo comunica che nei giorni scorsi, tramite la propria controllata U.T. Communications, “ha proceduto all’acquisto di 11.989.643 azioni ordinarie di Rcs Media Group”. In particolare, precisa la nota “11.789.643 azioni ordinarie sono state acquistate mediante esercizio di n. 3.929.881 diritti di opzione acquistati sul mercato regolamentato e 200.000 azioni ordinarie mediante acquisto dei titoli sul mercato regolamentato”. Cairo precisa che “l’investimento in Rcs Media Group e’ effettuato a titolo personale“.

E all’Adnkronos dice: ”Entro in punta di piedi, senza aver la pretesa di insegnare niente a nessuno”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,


18
novembre

TELENOVELLA: FABIO CANINO E CANDIDA MORVILLO PORTANO NOVELLA 2000 IN TV

Candida Morvillo, conduttrice di Telenovella

Sono passati anni ma alzi la mano chi non lo rimpiange alla guida di Cronache Marziane. D’altronde, dopo quell’esperienza, in tv non è più riusciuto ad imporsi. Ora, però, Fabio Canino torna con un nuovo programma condotto in coppia con una sua “vecchia” conoscenza: il direttore di Novella 2000, Candida Morvillo. La giornalista, infatti, ha mosso i primi passi catodici proprio con le apparizioni nel programma Endemol.

I due sono pronti da domani, alle ore 22.45 su Lei (canale 125 di Sky), a tenerci compagnia con Telenovella. Sì, nel titolo ci sono due elle che vanno a richiamare il giornale che la padrona di casa dirige, ormai da anni, e che ha in comune con il canale di messa in onda lo stesso editore, RCS.

Fulcro del programma, manco a dirlo, è il gossip trattato sulla falsa riga di Novella. Il menù della prima puntata prevede un’inchiesta sull’estetica, non solo chirurgia ma tutto ciò che può per definizione riguardare l’esteriorità; e degli  rvm che avranno come protagoniste Flavia Vento, nei panni di egittologa, e  Caterina Balivo impegnata nella lotta contro la cellulite. Il clou dell’esordio sarà, però, la presenza in studio di una diva del gossip come Valeria Marini.





10
giugno

DOVE TV: IL MENSILE DI RCS DIVENTA UN CANALE TV. NEW ENTRY DEL BOUQUET SKY ENTRO FINE ANNO

Dove TV

Debutterà entro fine anno su Sky il nuovo progetto targato RCS Multimedia. Si tratta di Dove Tv, che porterà in tv i contenuti dell’omonimo mensile, leader del settore del tempo libero in Italia, puntando più che al turismo di massa ai viaggi “nel vero senso della parola” come spiega Gianluca Paladini in un’intervista al mensile Tivù.

L’ad di Digicast, che già produce sulla piattaforma satellitare i canali Jimmy, Yacht & Sail, Caccia e Pesca, Moto TV e Lei, ha aggiunto che il canale seguirà la linea editoriale della rivista raccontando però viaggi, destinazioni e località in modo più accurato. Il canale, anche grazie al ricorso a testimonial ad hoc, porterà alla creazione di un nuovo linguaggio televisivo con l’obiettivo di incrementare la percentuale delle produzioni, utile a creare una library specializzata in viaggi e turismo sfruttabile su più canali inglobati nello stesso progetto.

La promozione di Dove Tv partirà il prossimo settembre in Italia, e l’obiettivo è quello di varcare i confini nazionali in breve tempo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , , ,


1
dicembre

SKY SI TINGE DI ROSA: ARRIVA… LEI, LA RISPOSTA SATELLITARE A “MYA”

Lei @ Davide Maggio .it

Se Mediaset Premium con Premium Gallery ha sfornato Mya, poteva il satellite non rispondere con un canale tutto in rosa, dedicato al pubblico femminile? Sembra proprio di no.

Siamo in grado di annunciarvi in anteprima che nelle prossime settimane dovrebbe debuttare Lei, nuovo canale della piattaforma di Murdoch dedicato al mondo delle donne. Prodotto da RCS e curato da Alessandra Zingales (nome di spicco nel mondo della televisione nostrana), Lei, a differenza della concorrente Mya sul digitale terrestre, non dovrebbe avere ad oggetto i diritti ma vedrebbe nell’intrattenimento il proprio punto di forza.

Al momento l’unica produzione del canale dovrebbe consistere in un talk show che vede in The View il proprio format originale: un talk (trasmesso sin dal 1997 sull’americana ABC, in diretta da New York, dalle 11 alle 12 del mattino) nel quale un gruppo di donne di età diversa discute degli avvenimenti più stuzzicanti della giornata. Non donne qualunque, sia chiaro. Nella versione americana, ad esempio, calcano il palco (rectius, i divani) dello show vere icone dello showbiz (una su tutte Woopi Goldberg) che si fregiano, tra l’altro, della presenza di ospiti altrettanto prestigiosi.

Scopri le novità del canale:


31
agosto

I TRONCHETTI DELLA FELICITA’ DI TELECOM ITALIA

Telecom Italia logo @ Davide Maggio .it     News Corporation logo @ Davide Maggio .it

Che l’ex monopolista della telefonia in Italia non navigasse nell’oro è cosa risaputa.

Che Marco Tronchetti Provera e il Suo staff abbiano deciso di rimboccarsi le maniche per risollevare le sorti di Telecom Italia lo si è appreso da poco!

Ho deciso di parlarVi delle (presunte) strategie del gruppo italiano poichè toccheranno da vicino ciò di cui si parla quotidianamente su questo blog : lo spettacolo e i Suoi derivati!

Il 7 settembre prossimo è previsto un incontro del boss di Telecom Italia, Tronchetti Provera, con il magnate australiano Rupert Murdoch.

L’incontro avrà ad oggetto (quanto meno ufficialmente) “solo” un’accordo tra i due gruppi che, qualora fosse concluso, consentirebbe ai clienti di Telecom Italia la fruizione di alcuni contenuti di News Corp.

Probabilmente News Corp Vi dirà poco. Forse, parlandoVi di SKY, potreste iniziare a meglio renderVi conto di ciò di cui si parla. Se, invece, Vi elencassi tutte le società che fanno capo a News Corp (e dunque a Murdoch) capireste certamente di che tipo di contenuti potrebbero beneficiare i clienti di TI, a partire dai servizi a banda larga di Alice, ivi compresa la IpTV, per arrivare ai servizi per la telefonia mobile, compresa la TIM TV.

Riuscendomi difficile darVi un quadro esaustivo, preferisco che diate un’occhiata a questa pagina (–> clicca qui) : osservando i loghi dei vari media di proprietà del magnate australiano, potrete farVi un’idea dell’entità e della quantità del patrimonio mediatico di cui disponde l’ “imperatore dei media”. –br[Continua a leggere I Tronchetti della Felicità di Telecom Italia]–

V’è di più!

Il secondo punto del piano strategico prevederebbe (secondo voci riferite da DagoSpia) la vendita di La7, emittente televisiva di Telecom Italia Media, a RCS Mediagroup.

Il terzo ed ultimo punto consisterebbe (sempre secondo rumors) nella rinazionalizzazione dell’ULTIMO MIGLIO, croce e delizia della liberalizzazione in fatto di telefonia. Un’operazione che, udite udite, farebbe entrare nelle casse del gruppo ben 13 MILIARDI DI EURO.

Inutile dire che qualora dovesse andare in porto quest’ultimo punto, l’impero di Tronchetti Provera sarebbe al sicuro!

[Fonti : Dagospia.com, ilsole24ore.it]