Don’t Forget the Lyrics



25
luglio

STEFANO ORSUCCI, HEAD OF DEVELOPMENT & INTERNATIONAL FORMATS DI MAGNOLIA, A DM: ECCO PERCHE’ UN MINUTO PER VINCERE NON E’ LA COPIA DE IL CUBO. XFACTOR 5, MENO NAZIONALPOPOLARE E STESSO BUDGET. ENZO E CARLA PRONTI PER SHOPPING NIGHT.

Stefano Orsucci

Un Minuto per vincere clone de Il Cubo? Per Magnolia la risposta è un “no” secco. In seguito al nostro articolo che sollevava la questione, Stefano Orsucci, head of development and international formats di Magnolia, ha scelto di intervenire su queste pagine per spiegare le differenze intercorrenti tra i due format. Un’occasione utile per una chiacchierata a 360 gradi con l’ex direttore dei canali intrattenimento Sky, da 11 mesi nella società del gruppo Zodiak: dal mercato mondiale dei format a Shopping Night, la nuova sfida di Enzo e Carla per Real Time che ci rivela in anteprima, passando per il beffardo destino di Parenti Talenti e naturalmente XFactor, alle prese con il debutto su SkyUno, MasterChef, programma di punta di Cielo, e l’Isola dei Famosi.

Minute to win it e The Cube: due format differenti per te. Perchè?

Sì. The Cube è un gioco molto tecnologico, con un cubo tridimensionale in studio. E’ spettacolare  e, allo stesso tempo, di grande tensione. I partecipanti sono fisicati, è una cosa un po’ da superuomini mentre la filosofia di Un minuto per vincere è: “tutti possono farcela”. Si tratta di un gioco per famiglie per il preserale di Rai1, molto moderno, dove ci si allena a casa con oggetti quotidiani per una prova che è un po’ come quelle che si facevano da piccoli. Non c’è stata nessun tipo di contaminazione tra i due format tant’è che in Inghilterra Itv manderà in onda anche Minute to Win it. Se fosse stata una copia questo non accadrebbe.

Sembra che alla base ci sia un’idea simile ma declinata in maniera differente…

Ci sono delle prove da eseguire in un tempo stabilito e si vincono dei soldi, ma queste sono molto differenti come dicevo.

E se la versione italiana di The Cube fosse più semplice, magari improntata all’ironia, data la presenza di Mammucari, cosa accadrebbe?

L’hanno registrato sul set inglese che è futuristico per cui penso che sarebbe stato difficile farne una versione semplificata. Poi è chiaro che Teo abbia un approccio più scanzonato ma non credo che si assomiglieranno. Anzi, non si assomigliano.

Chi ha acquistato per primo il format?

Noi. Come MasterChef, ‘Minute to win it’ è un format di Shine, società che Magnolia rappresenta in Italia e con cui abbiamo un rapporto privilegiato.

MasterChef  si inserisce in un filone, quello della cucina, del quale si inizia ad abusare…

La differenza fondamentale tra questo e gli altri programmi di cucina è l’elemento aspirazionale. Master Chef è l’XFactor della cucina: se tu hai sempre desiderato fare lo chef e ti ritieni bravo ma nella vita fai altro, grazie alla televisione puoi realizzare il tuo sogno. Si parte da un grande casting per poi seguire una liturgia che in 3 mesi, grazie ai coach e ai giudici, punta a far crescere professionalmente i concorrenti.

Cosa puoi dirci del programma?




7
aprile

YOU AND ME, L’INTRATTENIMENTO LEGGERO ARRIVA AL 139 DEL TELECOMANDO SKY.

Natasha Stefanenko in '10 anni più giovane'

Viene presentato come un nuovo canale, dedicato all’intrattenimento leggero e pensato per le ‘persone comuni’, ma dallo scarno battage pubblicitario che ha accompagnato il suo debutto sulla piattaforma satellitare non sembra che You&Me – la cui programmazione è iniziata il primo aprile al tasto 139 del telecomando Sky – possa entusiasmare più di tanto il pubblico.

Scorrendo il palinsesto della nuova emittente, si evince però come You&Me abbia deciso di puntare su una scelta coraggiosa: banditi infatti telefilm e serie televisive (che in genere occupano la maggior parte delle ore dei canali satellitari) saranno i reality più eterogenei e i documentari a tenere banco nel pomeriggio e nel più prestigioso slot del prime time. D’altronde il Managing Director, David Bouchier, ha concluso un contratto con la Zodiak Rights per la vendita di 150 ore di contenuti di unscripted entertaiment, ossia reality show, game show, talk show, talent show, documentari e interviste. Tra i titoli: “Faking It” (quattro stagioni), “Don’t Forget The Lyrics” (stagioni tre e quattro della versione Fox), “Unsolved Mysteries”, “Real World Brooklyn”, “Real World Cancun”, “The Pick Up Artist” (stagioni uno e due) e “So You Think You Can Dance” (stagione sette).

La programmazione mattutina sarà appannaggio del fitness: ‘Caribbean Workout‘ (dalle 7 alle 8 e dalle 10 alle 11) mostrerà energetiche sessioni di aerobica svolte alla Barbados mentre ‘Yoga con Shiva Rea‘ (alle 6 alle 8 e alle 11) accompagnerà lo spettatore al raggiungimento di una soddisfacente forma fisica e del benessere interiore. Diverse trasmissioni saranno dedicate ai fan del paranormale e dell’ignoto come il documentario ‘Presenze’, la cui versione italiana andrà in onda i giorni dispari alle 21.30 e quella statunitense alla stessa ora nei giorni pari, propone le missioni di una serie di esperti che cercheranno di stanare i fantasmi nascosti.


30
novembre

CANTA E VINCI… 500.000 EURO!

Canta e Vinci @ Davide Maggio .it

Si chiamerà Canta e Vinci.

E’ questo il titolo scelto per la versione italiana di Don’t Forget the Lyrics, del cui arrivo ho parlato nei giorni scorsi.
Il SuperKaraoke di Amadeus e Checco Zalone andrà in onda martedì 18 dicembre 2007 alle ore 21.10.

Prodotto da Fatma Ruffini, il game show metterà in palio 500 mila euro e, come vi avevo scritto, sarà  una specie di versione musicale di Chi Vuol Essere Milionario.

Ogni concorrente canta proprio come stesse giocando al karaoke col la differenza che dovrà proseguire a cantare anche quando la musica verrà stoppata.

Ci sarà una scalata di 10 gradini che partirà dalla modica cifra di 500 euro per arrivare a quella decisamente più interessante dei 500 mila.

I concorrenti potranno contare su 3 aiuti :

  • la rivelazione di alcune delle parole da indovinare; 
  • la possibilità di interpellare un amico o parente presente in studio; 
  • la scelta tra 3 risposte alternative.

Un programma che si configura, dunque, più come un quiz vero e proprio che come gioco spettacolo a differenza del “collega” The Singing Bee dove la presenza di più concorrenti che si sfidano direttamente e il clima più confusionario rendono l’atmosfera più… spettacolare!

Per par condicio, ecco anche uno spezzone tratto da una puntata di Don’t Forget the Lyrics.

E Voi… quale preferite?

Amici 9: qual è il tuo preferito?

Vedi i risultati

Loading ... Loading ...





22
novembre

ANTEPRIMA DM : AMADEUS SI DA’ AL KARAOKE CON CHECCO ZALONE

Karaoke Amadeus @ Davide Maggio .it

Quando Vi ho anticipato l’arrivo del nuovo quiz musicale di Italia1 mi sono ben guardato dal fornirVi dettagli su programma e conduttore perchè è mia prassi aspettare che alle voci di corridoio seguano ulteriori conferme.

Un attento lettore, però, mi segnala che sul sito di Parterre, società che gestisce il pubblico di numerose produzioni RTI, fa bella mostra un avviso con il quale si ricercano “anime pie” che riempiano la platea dello studio di “Karaoke, nuovo programma musicale condotto da Amadeus e Checco Zalone“.

In realtà uno dei format dei quali vi avevo parlato nel succitato post era proprio una versione riveduta e corretta del Karaoke, ma relativamente alla conduzione di Amadeus sembrava fosse tutto in alto mare.

Vi terrò aggiornati!

Ho cercato di andare a fondo nella questione.

Ebbene, si dice che Amadeus abbia accettato di condurre questo programma che dovrebbe andare in onda (per il momento con una sola puntata in prime time) nel periodo natalizio. Il quiz è una sorta di Chi Vuol Essere Milionario in versione musicale in cui i concorrenti dovranno indovinare i testi delle canzoni (forse cantandoli?!?) per poter avanzare nella scalata. Il format di riferimento è Don’t Forget the Lyrics.

Trovate qui un video su Youtube della versione americana.