23
aprile

MATTEO RENZI: NON GIOCHERO’ LA PARTITA DEL CUORE

Matteo Renzi

Dopo le polemiche, Matteo Renzi ha scelto di fare un passo indietro. Il premier non parteciperà alla Partita del Cuore. L’annuncio è arrivato poco fa sulla sua pagina Facebook:

“Maggio 2013, Torino. Mi invitano alla partita del cuore, allo Juventus stadium. Anche un cuore viola come il mio deve ammettere che è bellissimo. E la città risponde alla grande: beneficenza, emozioni, divertimento. Torno negli spogliatoi e scatta in me l’istinto della competizione. Il prossimo anno facciamo la partita a Firenze, propongo. Ci danno l’ok e destiniamo l’incasso a Emergency. Sono felice. Poi, come noto, cambio mestiere.

Qualche giorno fa mi chiama Gino Strada e mi chiede di rilanciare l’attenzione dei media, di aiutare anche nel mio nuovo ruolo, per fare della partita un’occasione di sostegno per i progetti di Emergency. Lo faccio volentieri. E qui casca l’asino, anzi il grillo. Cinque stelle mi accusa di strumentalizzare il calcio in campagna elettorale, di volere la diretta tv per conquistare voti. I miei amici si domandano con la consueta gentilezza se mi hanno mai visto giocare per pensare che un mio assist sposti voti. Ma il punto non è questo. Il punto e (l’accento, Matteo, ndDM) che grazie alla rabbia e alla paura dei grillini per la prima volta si sporca un evento come la partita del cuore che da anni unisce gli italiani. Strumentalizzare gli 80 euro, i segreti di stato, gli investimenti sulle scuole è ancora polemica politica. Strumentalizzare la beneficenza no.

Ho deciso allora di non giocare la partita del cuore di quest’anno. Anche se mi costa dal punto di vista personale perché siamo fatti di carne e giocare con Baggio, Batistuta e Antognoni per uno come me che ama il calcio (non ricambiato, lo so) era un piccolo sogno: inutile nascondersi, siamo uomini. Però sono il presidente del consiglio di un paese che non merita polemiche ridicole come questa. Non hanno paura di me calciatore. Hanno paura di chi vuole cambiare l’Italia, restituire speranza, cambiare la protesta in proposta. Per questo tutti i giorni attaccano sul personale, sul pesante. Va bene, lasciamoli fare, mettiamo al sicuro ciò che non merita di essere sporcato. Io quest’anno non gioco. Ma Chiedo comunque alla mia Firenze di rispondere alla grande. Che l’Artemio Franchi sia pieno, che siano tante le donazioni, che sia una grande festa. Mostriamo in diretta tv il cuore grande di questa città così solida, perché solidale. E le lasciamo le meschinità a chi se le può permettere.

Un sorriso e avanti tutta”

Matteo Renzi alla Partita del Cuore: polemiche sulla Par Condicio

Articolo del 22 aprile ore 11:11 - «Loro mi passano la palla e io, tic, la butto dentro». Il piano per fare gol è pronto. Matteo Renzi l’ha spiegato in una recente intervista rilasciata a La Stampa, annunciando la sua partecipazione alla prossima Partita del cuore in favore di Emergency. Il Presidente del Consiglio scenderà in campo per il match amichevole che si disputerà il 19 maggio prossimo a Firenze, e assieme a lui ci saranno – tra gli altri – Giancarlo Antognoni, Gabriel Omar Batistuta, Roberto Baggio ed i giocatori della nazionale cantanti. Alla conduzione Carlo Conti.

L’evento verrà trasmesso in diretta su Rai1, a sei giorni esatti dalle prossime elezioni europee. Al riguardo, c’è già chi ha fatto notare che la presenza in campo di Matteo Renzi potrebbe violare la par condicio vigente: al di là del meritorio scopo dell’iniziativa, infatti, la performance in prime time del premier calciatore potrebbe essere considerata come uno spot elettorale in suo favore. Del resto, le norme di garanzia sulle comunicazioni elettorali parlano chiaro: in par condicio non si possono riprendere esponenti politici in programmi di intrattenimento e al di fuori degli spazi di informazione già selezionati.

Sul manto erboso dello stadio Artemio Franchi, peraltro, ci sarà anche Dario Nardella, fedelissimo renziano e candidato sindaco di Firenze. Quindi doppio inghippo: l’esponente Pd giocherà in porta, e non a Porta a Porta (unico spazio in cui, eventualmente, sarebbe dovuto stare). Per ovviare al problema e dirimere la questione, la Rai potrebbe rivolgersi all’Agcom. Intanto, però, si alimentano di nuovo le polemiche sull’esposizione mediatica concessa al premier Renzi anche in queste settimane che precedono le elezioni.

Di recente, erano stati i parlamentari del Movimento Cinque Stelle a sollevare ufficialmente la questione, denunciando all’Agcom e alla Presidente Rai Anna Maria Tarantola una “vergognosa violazione del pluralismo del servizio pubblico in favore del presidente del Consiglio e dei suoi ministri”.

E ora, la partecipazione di Matteo Renzi alla Partita del cuore in diretta tv riaccende il caso.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


La Partita del Cuore 2017
La Partita del Cuore 2017: cantanti e sportivi in campo per la ricerca. Ecco chi giocherà


Renzi vs De Bortoli
Renzi attacca De Bortoli: «Dà a me la colpa per non essere entrato nel CdA Rai». Il giornalista replica


Ferruccio De Bortoli, Otto e Mezzo
Otto e mezzo, De Bortoli stronca Renzi: «L’ho definito un maleducato di talento, ora ho dubbi sul talento»


Confronto tv Primarie Pd
Primarie Pd, confronto tra i candidati in diretta su SkyTg24 e Tv8. Il conduttore Vitale: «Semprini? Io avrò un altro stile»

8 Commenti dei lettori »

1. rara ha scritto:

23 aprile 2014 alle 11:45

Sta mattina, invece, CecchiPaVone su canale5 a raccontare il suo pellegrinaggio a Medjuogorje pur essendo candidato alle Europee va benissimo..



2. giacomo bartoluccio ha scritto:

23 aprile 2014 alle 11:57

per mediaset non vale, loro fanno quello che vogliono da 20 anni
Scelta giusta di renzi, avrebbe rovinato un evento benefico.
Doveva rinunciare prima evitando polemiche un po’ giuste un po’ inutili



3. francesco ha scritto:

23 aprile 2014 alle 12:14

la rai è un canale pubblico e deve stare a certe regole..le reti private possono fare quel che vogliono! Ma se facciamo vedere Renzi giocatore per beneficenza (e magari con intervista annessa..) magari allora potremmo pure far vedere Berlusconi che aiuta gli anziani al centro sociale..direi che sono spot elettorali entrambi della stessa misura!!



4. Nina ha scritto:

23 aprile 2014 alle 12:25

Ridicoli i grillini e ridicoli quelli di Forza Italia. Matteo Renzi è il presidente del consiglio e secondo me avrebbe potuto giocare questa partita.



5. giacomo bartoluccio ha scritto:

23 aprile 2014 alle 12:58

Mediaset non può fare quello che vuole perchè c’è una legge che lo vieta. Quello che volevo dire è che mediaset se ne sbatte

C’è un’altra polemicha in queste ore quella dell’attore marescotti, protagonista in una fiction rai tagliato perchè candidato alle europee.
Io mi chiedo, ma che protestano a fare, la legge è quella e va rispettata (anche da mediaset), facessero gli attori invece di fare i politici senza arte ne parte. L’europa è una cosa seria e noi ci mandiamo le zanicchi e e le mezze calzette…



6. mugnezz ha scritto:

23 aprile 2014 alle 16:29

E secondo voi renzi andava alla partita per scopo benefico o per farsi pubblicita’ ? E secondo voi non lo intervistavano a fine partita? Questo sta’ diventando peggio di berlusconi



7. Giacomo ha scritto:

23 aprile 2014 alle 23:30

Io non riesco a vedere dov’era il problema della partecipazione di Renzi alla partita: RENZI NON È CANDIDATO!



8. Giacomo ha scritto:

23 aprile 2014 alle 23:32

Io non riesco a vedere dov’era il problema della partecipazione di Renzi alla partita del cuore: LUI NON È CANDIDATO!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.